ATP DIARY

Premio Pino Pascali 2022 | Nico Vascellari -Fondazione Pino Pascali

Testo di Leonardo Ostuni — La ricerca artistica di Nico Vascellari (Vittorio Veneto, 1976) si è sempre incentrata sugli animali, attraverso i quali egli analizza il comportamento dell’uomo e la sua evoluzione nel tempo. Il tema attraversa anche la mostra...

Nico Vascellari, Out Of Step, 2022. Three elements, mixed media on shaped canvas.135 x 158 cm (each). Partial view of the installation. Ph © Marino Colucci
Nico Vascellari, Uroboro, 2022. Wood, tire, diameter 57cm. Partial view of the installation. Ph © Marino Colucci

Testo di Leonardo Ostuni

La ricerca artistica di Nico Vascellari (Vittorio Veneto, 1976) si è sempre incentrata sugli animali, attraverso i quali egli analizza il comportamento dell’uomo e la sua evoluzione nel tempo. Il tema attraversa anche la mostra personale dell’artista, visitabile fino al 9 aprile 2023 presso la Fondazione Pino Pascali e la galleria d’arte Exchiesetta di Polignano a Mare.
L’esposizione, curata da Roberto Lacarbonara e Pier Paolo Pancotto, è stata inaugurata il 9 dicembre 2022, data in cui è stato conferito a Nico Vascellari il Premio Pino Pascali 2022 dalla commissione composta da Rosalba Branà (ex direttrice della Fondazione Pascali) e dai due curatori sopra citati.
La mostra si intitola Tre, Quattro Galline e prende il nome da un intervento installativo inedito, allestito nella sala principale della Fondazione (che lo ha prodotto e acquistato) e il cui progetto è risultato vincitore del PAC2021 – Piano per l’Arte Contemporanea del Ministero della Cultura. L’installazione Tre, Quattro Galline (2022) presenta una striscia continua di pannelli neri alle pareti, intervallati da cartoni distesi e decorati con spray e foglia d’oro; tutta la serie è costellata di occhietti (Unknown Eyes) ritagliati da animali di cartoni animati, presenti su riviste e pubblicità. Al centro del salone giace, in un apparente stato di abbandono, una scatola di cartone chiusa con dello scotch; dai fori della parte superiore fuoriescono piume di gallina, sparse sul pavimento.
L’avvicinamento provoca stupore nello spettatore, attratto dai versi delle galline che si agitano all’interno dello scatolone, spostandolo leggermente. In realtà la presenza delle galline non è fisica, ma solo evocata grazie a questa scatola animatronica che produce suoni computerizzati. Nonostante ciò, è molto probabile che lo spettatore provi una sensazione poco piacevole, forse di disturbo: non a caso l’intento di Vascellari è far riflettere in merito alle insostenibili condizioni di vita in cui versano gli animali negli allevamenti intensivi. Tutti gli occhietti intorno ci osservano, dunque è come se ammonissero l’uomo contemporaneo, responsabile di questa situazione.
Nella sala dell’Atelier Pino Pascali, l’opera Uroboro (2022) mostra un serpente in legno che, mangiandosi la coda, forma un cerchio ricoperto in buona parte da uno pneumatico. È la rappresentazione dell’attuale società, in cui la naturalità (legno) lascia sempre più il posto all’artificialità (gomma).

Nico Vascellari, Lidl 14.04.2021 Roma, 2021. Carrefour 05.04.2021 Roma, 2021. Collage on canvas, artist’s frame, 124,5 x 174,5 cm (each). Ph © Marino Colucci
Nico Vascellari, Lidl 14.04.2021 Roma, 2021. Carrefour 05.04.2021 Roma, 2021. Collage on canvas, artist’s frame, 124,5 x 174,5 cm (each). Partial view of the installation. Ph © Marino Colucci

Nella sala ospitante i Cinque bachi da setola e un bozzolo (1968) di Pino Pascali, Nico Vascellari posiziona sulla parete destra le opere Carrefour, 05.04.2021, Roma (2021) e Lidl, 14.04.2021, Roma (2021): due tele montate adiacenti una sotto l’altra e riempite di figurine di animali, provenienti da album per ragazzi e pubblicità. I due collages mettono in evidenza un ulteriore stadio “evolutivo” del concetto di animalità, quello consumistico che riduce tutto a merce.
L’artista, dunque, invita lo spettatore a non accettare passivamente la realtà che lo circonda: ci sembra di progredire continuamente ma la verità è che perdiamo di vista l’autenticità delle cose. Come nell’installazione Tre, Quattro Galline, anche nei due collages Vascellari presenta una situazione preoccupante attraverso lo strumento dell’evocazione. Quest’ultimo si presenta sotto una veste ludica e ironica, proprio come aveva fatto anni prima Pino Pascali, che nei bachi da setola identificò un geniale gioco di parole e di forme per riferirsi al consumismo dilagante della fine degli anni Sessanta.
La vicinanza di Vascellari a Pascali è evidente anche nell’opera Out of Step (2022), composta da tre elementi (due sulla parete sinistra della sala dei bachi e uno sulla parete frontale all’ingresso della sala principale). Si tratta di tre pecore stilizzate e realizzate con la tecnica della tela bianca centinata, cara a Pascali che la adoperò per le sue “finte sculture”. Gli appassionati di musica punk, genere musicale in cui si è formato e cimentato in passato Vascellari, individueranno il riferimento dell’opera Out of Step all’omonimo album (datato 1983) dello storico gruppo statunitense Minor Threat. La mostra Tre, Quattro Galline prosegue in questa direzione presso Exchiesetta, che ospita l’opera neon inedita W.F.Y. (2022).
Visitabile h24 solo dall’esterno, l’installazione ha per titolo l’acronimo di Web Free Youth; il mondo del web, rappresentato da una ragnatela illuminata, non è in questo caso sinonimo di condivisione, dunque non possiede un’accezione positiva. Al contrario, l’attenzione si sposta sul singolo e quindi sui rischi di omologazione, dipendenza e controllo che la rete è in grado di generare. Come in Out of Step, Vascellari chiama in causa la lezione punk dei Minor Threat; attraverso la grande “X” illuminata di rosso al centro della ragnatela, l’artista esprime il netto rifiuto di questa condizione, pensando allo stile di vita straight edge (sXe) del gruppo statunitense, che prevedeva la totale astinenza dal consumo di tabacco, alcool, droghe e qualsiasi altra forma di dipendenza.

Premio Pino Pascali 2022 – XXIV edizione: Nico Vascellari
9 dicembre 2022 – 9 aprile 2023Fondazione Pino Pascali e Exchiesetta, Polignano a Mare

Nico Vascellari, Tre, Quattro Galline, 2022. Installation view. Ph © Marino Colucci
Nico Vascellari, Unknown Eyes, 2022. (Detail) Series of 88. Spray paint and gold leaf on cardboard, artist’s frame. Multiple dimensions. Partial view of the installation. Ph © Marino Colucci
Nico Vascellari, Tre, Quattro Galline, 2022. (Detail) Animatronics box. 60 x 40 x 80 cm. Partial view of the installation. Ph © Marino Colucci
Nico Vascellari, W.F.Y., 2022. Neon, 192 x 192 cm. Installation view. Ph © Marino Colucci