ANORAK
APARTAMENTO
BADLAND
BEAUTY PAPERS
BERLIN QUARTERLY
BRICK
BROCCOLI
BUFFALO
CABANA
CARTOGRAPHY
DISPENSA
EDITORIAL
EYE
FLANEUR
GAY LETTER
GENTLEWOMAN
GIRL LIKE US
GOOD SPORT
JOURNAL DU THE
KINK

I magazine indipendenti spesso affiancano all’attività editoriale tradizionale un’intensa e curata produzione di contenuti digitali, al punto che i profili social delle riviste diventano talvolta dei progetti editoriali compiuti e complementari alla pubblicazione cartacea.

Tra le piattaforme social Instagram è di gran lunga il network prediletto perché pone al centro le immagini, quella cultura visiva che nei magazine gioca un ruolo importante, spesso centrale. Con hashtag, dirette, storie, filtri, repost, le riviste riescono a raggiungere un pubblico sempre più ampio e soprattutto ad interagire con i propri lettori.

Scorrendo le singole bacheche dei magazine, in particolare la sezione post in cui ti hanno taggato, salta agli occhi la presenza di numerose immagini pubblicate dai follower intenti a leggere le riviste. L’atto di fotografarsi con un magazine diventa così a tutti gli effetti un genere fotografico fatto di pose, ambientazioni, elementi e mimiche ricorrenti, ma anche di inaspettata creatività. Poco importa se la lettura sia reale, presunta o finta, quello che conta è farsi fotografare con la rivista, elevata a sorta di status symbol contemporaneo.

Il progetto “The magazine has been tagged” racconta questo fenomeno attraverso una selezione di quaranta post, catturati nelle pagine Instagram di alcuni dei magazine più interessanti in circolazione.

A cura di Francesca Spiller, fondatrice Reading Room

LUNCHEON
MARFA
MARFA
PEDDLER
PERDIZ
PLASMA
PLEASE
REAL REVIEW
RECORD
SABAT
SKIRT
SPIKE
SYSTEM
THE PLANT
VESTOJ
VICTORY
WALLET
YOLO