27 febbraio 2012

Photo Report / Kaarina Kaikkonen / Huma Bhabha / Collezione Maramotti

Kaarina Kaikkonen,  Are We Still Going On?, veduta della mostra. Collezione Maramotti, Reggio Emilia, Ph, C. Dario Lasagni
Kaarina Kaikkonen, We Are All in The Same Boat, 2008 – Eskilstuna Art Museum, Eskilstuna (Svezia)
 
Kaarina Kaikkonen, And It Was Empty, 2007 – Art Museum, University of Wyoming, Laramie (WY, USA)
***
Kaarina Kaikkonen 
Are We Still Going On?
Pensata per la ex fabbrica di abbigliamento Max Mara, ora sede della Collezione Maramotti, la grande installazione Are We Still Going On? di Kaarina Kaikkonen segue e accompagna la struttura compositiva dell’edificio, esempio peculiare di architettura brutalista e organicista degli anni Cinquanta.

L’installazione si compone di due strutture simmetriche che evocano lo scheletro di una grande barca. La semplice carena è sezionata in due parti che si sviluppano dal soffitto fino a tangere il pavimento, con un medesimo ritmo compositivo semicircolare realizzato con abiti annodati tra loro. Per la scelta dei colori che delineano le due strutture complementari, gli abiti suggeriscono un dialogo simbolico tra il maschile e il femminile: chiari da un lato, dai toni più freddi dall’altro. Dal tutto emana una combinazione coloristica di armonica bellezza.


(da CS)
*** 
 Huma Bhabha, Players, Veduta della mostra Courtesy: Collezione Maramotti Ph. C. Mattia Quartieri
 Huma Bhabha, Count, 2006, legno, polistirolo, ferro, rete metallica, argilla, collage e acrilico
Courtesy Collezione Maramotti
 
Huma Bhabha,  Humwawa, 1995 – Courtesy of the artist and Salon 94 Gallery
 Huma Bhabha, Untitled, 2011 – Courtesy of the artist and Salon 94 Gallery
***
Huma Bhabha 
Players 

“Mi sono sempre piaciuti i film horror e di fantascienza. Mi ricordo di aver visto Star Trek da bambina e dopo di essere stata influenzata da 2001: Odissea nello spazio. Poi, mano a mano che il mio lavoro si sviluppava e mi rendevo conto che esso aveva affinità con i film di David Cronenberg o quelli della serie “Alien”, iniziai a esplorare la fantascienza in maniera più profonda. Divenne chiaro che i temi affrontati dal genere – lo stato del mondo, il futuro e il destino degli esseri umani – avevano corrispondenza con i miei interessi e sensibilità. Quando guardavo film e fumetti di fantascienza, mi appariva chiaro come gli artisti che li creavano si servissero di maschere africane e dell’arte di altre epoche e culture per sviluppare i loro personaggi. Così iniziai a comprare maschere di plastica dozzinali per usarle come armature per sculture fatte a maschera molto più elaborate che incorporavano carta pesta, pasta per modellare e oggetti di recupero.
A queste opere seguì alla fine degli anni ‘90 una serie di sculture più intime, sacrari personali in scala ridotta, realizzate con materiali di recupero e oggetti che dipingevo o alteravo. I tempietti avevano una qualità figurativa, quasi paesaggistica che anticipava i lavori più recenti, ma non avevo ancora pensato di poterli costruire in un modo più aperto e meno rifinito.”
  
“Il mio processo aveva sempre avuto un inizio, una parte centrale e una fine. Mi resi conto invece che ora potevo fermarmi quando trovavo qualcosa che mi interessava. Questa scoperta trasformò il mio lavoro, potevo lasciare le cose più aperte e grezze, con maggiori spazi nei quali gli osservatori potessero entrare a piacimento.” 
Huma Bhabha
***
Le mostre personali di Huma Bhabha e Kaarina Kaikkonen, sono ospitate alla Collezione Maramotti (Reggio Emilia) fino al 15 aprile 2012.
Discussion6 Comments Category Collezione Maramotti, Huma Bhabha, Kaarina Kaikkonen, Max Mara, Reggio Emilia

6 Responses to Photo Report / Kaarina Kaikkonen / Huma Bhabha / Collezione Maramotti

  1. Grande Maramotti, illuminato mecenate italiano. Mai più panni stesi.

  2. Suspended Shirt Installations by Kaarina Kaiakkonen | Funniez.com

  3. Suspended Shirt Installations by Kaarina Kaiakkonen | Modernism

  4. Installation Art by Kaarina Kaikkonen | BARBOUR DESIGN

  5. Suspended Shirt Installations by Kaarina Kaikkonen | Culture Scribe

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>