Progetto allestimento,   Architettura Errante,   Careof Milano 2013

Progetto allestimento, Architettura Errante, Careof Milano 2013

Inizia con una serie di domande, poi con la festa di domani 17 dicembre … e non senza un po’ di mistero quello che sulla carta sembra essere l’inizio del nuovo CAREOF! Tutti a festeggiare dunque, nella speranza che chi ben inizia in allegria, sia già a metà dell’opera!

Che cos’e? Careof? Cosa vuole diventare? Come prendersene cura?

Taking Careof vuole essere prima di tutto un progetto. Poi un suggerimento, una domanda aperta, una mostra, un party, un gesto apotropaico.  Questo primo atto (la festa) si presenta come una sfida che Careof ha scelto di correre, nel momento in cui ha deciso di non chiudere, ma di ripartire. In che modo? Ponendosi delle domande.

Taking Careof apre questa riflessione, e lancia le basi di un processo piu? lungo, volto alla ridefinizione di ruoli e obiettivi che un’istituzione culturale oggi deve avere, a partire dalla sua funzione sociale oltre che artistica e dalla necessita? di adeguarsi o dissociarsi dai tempi della politica, della societa?, della cultura.

Il 17 dicembre Careof ospita la festa: si beve, si mangia, si balla (gratis con i dj set di PalmWine/Francesco Tenaglia). Avrete la possibilita? di acquistare un ruolo ( la membership pensata da Stefano Arienti), un servizio (eventi e cene alle residenze in programma da gennaio 2014), una serie di libri allestiti per l’occasione, vecchi e nuovi (il nuovo bookshop curato da Saul Marcadent), contribuendo cosi? ad alleggerire le pesanti economie che hanno bisogno di risollevarsi. Taking Careof e? il filo rosso attorno al quale vertera? la nuova programmazione e struttura, che incorpora la ricchezza accumulata in questi oltre 25 anni di storia per sviluppare un’identita? nuova.

Ricapitolando, gli artisti e curatori a cui sono state commissionate le ‘prime mosse’ sono:  il bar e le sedute ( AUT/StudioErrante Architetture/ Andrea Tomasi), la grafica ( AUT), la prima tessera di Careof ( Stefano Arienti), il dj set ( PalmWine/Francesco Tenaglia), una selezione di libri ( Saul Marcadent), la libreria pratica (Mae?l Veisse/Viaindustriae), il totem archive (direttamente dall’archivio Careof DOCVA).

Un luogo trasfigurato che annuncia, attraverso apparizioni visive, obiettivi e progettualita? per l’anno venturo, chiarite da formalizzazioni di oggetti, immagini e parole. Un comunicato stampa espanso, che rimette Careof al centro di una riflessione importante da condividere e far circolare. Per tutto il mese di gennaio questo spazio restera? attivo, fruibile e visitabile, per ospitare e promuovere incontri, lectures, presentazioni, proiezioni.

BUON DIVERTIMENTO ?

? CS TAKING CAREOF La festa

? Pressrelease TAKING CAREOF The Party

TAKING CAREOF

TAKING CAREOF

STESSA SERA / SHOT STORE #1_CANEDICODA

Spazieren gehen / Find your niche

opening: martedì 17 dicembre 2013, dalle 18.30 alle 21.00
store dal 18 al 20 dicembre 2013, dalle 11.00 alle 19.00
sede: Viafarini DOCVA, Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, Milano

Canedicoda è un designer che, prendendo spunto da una precisa e personale idea di disegno, spazia trasversalmente tra arte, musica, creazione di abiti ed ambienti. Il disegno, dunque, come matrice: come se potesse prendere piu’ forme, non solo sulla carta, ma concretizzarsi attraverso altri materiali ed incrociare altri utilizzi. Disegnare suoni, suonare ambienti, vestire spazi, indossare segni.

Il temporary store presentato a Viafarini DOCVA
è uno scorcio su questo fare che riconfigura con cautela i processi produttivi del design: un’istantanea di quel momento necessario che da un lato spinge Canedicoda a instaurare contatti con l’esterno – ad andare a passeggio – ma che, ancor di più, lo mette in relazione con un suo interno curioso, un delicato cocoon.

A cavallo tra lo store commerciale e l’atelier, spazieren gehen / find your niche raccoglie in uno spazio segnato da primitive strutture in legno e corda, video astratti, sfondi e decori in movimento, degli abiti da provare e soprattutto da capire.

Il motore del lavoro plastico di Canedicoda è una volontà di manualità motivata dal desiderio profondo di realizzare, plasmare e saper costruire da sé. Una pratica che si nutre dell’intimità propria all’atto del “disegnare liberamente”, ricreato in modalità diverse ed allo stesso tempo tutelato nella sua purezza. Velati dietro una dimensione estetica non sempre rifinita, si muovono un’anima naturale e un tropismo verso l’essenza degli oggetti e la loro possibile unità.

SHOT STORE #1_CANEDICODA

SHOT STORE #1_CANEDICODA

Bookshop,   Careof Milano 2013

Bookshop, Careof Milano 2013

Bookshop,   Careof Milano 2013

Bookshop, Careof Milano 2013

Bookshop,   Careof Milano 2013

Bookshop, Careof Milano 2013

Il Set - Care of,   Milano

Il Set – Care of, Milano

Il Set - Care of,   Milano

Il Set – Care of, Milano

Il Set - Care of,   Milano

Il Set – Care of, Milano

Il Set - Care of,   Milano

Il Set – Care of, Milano