palazzodelpodesta_1

English text below 

Un equilibrio tra forze: da una parte la solidità della tradizione, dall’altra l’energia di idee e proposte contemporanee.
E’ da questa simmetria che nasce il Ducato Prize: un riconoscimento che promuove sia l’arte contemporanea che le potenzialità di un territori come quello di Parma e Piacenza che, come ci racconta nell’intervista che segue Michele Cristella (il curatore del premio), “la cultura della contemporaneità è molto distante, come accade in tante realtà provinciali”.
Il premio, lanciato alla fine dello scorso anno, è articolato in due sezioni: Premio Arte Contemporanea e Premio Accademia. L’iniziativa è̀ dunque rivolta a premiare sia gli artisti già ‘navigati’ che talenti più giovani, ancora iscritti presso istituti di formazione.
Per la sua prima edizione il Ducato Prize ha coinvolto come giurati Attilia Fattori Franchini, Marina Dacci, João Laia, Claudia Losi, Domenico Quaranta e Alberta Romano.

Il Premio Arte Contemporanea consiste in un premio acquisto di 7.000 euro. La giuria è chiamata ad assegnare inoltre un Premio Speciale di 2.500 euro.
I premi per la sezione Accademia verranno assegnati ai tre artisti più meritevoli iscritti presso istituti d’arte, nazionali e internazionali, pubblici e privati, entro i 25 anni di età che riceveranno un premio acquisto di 500 euro l’uno.
Le iscrizioni al Ducato Prize sono ancora aperte fino al 28 febbraio 2019. La giuria si riunirà ad aprile per decretare finalisti e vincitori.
Come conclusione, il Ducato Prize ha in programma una mostra presso il Palazzo Del Podestà di Castell’Arquato (PC) con  le opere dei 10 finalisti della sezione Arte Contemporanea e dei tre vincitori del Premio Accademia.
Per ulteriori informazioni ducatoprize.com

piazza

Segue l’intervista con Michele Cristella —

ATP: Il Ducato Prize è nato dalla volontà di promuovere un dialogo tra l’arte contemporanea e il territorio del ducato di Parma e Piacenza. In concreto, quali sono gli obbiettivi da promuovere?

Michele Cristella: Gli obbiettivi sono a lungo termine e riguardano per l’appunto il rapporto tra territorio e arte contemporanea. Il focus è sulla Val D’Arda, esattamente a metà tra le province di Parma e Piacenza dove spesso, se non sempre, la cultura della contemporaneità è molto distante, come accade in tante realtà provinciali. Qui si gode della saggezza delle tradizioni, ma non si percepisce l’energia del “nuovo”, il nostro timido tentativo è quello di cercare un po’ di equilibrio tra queste forze.
Ducato Prize è il primo passo della neonata associazione Coil Art Motive che, nel concreto, successivamente al premio vuole intraprendere una programmazione di eventi di carattere espositivo, performativo e didattico.
Per quanto riguarda il Ducato Prize pensavamo sarebbe stata l’occasione ideale per portare qui un po’ di energie nuove, dai giurati chiamati a confrontarsi e a conoscere meglio questo territorio italiano, agli artisti che esporranno negli spazi del Palazzo del Podestà di Castell’Arquato dal 18 maggio al 23 giugno 2019.

ATP: Si richiede agli artisti partecipanti di proporre delle opere che suscitino una riflessione critica sugli aspetti significativi della società contemporanea. Quale messaggio forte ricercate nelle ricerche degli artisti?

MC: Non c’è un messaggio chiaro che ricerchiamo dagli artisti, noi per primi non troviamo chiare molte dinamiche della nostra società. La grande sfida degli artisti contemporanei sta proprio nel non cadere vittima di questa confusione, non cadere in balia di facili discorsi, di retorica, di banalità, di sola forma, di omologazione; cerchiamo artisti in grado di esprimere la propria percezione del mondo attraverso un’estetica autentica. Sono accettate opere di qualsiasi genere: pittura, disegno, grafica, digitale, scultura, installazione, video-arte, performance, sound-art e fotografia.

ATP: Il premio coinvolge non solo artisti, nazionali e internazionali, ma anche studenti degli istituti d’arte. Perché allargare ad una fascia così giovane la partecipazione al premio?

MC: La partecipazione al premio da parte degli studenti di Istituti d’arte e Accademie è stata inserita perché vogliamo sondare cosa accade nelle scuole d’arte oggi, cercare di capire quali siano le tendenze creative in questo momento, sia dal punto di vista delle tematiche che nella formalizzazione dei lavori e anche per dare un prezioso supporto, incoraggiamento e conferma a chi si trova in questa fase formativa.
Sicuramente la soddisfazione più grande per gli studenti degli istituti d’arte, nazionali e internazionali, sarà la possibilità di conoscere, ascoltare e confrontarsi con dei professionisti del settore come Marina Dacci, Attilia Fattori Franchini, João Laia Claudia Losi, Domenico Quaranta e Alberta Romano. Purtroppo capita sempre più spesso di assistere a polemiche su una presunta limitatezza delle accademie italiane, noi nel nostro piccolo, proveremo a portare al loro interno visioni diverse, nazionali e internazionali, in grado di approfondire la conoscenza e la curiosità degli studenti nei confronti della scena artistica contemporanea.

thumbnail_ducato-fbcover-12

This year the Ducato Prize opens its doors to its first edition.

The Ducato Prize is born between the provinces of Parma and Piacenza, from the need to raise awarness around the territory about the contemporary art, focusing its attention on national and international artists of the last generations, who through their research are able to arouse critical thoughts on the most significant aspects of our contemporaneity.

The award will be divided into two sections:
Premio Arte contemporanea (Contemporary Art Prize) and Premio Accademia (Academy Award).
The initiative will therefore be aimed at rewarding both artists who have already taken a journey within the contemporary art world, and younger artists, still enrolled in training institutes and schools, in order to honour their originality and to stimulate their development.

The Ducato Prize for its first edition decided to involve an exceptional jury distinguished by the professionalism and the heterogeneity of its components:
Attilia Fattori Franchini, Marina Dacci, João Laia, Claudia Losi, Domenico Quaranta and Alberta Romano.

The Premio Arte Contemporanea ( Contemporary Art Prize) consists of a Purchase Prize of 7000 euros.
The jury is also called to award a Special Prize of 2500 euros.
The awards for the Accademia (Academy) section will be assigned to the three most deserving artists enrolled in art institutes, national and international, public and private, within 25 years of age who will receive a Purchase Prize of 500 euros each

Registration for the Ducato Prize is open from December 1st to February 28th 2019. The jury will meet in April to decree finalists and winners.
The Ducato Prize will end with an exhibition at Palazzo Del Podestà in Castell’Arquato (Pc) which will include the works of the 10 finalists of the Arte Contemporanea
(Contemporary Art) section and of the three winners of the Premio Accademia (Academy Award).

Vernissage and Proclamation: May,18 Saturday 2019

Palazzo del Podestà, Castell’Arquato (Piacenza)
Final Exhibition:
From May,19 to June,23 2019
Curated by Michele Cristella

panorama