Marco Ceroni, Pupa, 2019, performance, 3’30”, still dal video di documentazione diretto da Marco Armando Piccinini ed Edoardo Mondonico – Ph.Fabrizio Stipari

PUPA è un momento di tensione.

In quel momento sono racchiusi elementi della mia ricerca, ma anche ricordi, pulsioni e desideri.

Il rituale tribale si mischia con un incidente stradale. E questo è inevitabilmente legato a Saruz, che si è sganciata dalla realtà che conosciamo anticipando tutti noi. E quando dico noi parlo dei miei.

Mi sono preso la libertà di cambiare la storia immaginando il finale che avrei voluto: la mutazione che avviene nell’impatto di uno scontro automobilistico non si compie in maniera definitiva e la tribù abbandona la scena del rito unita.

PUPA esiste solo per l’amicizia.
Impregna tutto il processo di creazione. È la sua sostanza.
Diventa la prova tangibile della propria esistenza.
Questo affetto è quello che trasforma un gruppo di persone in qualcosa di altro. In un NOI che si esprime nelle sue molteplicità e con le sue differenze. Con i propri riti e le proprie efferatezze. Un’amicizia iperbolica.

La performance non esisterebbe se non ci fossero stati tanti amici a renderla possibile: dalla Romagna a Milano. Grazie a Vale, la mia complice. Grazie a Osso, l’amico di sempre. Grazie a quelli che mi hanno prestato i motorini e grazie alla selvaggia tribù di amici che li ha guidati: Claudia, Niki, Linda, Stefano e Ste. Grazie a Nat perchè senza di lei una carena di scooter non sarebbe mai diventata una maschera indossabile. Grazie a Marco ed Edo che hanno girato il video. Grazie a Sinuo, la ballerina, che ha capito tutto senza bisogno di parole.
Grazie a te Sister!

Marco Ceroni, Pupa, 2019, performance, 3’30”, still dal video di documentazione diretto da Marco Armando Piccinini ed Edoardo Mondonico – Ph.Fabrizio Stipari
Marco Ceroni, Pupa, 2019 – Backstage. Ph.Alessandro Ossani.

Ha collaborato alla rubrica Irene Sofia Comi

Per leggere gli altri interventi di I (never) explain

I (never) explain è uno spazio che ATPdiary dedica ai racconti più o meno lunghi degli artisti e nasce con l’intento di chiedere a una selezione di artisti di scegliere una sola opera – recente o molto indietro del tempo – da raccontare.
Una rubrica pensata per dare risalto a tutti gli aspetti di un singolo lavoro o serie, dalla sua origine al processo creativo, dall’estetica al concetto.