ATP DIARY

Gianfranco Baruchello. Psicoenciclopedia possibile 

Il 9 dicembre 2021 il progetto di Gianfranco Baruchello, Psicoenciclopedia possibile, viene presentato al CIMA di New York dopo gli appuntamenti di Ginevra, al Centre d’Art Contemporain Genève, e Parigi, presso la Bibliothèque Kandinsky – Centre Georges Pompidou. Un progetto, realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (VII edizione, 2019), che riflette sulla trasmissione del sapere, […]

Gianfranco Baruchello, Psicoenciclopedia possibile

Il 9 dicembre 2021 il progetto di Gianfranco Baruchello, Psicoenciclopedia possibile, viene presentato al CIMA di New York dopo gli appuntamenti di Ginevra, al Centre d’Art Contemporain Genève, e Parigi, presso la Bibliothèque Kandinsky – Centre Georges Pompidou. Un progetto, realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (VII edizione, 2019), che riflette sulla trasmissione del sapere, attraverso un dialogo tra scrittura e arti visive. Baruchello costruisce la Psicoenciclopedia possibile come un volume dell’Enciclopedia Treccani, senza esserlo, per analizzare il modo in cui la conoscenza viene trasmessa, attraverso uno sguardo inconsueto e inedite convergenze. Il volume conta 1200 voci, collegate a 200 tavole d’immagini, frutto di un’ibridazione tra diverse fonti. 

La conferenza del 9 dicembre 2021, moderata da Massimiliano Gioni e Nicola Lucchi, si articola in due panel – con interventi di Maria Alicata, Franco Baldasso, Raffaele Bedarida, Lara Demori, Bracha L. Ettinger, Sarah Hamill, Sharon Hecker, Teresa Kittler e Carla Subrizi, Presidente della Fondazione Baruchello – e diviene un’occasione per visionare il volume e approfondire la pratica e il pensiero dell’artista, grazie ad una serie di disegni allestiti per l’occasione. Il montaggio di materiali e l’archivio, la scrittura come ricerca e riduzione pittorica, la memoria, sono solo alcuni dei temi trattati, accompagnati ed ulteriormente esplorati grazie ad un’edizione minor in 1000 esemplari della Psicoenciclopedia

L’alfabeto è il punto di partenza nella costruzione del volume, risultato dell’assemblaggio di più fonti, scritte – appunti, trascrizioni, note a margine – e visive, spesso immagini trovate e provenienti da materiali esistenti. La relazione e l’ars combinatoria rappresentano il cuore della Psicoenciclopedia, funzionale alla costruzione del “piacere di pensare” e alla destrutturazione del rapporto causa-effetto o di una qualsiasi consequenzialità logica nel pensiero. In questo progetto, Baruchello – scrittore, pittore e filmaker, attivo fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso – va oltre i limiti imposti dal pensiero tradizionale, accettando qualsiasi apertura possibile nell’acquisizione della conoscenza. 

Biblioteca Kandisky – Centre Pompidou Parigi
Centre d’Art Contemporain Genève – Gianfranco Baruchello – Photo Julien Gremaud
Gianfranco Baruchello Piccolo Sistema 2012-2013 Courtesy Fondazione MAXXI, photo: Giorgio Benni
CAMONI_ATP-DIARY_250x500