Adesso No | NAM – Not A Museum | Manifattura Tabacchi, Firenze

Il leitmotiv della mostra sembra fondarsi su un tentativo reiterato di disorientamento, oltre che su “un invito ad ascoltare e ascoltarsi che nasce dalle frequenze messe in atto dalle opere in reazione agli automatismi dell’attuale paradigma tecnologico”.
18 Maggio 2022
Adesso No | Installation view -NAM – Not A Museum | Manifattura Tabacchi, Firenze – ph. Carlo Favero

Nell’ambito del programma di mostre promosso da NAM – Not A Museum, Adesso No, la collettiva curata da Bruno Barsanti e Gabriele Tosi, ci invita a riflettere sui cambiamenti che hanno segnato le nostre vite in rapporto alla notevole diffusione di strumenti tecnologici.
Composta da opere di Lorenzo Lunghi, Cecilia Mentasti, Amitai Romm, Elisa Strinna, Evita Vasiljeva, Jason Hendrik Hansma e Kristoffer Kjærskov – per questi ultimi due si tratta della prima volta in cui presentano un lavoro in Italia – la mostra prende spunto da una vecchia pubblicità del 2000 di una nota azienda di telecomunicazioni, diretta da Chris Cunningham e interpretata da un giovane, ma già famoso, Leonardo DiCaprio: disteso in un campo di grano, a godersi la quiete della natura, l’attore statunitense rispondeva “adesso no” a un improvviso sms in cui gli si chiedeva quando sarebbe rientrato. A concludere il video, era la frase: “La tecnologia è importante. Ma anche tutto il resto”.

Si capisce bene, dunque, come la mostra allestita nei sotterranei di Manifattura Tabacchi a Firenze – un ambiente suggestivo dal tipico sapore industrial, con tanto di tubature, cavi e muri semi-logorati – si concentri su un tentativo di “disconnessione dalle infrastrutture che regolano il presente nel segno dell’efficienza e dell’ottimizzazione”. In un luogo che sembra astrarsi dal tempo, scavato sottoterra e, perciò, isolato da ciò che avviene in superficie, l’intento è quello di risparmiare il pubblico – anche solo per qualche minuto – dal quotidiano caos tecnologico, dalla sottile, quanto evidente, relativa subordinazione alla quale siamo costantemente soggetti.

Adesso No | Installation view -NAM – Not A Museum | Manifattura Tabacchi, Firenze – ph. Carlo Favero

Facendo capo alla multidisciplinarietà degli artisti coinvolti, Adesso No si esplica attraverso i diversi linguaggi del video, della scultura e dell’installazione: dalle reti di letti impraticabili di Bed-room-bed di Evita Vasiljeva – composte da fili della corrente elettrica – si passa al contenitore luminoso di Kristoffer Kjærskov intitolato Partition Wall – sorta di armadio trasparente contenente reperti prelevati dagli stessi spazi di Manifattura – per poi giungere alle parabole di Amitai Romm, intitolate per l’appunto Parable, sulla cui superficie presentano dei piccoli fossili paleozoici; alle vie di fuga inesistenti segnalate da Lorenzo Lunghi e Cecilia Mentasti rispettivamente in The Anxiety Parasite e Ovunque ma non qui; alle esplosioni sotterranee di una banca presenti nel video Unproductive Glory di Elisa Strinna; e, infine, ai laser proiettati da Jason Hendrik Hansma in Untitled (not now, not quite), i quali incrociano i corpi dei visitatori in una sorta di scansione continua.

Il leitmotiv della mostra sembra fondarsi, dunque, su un tentativo reiterato di disorientamento, oltre che su “un invito ad ascoltare e ascoltarsi che nasce dalle frequenze messe in atto dalle opere in reazione agli automatismi dell’attuale paradigma tecnologico”. Un salto in una dimensione parallela, nella quale bisogna perdersi per trovare una possibile via d’uscita: questo parrebbe essere l’antidoto suggerito da Adesso No per cercare di sopravvivere a un presente ipertecnologico e ultra-modernizzato, che ha addirittura superato, esasperandola, la condizione descritta magistralmente da Charlie Chaplin in Modern Times. Non resta, a questo punto, che continuare a ricordare il messaggio lanciato sul finale da quella pubblicità del 2000, fonte d’ispirazione per la mostra in questione, sperando che un giorno venga messo finalmente in pratica.

Adesso No 
Promossa da NAM – Not A Museum

A cura di Bruno Barsanti e Gabriele Tosi
Dal 5 maggio 2022 al 5 giugno 2022
Manifattura Tabacchi, Firenze, via delle Cascine 35

Adesso No | Installation view -NAM – Not A Museum | Manifattura Tabacchi, Firenze – ph. Carlo Favero
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites