In continuità con l’esperienza precedente ma su basi diverse, Walk-in Studio si propone come iniziativa collettiva e orizzontale per continuare e sviluppare le opportunità di scambio e confronto avviate nelle scorse edizioni. Per questo un gruppo di artisti e di persone attive nell’ambiente milanese hanno costituito l’Associazione Spazi e Studi Festival  – di cui anche chi scrive è parte –per promuovere pratiche di autogestione delle risorse e dei bisogni culturali espressi dagli aderenti  e dal territorio. L’apertura degli studi è emersa come esigenza condivisa e prioritaria e si è deciso di rimettersi in gioco per riproporla offrendo un’occasione per incontrarsi, conoscersi, scambiare idee e proporre progetti in una dimensione partecipativa che, in un’ottica di superamento dei ruoli imposti dal sistema, va ben oltre la volontà di esporre il proprio lavoro.

L’organizzazione collettiva è stata scelta come pratica per garantire trasparenza nella gestione,  pluralità di punti di vista e inclusività.  Tutte le persone interessante e disponibili sono invitate ad associarsi e a partecipare attivamente alla costruzione del progetto che vuole essere ampio e variegato e rappresentativo della ricchezza delle diverse proposte, esperienze e saperi che ognuno vorrà liberamente condividere.

La formula non cambia: la partecipazione è aperta a studi d’artista e spazi no profit – informazioni e  scheda di partecipazione su www.walkinstudio.it –  le aperture sono organizzate per zone secondo un calendario giornaliero che mappa la geografia creativa esistente nel territorio.

Per gli artisti una vetrina ma anche un laboratorio sinergico e una rete rizomatica di relazioni e la possibilità di un contatto diretto, informale e senza mediazioni con il vicinato, il quartiere e la città.

Walk -in Studio è un puzzle in divenire, il cui disegno finale dipende dalla disponibilità e dalla creatività di chi vorrà fare parte.

Be part of us!

Per informazioni e per partecipare www.walkinstudio.it