1978-2018 - work in situ  scaffolding, white matt adhesive vinyl large 8,7 cm on green painted wood work space dimension - Courtesy: the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana - Photo by: Andrea Rossetti Photo caption: installation view Art Basel Unlimited, Basel 2018

1978-2018 – work in situ scaffolding, white matt adhesive vinyl large 8,7 cm on green painted wood work space dimension – Courtesy: the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana – Photo by: Andrea Rossetti Photo caption: installation view Art Basel Unlimited, Basel 2018

Constatiamo che quest’anno la sezione Unlimited di Art Basel di confini ne presenta parecchi: installazioni meno monumentali, proliferare di video, bidimensionalità in voga.  La sezione è dislocata al primo piano anziché al piano terra, e già questo fa intuire come gli allestimenti siano stati meno faticosi di altre edizioni – anche se va detto che muoversi tra Art Basel, Unlimited e Design è positivamente meno labirintico.
Abituati ad incontrare in questa sezione lavori museali muscolosi e mastodontici, l’edizione 2018 pare ridimensionata: individuare ottimi interventi non è certo comunque un’impresa ardua, consapevoli che la selezione rimane sempre profondamente ed intrinsecamente soggettiva.

Daniel Buren – Una cosa tira l’altra, 2015 – 2018
Galleria Continua (San Gimignano, Italy)
Trattandosi quasi della prima installazione in cui ci si imbatte, l’inizio è promettente. Daniel Buren presenta un enorme sovrapassaggio in tubolari, una sorta di tribuna interamente fruibile, dal quale è possibile godere di una vista inedita del resto dello spazio espositivo – visuale che conferma quanto scritto sopra rispetto alla mancata monumentalità imperante.  Le stripes verdi e bianche riconducono istantaneamente all’artista francese.

1978-2018 - work in situ  scaffolding, white matt adhesive vinyl large 8,7 cm on green painted wood work space dimension - Courtesy: the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana - Photo by: Andrea Rossetti Photo caption: installation view Art Basel Unlimited, Basel 2018

1978-2018 – work in situ scaffolding, white matt adhesive vinyl large 8,7 cm on green painted wood work space dimension – Courtesy: the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana – Photo by: Andrea Rossetti Photo caption: installation view Art Basel Unlimited, Basel 2018

Ana Lupas – Christmas trees for The years to come, 1993
P420 (Bologna, Italy)
Doppietta di gallerie italiane che centrano il concept del senza confini regalandoci lavori che difficilmente sarebbe stato difficile installare altrove. Ana Lupas presenta “un albero di Natale per gli anni che verranno”, un’allusione ad uno dei simboli della tradizione e del consumismo reso maestoso scheletro arboreo fluttuante.

Ana Lupas, Christmas trees for the years to come, 1993, wood, gold leaf, wires, hemp, papier mache, aluminum foil, 122 x 2076 x 98 cm (Ph.A.Rossetti_19A0708)(Courtesy the artist and P420, Bologna)

Ana Lupas, Christmas trees for the years to come, 1993, wood, gold leaf, wires, hemp, papier mache, aluminum foil, 122 x 2076 x 98 cm (Ph.A.Rossetti_19A0708)(Courtesy the artist and P420, Bologna)

Horia Damian – GALAXY. Project for a monument in Houston, Texas 1972 – 2018
Plan B (Berlin, Germany)
Un monolite alieno atterrato in fiera: 11 metri per la scultura geometrica GALAXY di Horia Damian, la cui superficie superiore é ricoperta di piccole sfere, immaginata inizialmente per il paesaggio lunare del deserto di Houston, Texas.  Il rimando al monolite di 2001 Odissea nello spazio è immediato, se non fosse che quello di Damian appare parzialmente riemerso.

Horia Damian GALAXY,Project for a monument in Houston, Texas - 1972-2018 sculpture wood pressed paper balls oil paint 350 x 1156 x 200 cm Courtesy the artist and Plan B Cluj, Berlin Photo@ Mark Niedermann

Horia Damian GALAXY,Project for a monument in Houston, Texas – 1972-2018 sculpture wood pressed paper balls oil paint 350 x 1156 x 200 cm Courtesy the artist and Plan B Cluj, Berlin Photo@ Mark Niedermann

Carlos Cruz Diez – Translucent Chromointerferent Environment, 1974 – 2009
Galeria Raquel Arnaud (Sao Paulo, Brazil)
I colori appaiono e scompaiono così come le ombre delle persone che attraversano questa installazione cangiante, divenute protagoniste di questa perdita di materialità inscenata dall’artista, una riflessione sulla percezione, la memoria e i meccanismi cognitivi.

Carlos Criz Diez, Translucent Chromointerferent Environment_1974 - 2009

Carlos Criz Diez, Translucent Chromointerferent Environment_1974 – 2009

Matthew Barney – Partition, 2002 – 2018
Sadie Coles HQ (London, UK) / Gladstone Gallery (New York, United States) / Regen Projects (Los Angeles, United States)
L’artistar di questa edizione di Unlimited è meno performante del solito, vuoi anche la fama che lo precede che gonfia sempre le aspettative.
In parte condannato a rileggere il suo storico film, Matthew Barney reinterpreta l’installazione principale della parte quinta e conclusiva del ciclo, Cremaster 3, un bar in scala 1:1 tradotto dall’originale in vaselina a una fusione in plastica.  L’operazione del “fare la plastica” al proprio lavoro, sia nel senso strettamente scultoreo sia nell’ottica della correzione, di rifacimento, resta comunque suggestiva.

Matthew Barney Partition_2002 2018_detail_Photo@ David Regen_Courtesy the artist_Gladstone Gallery New York and Brussels_Regen Projects Los Angeles_Sadie Coles HQ London

Matthew Barney Partition, 2002 2018, detail – Photo@ David Regen_Courtesy the artist_Gladstone Gallery New York and Brussels_Regen Projects Los Angeles_Sadie Coles HQ London