• Thomas Berra, Verde Indagine, installation view - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta dimensioni ambientali, 2017 photo credits Marco Fava e courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Studio per Vagabonde tecnica mista su carta, cm 75 x 61 (framed) , 2017 - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Studio per Vagabonde tecnica mista su carta, cm 75 x 61 (framed) , 2017 - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta, dimensioni ambientali, 2017 - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Verde Indagine, installation view - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista
  • Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta, dimensioni ambientali, 2017 - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista

Verde Indagine è il progetto che Thomas Berra ha sviluppa per Placentia Arte, dove troviamo esposti i risultati delle sue ultime ricerche, che si pongono in assoluta continuità con il percorso intrapreso dall’artista circa un anno fa. Verde Indagine è soprattutto una mostra immersiva, un viaggio intrapreso all’interno del colore verde.

Simona Squadrito: A distanza di quasi un anno ci troviamo ancora a parlare del tema vegetale, ma soprattutto di verde. Infatti la tua ricerca sulle forme vegetali sta andando sempre di più a configurarsi come una ricerca sul colore, non è così?

Thomas Berra: Si, è propio così. Se prima la mia ricerca era più legata alla pianta e al tema del vegetale, e, a livello pittorico, ero più concentrato sul gesto e sul segno, andando avanti ho sentito l’esigenza di approfondire il discorso sul colore. Adesso è proprio dal colore che la forma vegetale tende a venir fuori, diventando riconoscibile. Il segno stesso è diventato molto più libero. Il verde è la mia ossessione attuale.
Quando ero a Roma, in residenza alla Fondazione Pastificio Cerere, ho incontrato Piero Pizzi Cannella e anche lui, osservando il mio lavoro, mi ha consigliato di sprofondare nel colore. Poi, in modo scherzoso, mi ha raccontato che negli anni ’70 fece un quadro tutto verde che aveva intitolato, se ricordo bene: Verde, verde, verde ancora un po’ più verde.

SS: Nel corso dei secoli il colore verde ha acceso molte dispute e dibattiti, e ancora in epoca moderna, questo colore appariva chimicamente instabile e per questo motivo era abbinato a un’idea di mutevolezza e frivolezza. Mondrian lo considerava addirittura, “un colore inutile”. Tu perché lo stai usando questo colore? Banalmente, perché il verde e non il blu?

TB: La mia ricerca come sai è partita da un’indagine sulla natura – e il verde è il colore più spontaneo per rappresentarla -. Il dilemma è che quando si inizia a usare un solo colore diventa abbastanza difficile uscirne. Continuerò a indagare il verde finché sarò saturo, fino a che non avrò scavato in fondo a questo colore, cosa che adesso non è ancora accaduta. Il verde è un colore che ti permette di entrare in un’altra dimensione.
Anche Gustavo Rol, un mistico fighissimo, un po’ mago e un po’ cialtrone, si è interrogato sul verde ed è arrivato a sostenere che questo colore, insieme alla quinta musicale e al calore corporeo è una chiave per entrare in un’altra dimensione. Ho voluto sperimentare questa sua intuizione e provare a invadere qualcos’altro, qualcosa che può anche indurre in una sorta di stato ipnotico.

Thomas Berra, Verde Indagine, installation view - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista

Thomas Berra, Verde Indagine, installation view – Photo credits Marco Fava – Courtesy Placentia Arte e l’artista

SS: Effettivamente entrando a PLACENTIA ARTE si ha come l’impressione di varcare quella che hai appena definito un’altra dimensione. Questo effetto è dato soprattutto dalla vetrofania verde e dal grande wall painting, fatto interamente con i gessetti colorati, e che si estende su tutta la superficie della prima sala della galleria. Per eseguire il disegno a parete hai usato cinque tonalità diverse di verde. La polvere di gesso si è diffusa in tutta la galleria, ed è proprio grazie alla presenza di questa polvere, di cui tutta l’aria ne è pervasa, che viene restituito su tutto l’ambiente un’eccezionale resa atmosferica. La sensazione è quella appunto di entrare dentro il colore.
La polvere di gesso è così fluttuante e presente che ancora adesso me la ritrovo attaccata alla giacca e allo zaino.

TB: Diciamo che è una mostra che ti sporca. La polvere sospesa nell’aria che hai notato l’ho ottenuta realizzando da me i gessetti per disegnare.
Quelli che si usano nelle belle arti, gli extra fini, hanno una resa diversa, sono un molto più pastosi, mentre io avevo bisogno di gessetti simili a quelli usati dai bambini, che hanno una resa meno fine e che sono molto polverosi. Non trovandoli li ho fatti da me. Mi serviva una precisa resa: un materiale capace di rendere il mio gesto più istintivo e più simile a un disegno infantile.

SS: Con Verde indagine sei riuscito a ricreare, all’interno di PLACENTIA ARTE, diverse idee di spazio. Proprio nella prima sala, quella interamente ricoperta dai disegni fatti con il gesso, è possibile immaginare diversi scorci, provo a spiegarmi meglio. Da una parte c’è un aspetto molto più legato a un’idea di chiostro antico, con le pareti e le volte affrescate, dall’atra c’è qualcosa che fa pensare alla carta da parati e che mi ha ricordato certi interni esotici che ho visto in diversi film norvergesi e svedesi. Questo aspetto secondo me è molto più forte nella parete dove hai appeso l’opera di Mimmo Germanà.

T B: Assolutamente. La prima parte della mostra è da intendersi come una grande decorazione. La parete di cui parli, quella con il disegno di Germanà, restituisce un’idea di un salotto. Ho voluto inserire in mostra una sua opera perché sono stati alcuni sui quadri verdissimi, che ho visto in galleria da Charly Lioce, a darmi il primo input sul verde. Così come l’idea di eseguire questo grande disegno sulle pareti e sul soffitto è anche debitore di un bellissimo lavoro di restauro di Jean Cocteau per la Cappella di Saint Pierre in Costa Azzura.

S.S: Hai appena introdotto un argomento che volevo affrontare in questa chiacchierata, mi riferisco ai diversi input e stimoli che riesci come a fagocitare nella tua ricerca. Tu stesso parlano delle piante vagabonde ami sottolineare il loro essere erranti e nomadi. Queste sono infatti piante che si auto-disseminamo e che si spostano e estendono con facilità. Queste piante si fanno metafora del tuo modus operandi.
Ti facci un esempio concreto: entrando in galleria e osservando tutta quella polvere di gesso, accumulato nel perimetro dello spazio, non ho potuto fare a meno di pensare come questa operazione sia stata stimolata da un’opera di Sebastiano Impellizzeri, da te molto apprezzato, mi riferisco alla tela – Com’è la bellezza che cade -. Non è così?

TB: Tutto quello che ho vissuto e visto nell’arco degli ultimi due anni – ovviamente le cose che hanno destato il mio interesse – hanno influenzato profondamente la mia ricerca. Ogni cosa si è come sedimentata per poi saltare fuori in modo nuovo. Anche il lavoro di Sebastiano Impellizzeri è stato importante e penso che si leghi perfettamente alla mia idea di natura. Mentre, per farti un altro esempio, l’idea di disegnare sul muro è stata stimolata da una risposta di Francesco Bonami a una domanda che prendeva avvio sul destino e sull’andamento dell’arte contemporanea, partendo dalla constatazione che tutto sembra essere già stato fatto. Bonami ha suggerito che forse l’artista dovrebbe ritornare nelle caverne.
Ovviamente gli stimoli sono tanti. Ti faccio un altro esempio: l’opera murale che ho eseguito in galleria è anche debitrice alla Sala delle Asse, del Castello Sforzesco, affrescata da Leonardo Da Vinci. Non a caso è l’immagine dell’invito alla mostra.

Thomas Berra, Verde Indagine, installation view - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista

Thomas Berra, Verde Indagine, installation view – Photo credits Marco Fava – Courtesy Placentia Arte e l’artista

SS: Nonostante la tua pittura sia prevalentemente una pittura da studio, questo non ti ha impedito – soprattutto negli ultimi dipinti – di arrivare a una precisa resa atmosferica. Inoltre, il modo in cui hai affrontato il colore e il disegno è diverso da quello delle opere presentate alla mostra Dopo il diluvio. In questi ultimi lavori è molto più percepibile la presenza del cielo blu sbiadito dell’estate, dello spazio dentro la tela, dell’umido tra le foglie. Nonostante questi lavori siano meno “rappresentativi”, li avverto come più realistici, e questo accade perché sono lavori più immersivi. Cosa ha influenzato questo cambiamento?

T.B: L’aver cambiato studio è stato fondamentale per il mio lavoro. Negli ultimi tempi ho lavorato in diversi spazi, prima a Roma, poi in Danimarca e adesso a Monaco. Stare per mesi a contatto con il cielo e con la luce di Roma si è rivelato fondamentale.
In Danimarca, invece, ho dato molta più attenzione al dettaglio, alle foglioline. C’era molta calma e ho avuto molta più tranquillità, soprattutto nell’ osservare le cose.

SS: É soprattutto nel grande dipinto sulla tela circolare che è possibile constatare i cambiamenti e le evoluzioni che stanno avendo nel tuo linguaggio pittorico, a mio avviso diventato più maturo. Nei dipinti di un anno fa si avverte uno sforzo maggiore nell’esecuzione del disegno, un po’ di rigidità. In quest’ultimi, invece, il segno è quasi totalmente libero, e ritorna anche in modo più maturo e felice la tua la tua vecchia matrice pittorica e grafica. Non a caso in questo dipinto hai anche utilizzato della vernice spray, che non sporca più il lavoro ma lo esalta dandogli molta più forza e spontaneità.

TB: Sicuramente i lavori iniziali erano più frenati, questo perché hanno rappresentato per me l’inizio di una ricerca, un tentativo più legato a un’idea. In questi ultimi lavori la pittura è più libera e si slega da quella idea iniziale prendendo una sua forma autonoma . Adesso le mie opere devono essere più osservate che capite. Ho reso più esplicito il suggerimento di provare a immergersi in esse.

SS: In questa intervista, ormai arrivata alla conclusione, abbiamo parlato solo di pittura, ignorando il fatto che tu come artista ti occupi anche di altro e sperimenti diversi linguaggi. Per fare un esempio: per la residenza della Fondazione Pastifico Cerere stai lavorando a un fotoromanzo, progetto che non ha nulla a che vedere con la pittura. In che rapporto stanno queste tipologie di progetti con la tua ricerca pittorica?

T B: Sono due aspetti del mio lavoro che dialogano e che vanno di pari passo, sono parti e momenti diversi di un’unica ricerca.
La strada che seguo è la stessa, ma la affronto con linguaggi diversi. La parte più difficile del mio lavoro è certamente la pittura, è un eterno tentativo, spesso frustrante. Sono, infatti, convinto che bisogna avere una buona dose di stupidità nel farlo. Il progetto per il “Pastifico Cerere”, così come la testa fatta con il sapone o il CIAO, sono dei giochi, dei modi per sperimentare in modo più libero.

Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta, dimensioni ambientali, 2017 - Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista

Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta, dimensioni ambientali, 2017 – Photo credits Marco Fava – Courtesy Placentia Arte e l’artista

Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta dimensioni ambientali, 2017 photo credits Marco Fava e courtesy Placentia Arte e l'artista

Thomas Berra, Walldrawing + Mimmo Germanà, installazione site-specific, gesso su parete, matita su carta dimensioni ambientali, 2017 photo credits Marco Fava e courtesy Placentia Arte e l’artista

Thomas Berra, Elogio delle Vagabonde olio e acrilico su tela, cm 200 (diametro), 2017 Photo credits Marco Fava - Courtesy Placentia Arte e l'artista

Thomas Berra, Elogio delle Vagabonde olio e acrilico su tela, cm 200 (diametro), 2017 Photo credits Marco Fava – Courtesy Placentia Arte e l’artista