• Arianna, Atelier dell’Errore Carniforo Tortura Ossa, 2015 tecnica mista su carta, 100 x 245 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore
  • Paolo, Atelier dell’Errore Attachista del canile mangia i Mafisti e i Poliziotti e RueRue, 2015 tecnica mista su carta, 150 x 230 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore
  • Giovanni, Atelier dell’Errore Lo Squalatore Sessuale che si bacia le ferite, 2015 tecnica mista su carta, 50 x 165 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore
  • Autori vari, Atelier dell’Errore Vendicatore di Notte che divorisce dei compagni di classe io mi avvicino e loro si allontanano e dicono che puzzo 2013-2015 tecnica mista su carta 120 x 200 cm, Courtesy and © Atelier dell’Errore

Quello che propongono queste visioni è una sorta di mondo capovolto dove gli animali si nutrono di uomini. Sintetizzata così, l’immagine che sorge spontanea nella nostra mente è a dir poco agghiacciante. Ma vedendo i magnifici disegni raccolti dall’Atelier dell’Errore*, si cambia presto idea: lievità, ironia, sfrenata e incontenibile fantasia ‘applicata’ e resa manifesta da colori, tracce, segni a volte controllati, molto più spesso istintivi, frenetici e mossi da una fortissima energia.

Max Mara, in collaborazione con la Collezione Maramotti, presenta la mostra “Uomini come cibo”: una raccolta di quaranta disegni opere realizzate dai ragazzi dell’Atelier dell’Errore, laboratorio di arti visive nato come complemento all’attività clinica della neuropsichiatria infantile di Reggio Emilia. Capovolgendo la tematica che guida l’EXPO 2015 di ‘nutrire il pianeta’, le opere rivisitano il concetto positivo e ottimistico dell’alimentarsi, mettendo al centro un bestiario fantastico di creature che si cibano di uomini.

La mostra è ospitata – dal 18 giugno al 15 settembre 2015 –  in via Monte di Pieta, 23 (Milano). Nel periodo della mostra, presso i negozi del gruppo Max Mara di Milano, saranno in vendita le shopping bag realizzate da Max Mara utilizzando i disegni dell’Atelier a cui sarà devoluto il ricavato.

COMUNICATO STAMPA – ATELIER DELL’ERRORE

ATPdiary ha posto alcune domande a Marina Dacci, direttrice della Collezione Maramotti.

ATP: “Uomini come Cibo” è un progetto forte sotto molti aspetti. Quali sono stati i motivi che vi hanno spinto a realizzare la mostra che presentate a Milano in via Monte di Pietà?

Marina Dacci: L’immaginario  di ricerca e espressione dell’Atelier è votato agli animali. Gli animali dell’Atelier dell’errore sono figure ancestrali di organismi viventi e sensitivi che esprimono la volontà di vivere e di sentire con una energia noncurante  degli ordini tradizionali di classificazione scientifica. Questa energia  è colta  dal di dentro nel suo gesto primordiale Li chiamiamo esseri mai nati e  da sempre sopra-vissuti. La loro  è una  sorta di  “zoologia profetica”. La loro  figurazione si forma e si  deforma continuamente. Rinunciare alla  costruzione dell’unitarietà e della coerenza per avventurarsi nella figurazione dell’ignoto significa accettare l’inesattezza, il frazionamento, il differenziato (come cita Bianca Tosatti ). Il deragliamento del loro  sguardo significa  penetrazione della superficie delle cose. Questi sono beni preziosi di cui la società ha sempre più bisogno e che spesso ricerca con modalità autoreferenziali che non portano da nessuna parte. Chi guarda  questi animali  deve in qualche modo  ristrutturare il suo sapere  e ammettere il potere deformante dell’immaginazione. I ragazzi dell’Atelier  mostrano una capacità di  visione e una  maestria artistica nel giocare con le paure. Osservazione introspettiva,  le loro creazioni diventano liberatorie. Si può percepire come  si possa dare una griglia interpretativa ad un mondo  difficilmente intellegibile nella sua complessità con un approccio di  grande raffinatezza. La loro inadeguatezza sociale  riesce a dissolversi in silhouette che danno voce ai nostri incubi. Siamo noi che qui incontriamo noi stessi, il carattere minaccioso della nostra esistenza, una esistenza come sfida interiore. Questi  disegni sono anche sismografi del nostro presente.

ATP: Per tematiche la mostra si lega in modo controverso all’EXPO. Le opere esposte mettono al centro un bestiario fantastico di creature che si cibano di uomini. Dal tuo punto di vista, che messaggio volete dare con questa mostra?

Marina Dacci: Che non esiste una sola realtà, un solo sguardo… si può essere carnefici e vittime, si può consumare o essere divorati. Entrare  a patti col mondo, con la vita è anche questo: saper vedere le cose da diverse prospettive. Sembrava  quasi  doveroso,  in una realtà dove tutto è necessariamente muscoloso,  indicare altre strade di rapporto  con la” nutrizione”, strade  artistiche  ma anche sociali e psichiche in cui l’arte e la creazione si  esprimono su altre scale  e altre forme di creatività.

ATP: Tutte le opere esposte sono state realizzate dai ragazzi dell’Atelier dell’Errore: laboratorio di arti visive nato come complemento all’attività clinica del reparto di neuropsichiatria infantile dell’ospedale di Reggio Emilia. Come è nata e che sviluppi ha la collaborazione tra l’Atelier e la Collezione Maramotti? 

Marina Dacci: La Collezione Maramotti ha deciso di  concedere una sede per l’Atelier BIG da gennaio 2015 perché è interessata non solo alla qualità di ciò che artisticamente viene prodotto, ma anche per  il modo in cui  i lavori vengono processati. Il livello artistico  raggiunge talvolta esiti straordinari  nell’Atelier, così come il processo produttivo che li porta alla luce con la peculiarità della figura del mediatore che  esperisce un vero lavoro di pedagogia artistica.Il progetto si presta  ad una analisi di   tipo  sociale in particolare sull’idea di  confine e di inclusione sociale. In una vera società inclusiva l’handicap non deve più giocare alcun ruolo. Ciò che importa è la funzione espressiva  dell’arte non lo status culturale dell’artista.

* L’Atelier dell’Errore è nato nel 2002 su iniziativa dell’artista visivo Luca Santiago Mora per i bambini seguiti della Neuropsichiatria Infantile dell’AUSL di Reggio Emilia.
Dal 2011, per volontà dei genitori e dei ragazzi che frequentano l’Atelier, si è costituito Onlus, con il mandato di promuovere il lavoro svolto a Reggio Emilia e proporre l’esperienza dell’Atelier in altre realtà simili in Italia. Nel 2013 è stato inaugurato l’Atelier anche a Bergamo al servizio della neuropsichiatria infantile dell’azienda ospedaliera della città. Di recente è nato Atelier dell’Errore BIG, un’alta scuola di specializzazione e formazione/ lavoro nell’ambito delle Arti Visive, dedicata a coloro che hanno frequentato per molti anni l’Atelier dell’Errore e che, compiendo i 18 anni, non avrebbero più possibilità di proseguire l’attività in quella struttura e coltivare il loro talento artistico. Atelier dell’Errore BIG si autofinanzia con progetti legati al mondo delle arti visive, dell’editoria e dell’immagine e, da gennaio 2015, ha sede presso la Collezione Maramotti di Reggio Emilia. Atelier dell’Errore ha preso parte a numerose esposizioni e manifestazioni legate all’arte contemporanea in Italia e all’estero: nel 2014, Giulia Zini, ha vinto il concorso Edward 6, Art in Disability, premio internazionale quadriennale a cura di Augustinum Stiftung e Buchheim Museum (Monaco di Baviera). In Atelier i disegni sono spesso realizzati collegialmente pertanto il lavoro può essere definito una produzione artistica collettiva; un’esperienza relazionale, una sorta di scultura sociale. L’Atelier ha poche regole, ma molto precise: la gomma da cancellare è bandita – perché l’errore è un valore – e gli animali sono l’unico soggetto del lavoro dei ragazzi: www.atelierdellerrore.org

2.Giulia, Atelier dell’Errore ScoiattoMotosega, 2014 tecnica mista su carta, 155 x 50 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore

2.Giulia, Atelier dell’Errore ScoiattoMotosega, 2014 tecnica mista su carta, 155 x 50 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore

Autori vari, Atelier dell’Errore L'immane RagnoFerro di Curnasco, 2015 tecnica mista su carta, 300 x 240 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore

Autori vari, Atelier dell’Errore L’immane RagnoFerro di Curnasco, 2015 tecnica mista su carta, 300 x 240 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore

Marco, Atelier dell’Errore Il Sonno Vendicativo, 2015 tecnica mista su carta, 156 x 110 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore

Marco, Atelier dell’Errore Il Sonno Vendicativo, 2015 tecnica mista su carta, 156 x 110 cm Courtesy and © Atelier dell’Errore