***
Luci rosse e gran casino mi aspettano alla mostra ‘Salinger si legge a gennaio’ di Luigi Calignano da Mars. Nella piccola stanzetta incombono su di me assi di legno, pezzi di cartone, macchie di colore, fogli di carta stellata, lampadine. Tutto è rovesciato, accatastato in un disordine apparentemente tale. Chiedo a Calignano dove, come e perchè e lui mi risponde che questo progetto è una somma di errori, tentativi, sbagli, scarti e forse (dico io) anche l’attrazione per l’informe, il brutto e lo sgangherato. Gli chiedo il perchè di un titolo così poetico per questa indigestione squilibrata. Mi risponde che negli anni, leggendo quasi tutta la produzione dello scrittore americano, si è accorto di aver sempre iniziato e finito i libri di Salinger a Gennaio. Con una battuta gli rispondo: chissà quale grande disegno cosmico veglia o incombe su di noi. Lui risponde che non sa e forse neanche ci crede. Certo che, mi rivela, Salinger è morto proprio in gennaio! (bhe.. aveva novantanni!).
Pierluigi Calignano