• Rodrigo Sobarzo de Larraechea, es†uar¡no - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Urok Shirhan, Empty Orchestra - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Mercedes Azpilicueta, Yuko & Justine - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Mohamed Abdelkarim - A Gift to Those Who Contemplate the Marvels of Renegades - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Mohamed Abdelkarim - A Gift to Those Who Contemplate the Marvels of Renegades - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Lisa Vereertbrugghen, Softcore – a hardcore encounter - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Lisa Vereertbrugghen, Softcore – a hardcore encounter - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Eleonora Tinti
  • Madison Bycroft, Mollusc theory – soft bodies - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Gaetano Cunsolo, Soon as night falls... I'll start to build - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Gaetano Cunsolo, Soon as night falls... I'll start to build - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Kent Chan, Floats Like A Magnet - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Kent Chan, Floats Like A Magnet - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Claudia Pagès, Rabal Emissions, fools & care - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Claudia Pagès, Rabal Emissions, fools & care - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Mykki Blanco, Concert- LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Eleonora Tinti
  • Philipp Gehmacher, walk+talk no. 22- LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala
  • Leandro Nerefuh/Ribidjunga Cardoso, Orphic Exuberance Versus Solar Capitalism- LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala

Finisce in bellezza uno tra i più interessanti Festival dedicati alle arti performative che abbiamo in Italia. Fitto il programma di Drodesera – che si è sviluppato dal 21 al 29 luglio – alla Centrale di Fies (ho apprezzato molto l’ironia e l’irriverenza della scritta a lettere cubitali che ci ha accolto “THIS IS NOT A CASTEL”, appesa sulla parete della grande ex-centrale idroelettrica). L’energia che dai primi del ‘900 si produceva per la città di Trento, sembra ora essersi trasformata in energia vitale, creativa. Ma già tanto è stato scritto sul luogo, inevitabile però il paragone con la forza dei torrenti d’acqua, la velocità delle turbine paragonabile ai corpi in movimento, senza contare poi, il concetto stesso di produrre energia=luce: illuminante esempio di ciò che da anni (decenni) si produce in questo festival “nascosto” nella vallata che da Riva del Garda porta a Trento.
Quest’anno Drodesera – diretto da Barbara Boninsegna e il co.curatore Filippo Andreatta – ha dedicato il suo denso cartellone ad un tema attualissimo: la diversità fisica, territoriale, culturale, sessuale, artistica; una biodiversità già manifesta nelle cinque immagini che hanno veicolato il festival: cinque persone-puzzle, di età ed etnie diverse, connotate di passato e futuro intrecciati tra fotografie e maestria grafica.
SUPERCONTINENT è una Pangea ricucita dalle nuove tecnologie così come dalle tratte migratorie, in simbiosi con un territorio che muta aspetto in continuazione, in cui tradizione e innovazione si intrecciano per dare origine a un equilibrio possibile solo grazie alle diversità.”
Il Festival si è aperto molto prima del 21 luglio, il 15 giugno con la mostra ‘eccentrica’ di Alessandro Sciarroni, 41 – eccentrica nel senso letterale del termine, ossia fuori da quello che è il centro della ricerca dell’artista. La mostra fotografica, visibile fino all’ultimo giorno del festival, ha raccolto impressioni, idee, momenti intensi del performer. Un percorso visivo parallelo – ma legato da sottili intuizioni o ‘premonizioni’ – rispetto alla sua ricerca legata alla performance. In quell’occasione Sciarroni ci ha raccontato: “Quando avevo vent’anni avrei voluto fare il fotografo, ma per una serie di circostanze il lavoro in teatro è diventato un attività a tempo pieno che non mi ha permesso di dedicarmi ad altro. (…)Parto sempre da un’intuizione che il più delle volte è inaspettata. Anni fa ho visto un’immagine di Sam Taylor-Wood sulla quarta di copertina di un cd di Rufus Wainwright. Il cantante indossava l’abito tirolese in quel ritratto. Quell’immagine ha generato il desiderio di investigare quella tradizione, ed è nato lo spettacolo Folk-s. Si tratta di processi inaspettati ed inconsci, imprevedibili. Quelli che vengono tradotti in performance sono pensieri come questi, che ti rimangono in testa finché non li realizzi.”
Il fulcro che ha inorgoglito il direttore artistico Barbara Boninsegna (curatrice assieme a Daniel Blanga e Simone Frangi) è stata la 5° edizione di LIVE WORKS Performance Act Award, che quest’anno si è trasformato in una vittoria collettiva che ha visto tutti i partecipanti come ‘vincitori’. Ai dieci selezionati la possibilità di sviluppare un autentico dialogo e confronto con il board curatoriale che quest’anno contava la presenza di Lorenzo Benedetti, Vincent Honoré, Eva Neklyaeva, Manuel Segade e Christine Tohmé. Seguito, acclamato ed applaudito il programma – che ha visto alternarsi le proposte di Alok Vaid-Menon (IN/US), Claudia Pagès Rabal (ES), Gaetano Cunsolo (IT), Kent Chan (SG), Lisa Vereertbrugghen (BE), Madison Bycroft (AUS), Mercedes Azpilicueta (AR), Mohamed Abdelkarim (EG), Rodrigo Sobarzo de Larraechea (CL), Urok Shirhan (IQ/NL) – si avvicendato nelle giornate dal 21 al 23 luglio.
Centrale Fies 2017 - Ph. Roberta Segata

Centrale Fies 2017 – Ph. Roberta Segata

Centrale Fies 2017 - Ph. Roberta Segata

Centrale Fies 2017 – Ph. Roberta Segata

Virginia Sommadossi ci racconta le tante soddisfazioni, ma anche le traversie, che hanno vissuto in questi cinque anni dall’avvio di LIVE WORKS Performance Act Award.

A Centrale Fies ci prendiamo cura dei cortocircuiti che fanno accedere al “next level”.
Qui c’è stata, fin dall’inizio, una forte consapevolezza dell’importanza della ‘produzione’, ma anche la caparbietà nel mettere in atto nuove modalità produttive, dove il condividere, lo stare insieme, l’intrecciare i know how, il mischiare le nature diverse all’interno di un centro già abitato da chi ha fatto le più diverse esperienze nel campo delle pratiche live, diventano il “tessuto base”.  
Oltre a questo una certa dose di coraggio, in totale contrasto con un trend che ci vorrebbe tutti allineati sul produrre cose per creare mero consenso, Centrale Fies non smette di produrre ricerca e qualità, di strutturare codici, di decodificare immaginari-documento della nostra contemporaneità.
Penso sia stato coraggioso, da parte della Direzione Artististica di inserire in un festival trentennale una piattaforma esclusivamente dedicata alle pratiche live provenienti dalle arti visive; coraggioso rispetto a un pubblico forse abituato ad altri formati e lontano dalle durational performance o da pratiche artistiche che tendono ad agire sulla realtà in tempo reale, senza limitarsi alla “rappresentazione”.  Abbiamo rischiato di incorrere in una frattura, di perdere pubblico.
Ci abbiamo messo ben 5 anni ad allenare lo sguardo e il senso critico su LIVE WORKS e quest’anno la presenza di un folto pubblico incuriosito, motivato, attento, ci ha restituito gran parte della fatica.  

In ogni lavoro di questa edizione è stato facile intuirne la profonda ricerca e la serietà, forse anche questo ha facilitato un dialogo col pubblico, un pubblico conscio di assistere e leggere un impegno reale, di onestà intellettuale e di grande generosità da parte degli artisti…ecco…questa è la base per non sentirsi offesi da eventuali limiti o sensazioni di disagio creati dalla performance: anzi, tutto ciò che ha in qualche modo debordato si è fatto essenza stessa della performance.
Gli applausi a riconciliare, ringraziare, ad accendere un ulteriore rapporto tra artista e pubblico.  E’ proprio in questa logica che il tutto non può risolversi in ‘mi piace – non mi piace’, ma raggiunge altri livelli di pensiero e di relazione con quello che si vede sulla scena. 

E questo Barbara Boninsegna, Simone Frangi e Daniel Blanga Gubbay – curatori di Live Works- lo sanno. E sanno anche quanto sia importante che i segni e le pratiche live del premio trovino modo di approdare in nuovi Paesi, centri, teatri, musei, gallerie, festival, esposizioni, in modo da testare sempre nuovi pubblici e nuovi contesti. 

Gli artisti di LIVE WORKS degli anni scorsi ora fanno tappa in importanti appuntamenti nazionali e internazionali: all’interno di importanti esposizioni ( Biennale Venezia, Quadriennale Roma….) e Musei di Arti Contemporanee (…) e questo perché la selezione accuratissima dei curatori amplifica le possibilità future degli artisti scelti. E’ a loro, agli artisti, che viene dedicato moltissimo tempo, a partire da Fies, dove è come se facendo la residenza qui, gli artisti attuassero un’accelerazione della loro maturità e consapevolezza professionale. 

Altro tipo di potenziamento e accelerazione delle pratiche artistiche, con presupposti diversi , l’avevamo già sperimentata nel 2007 con FIES FACTORY (il primo incubatore per artisti italiani: dall’ideazione di una strategia di sviluppo dei progetti artistici alla vendita, passando per la gestione finanziaria, la produzione, la ricerca dei possibili partner, la distribuzione, la promozione, la comunicazione); è stato uno dei primi progetti, di cui non era molto chiara (dal di fuori) la natura. In realtà per noi era tutto molto semplice: dare agli artisti le condizioni migliori per lavorare.
I selezionati potevano accedere a residenze di qualsiasi durata, curatela, attenzione per tutte le fasi produttive e un cospicuo network, quello di Fies, a fare da base per qualsiasi azione. Inizialmente, a disposizione dell’artista non solo per la produzione ma anche per il loro percorso di studio o di ricerca, 10.000 euro  .
Centrale Fies aveva vinto il bando Patto Stato-Regione, e anziché investirli nel festival aveva deciso di dedicarsi alla produzione e alla curatela di giovani artisti italiani. A distanza di 10 anni la FACTORY c’è ancora, e continua a vivere nel mondo teatrale con Anagoor, Sotterraneo e Marta Cuscunà, che non cessano di lavorare e creare cifre stilistiche importanti e ad oggi molto conosciute. 

Tra l’altro della prima Factory faceva parte anche uno dei curatore di Live Works Daniel Blanga Gubbay, con Pathosformel …insomma nulla nasce per caso… Così come 10 anni fa la FACTORY era stato il primo progetto a superare visioni consolidate e standard nella produzione e nell’accopagnamento degli artisti, oggi LIVE WORKS supera i limiti di età e nazionalità dell’artista ma ci mette la stessa forza, energia, passione, impegno e visione. E non solo.
Credo davvero che LIVE WORKS sia un progetto capace di ‘guardare più in là’, anche grazie alla modalità di free school (le residenze collettive tra artisti selezionati) è un’azione effettiva e fattiva (…) Il primo obbiettivo è quello di rintracciare, tracciare e mappare pratiche live potenziali o già in fieri, per intrecciare percorsi di analisi, curatela, e sostegno. Quest’anno lavoreremo inoltre all’archivio di tutte le performance prodotte in questi 5 anni. Questo significa che in futuro non lontano sarà possibile accedere a tutti i materiali del premio. 

Urok Shirhan, Empty Orchestra - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala

Urok Shirhan, Empty Orchestra – LIVE WORKS – Performance Act Award – Vol. 5, Centrale Fies – Ph. Alessandro Sala

Rodrigo Sobarzo de Larraechea, es†uar¡no - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Lino Greco

Rodrigo Sobarzo de Larraechea, es†uar¡no – LIVE WORKS – Performance Act Award – Vol. 5, Centrale Fies – Ph. Lino Greco

Madison Bycroft, Mollusc theory – soft bodies - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala

Madison Bycroft, Mollusc theory – soft bodies – LIVE WORKS – Performance Act Award – Vol. 5, Centrale Fies – Ph. Alessandro Sala

Alok Vaid-Menon, Watching you / Watch me - LIVE WORKS - Performance Act Award - Vol. 5, Centrale Fies - Ph. Alessandro Sala

Alok Vaid-Menon, Watching you / Watch me – LIVE WORKS – Performance Act Award – Vol. 5, Centrale Fies – Ph. Alessandro Sala