Primi segnali dallo staff del miart. Per l’edizione del 2015 si aggiungono nuove autorevoli presenze nel comitato di selezione e nuove nomine nel team dei curatori per le sezioni speciali.

Entrano infatti a far parte del comitato di selezione Annette Hofmann (Lisson Gallery, Londra – Milano – New York), Olivier Babin (CLEARING, New York – Bruxelles) e, per la sezione Object, Patrizia Tenti (Erastudio & Apartment-Gallery, Milano), che accanto a Marco Altavilla (T293, Napoli – Roma), Laura Bartlett (Laura Bartlett Gallery, Londra), Michele Casamonti (Tornabuoni Art, Parigi) per la sezione Masters, Francesca Kaufmann (kaufmannrepetto, Milano), Gio? Marconi (Galleria Gio? Marconi, Milano) e Paolo Zani (ZERO…, Milano) cureranno la scelta delle gallerie per le sezioni Established Contemporary, Established Masters e Object.

Nuove nomine anche nel team dei curatori per le sezioni speciali: Dan Byers (Curatore, Modern and Contemporary Art, Carnegie Museum of Art, Pittsburgh) e Ruba Katrib (Curatore, Sculpture Center, New York) affiancheranno Giovanni Carmine (Direttore, Kunsthalle St Gallen) e Alexis Vaillant (Curatore indipendente, Bordeaux) per la sezione THENnow, e Isabelle Valembras (Design Consultant, Milano-Parigi) curera? con Federica Sala (Partner PS Design Consultants, Milano) la sezione Object. Vengono confermati Alessandro Rabottini (Curator at Large, GAMeC, Bergamo; MADRE, Napoli) come Curatorial Coordinator, Donatella Volonte? come curatore della sezione Established Master e Andrew Bonacina (Chief Curator, The Hepworth, Wakefield) come curatore delle sezioni Emergent e First Step.

Con piu? di 40.000 visitatori nell’edizione 2014, miart consolida la sua posizione di punto di riferimento capace di attrarre a Milano ogni primavera collezionisti nazionali e internazionali, curatori e appassionati d’arte di tutto il mondo.
In particolare, per l’edizione 2015, la stretta vicinanza con il Salone del Mobile / Design Week – che inaugurera? il giorno successivo al finissage di miart – generera? una crescente partecipazione da parte delle istituzioni italiane ed europee dedicate all’arte contemporanea e al design, con un marcato aumento di collezionisti e curatori provenienti dall’Europa, dagli Stati Uniti e dal Medio Oriente. Grazie a miart e al Salone del Mobile Milano riportera? in evidenza il suo dna di capitale della creativita? contemporanea, offrendo un anticipo di quella che sara? la lunga e ricca

stagione di Expo 2015.

La settimana di miart si conferma cosi? un appuntamento immancabile per tutti gli operatori del settore, grazie anche al sostegno delle principali istituzioni culturali di Milano, come PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea, Triennale di Milano, GAM – Villa Reale, Hangar Bicocca, che in quei giorni inaugureranno importanti mostre e rassegne.

Si rinnova inoltre anche per l’edizione 2015 la collaborazione con la Fondazione Nicola Trussardi, con cui per il terzo anno consecutivo miart organizzera? un progetto speciale che animera? le serate della fiera. 

miart 2015

miart 2015