SHINZAGGARAN - The Remains of the day

SHINZAGGARAN – The Remains of the day

Inaugura oggi sabato 21 giugno 2014, a San Giovanni Valdarno, la mostra The Remains of the day, a cura di Rita Selvaggio.

In quattro tappe, ? ATPdiary ha presetanto i progetto che prenderanno vita oggi nella città del grande pittore Masaccio.

Segue l’ultimo progetto,  Shinzaggaran, ospitato a Casa Masaccio con le opere di  Alessandro Agudio, Marco Basta, Lupo Borgonovo, Dario Guccio, Beatrice Marchi, Anna Mostosi, Giangiacomo Rossetti e Davide Stucchi.

1871, Shinzaggaran,   la polvere e il caldo si erano fatti così tenaci che si faceva fatica a respirare, una mitografia di luoghi assoluti.

I Kel Denneg si battono con i Kel Geres, corpi in battaglia e le dimensioni che ingannano,  tutto sembra più grande e più vicino. Intanto fantasmi e chimere prendono consistenza e il passaggio delle comete trasforma l’osservare in ben altro.

-“It was an aesthetic solution…”si incomincia a leggere in After the flood, cantori e cantastorie, un concerto per Caballeros, suoni digitali che imitano il clavicembalo, gli archi, il sitar e l’arpa, con un ritmo hip hop, dance e pop per un’atmosfera che richiama a ballare le streghe e i fantasmi del borgo. Camping stools  a mappare il volo degli uccelli e bagni di Indigofera Tinctoria per Same time in the opposite season.  77 Giganti concentrati in erbe e polveri curative, spezie brune e calde, ceci sferici come la terra, tapioca, prezzemolo, centifoglia, vasi, vasetti, bicchieri e boccali, semi di papavero, girasole, sesamo nero e zucca,  frutta secca e aromi e poi sale, zucchero di canna, foglie e bacche e, ancora, gelatine e bevande energizzanti, pani neri e bilancieri da palestra per The Big Simon #2.

Mathilde & Misa:  7 avatar che appartengono ai finimenti dei cammelli, al fodero della spada, alla veste del guerriero, all’impugnatura dell’arma, tratti di espressione di pura velocità su soggetti mobili e in movimento. Tilakas di argilla e pigmenti che, smarrite, hanno perso ogni senso dell’orientamento, Sorry, Help, I’m sad, scritto con un nastro colorato e un micio che ne scioglie le parole.  Tutto si conduce a poco a poco verso un confine, verso un punto estremo dove il verbo vacilla e poi si spegne. Azimut (bengal tigers) un riparo all’ombra da dove poi rispuntano tutti i racconti e una Yellow Monkey Supper, pensando che il rito e la preghiera li abbiano officiati delle scimmie che hanno disposto 77 frutti atrofizzati su una distesa di tappeti.

Tra partecipazione e osservazione Shinzaggaran incoraggia lo spettatore a coreografare la propria stessa presenza. In stretto dialogo tra spazio pubblico e spazio espositivo, tra artista e audience, tra arte come oggetto e arte come azione, la mostra abita interamente casa Masaccio e allo stesso tempo dispiega una costellazione di attitudini percettive intorno alla produzione e al display di un’opera d’arte.

Gesti e opere sono, di volta in volta, fossili di altri gesti e altre narrative. Personaggi, artisti, attori, 2 mici, i luoghi e i motivi partecipano all’azione ma non la determinano in modo univoco. L’utopia è necessaria e l’oggetto ne è ricco, abbonda, contiene persino il suo contrario e il suo fallimento.

D’altronde i nomadi non hanno storia, hanno soltanto geografia.

Shinzaggaran, era il nome di una sanguinosissima battaglia.

Alessandro Agudio (1982), Marco Basta (1985), Lupo Borgonovo (1985), Dario Guccio (1988), Beatrice Marchi (1986), Anna Mostosi (1987), Giangiacomo Rossetti (1989), Davide Stucchi (1988). Due mici.

////

SEDI:

Casa MasaccioSHINZAGGARAN: Alessandro Agudio, Marco Basta, Lupo Borgonovo, Dario Guccio, Beatrice Marchi, Anna Mostosi, Giangiacomo Rossetti, Davide Stucchi.

Stazione Ceramica Ex- Ceramica via Mannozzi,   WISHES OF A G (2014), THE CELESTIAL PATH (2013), Invernomuto.

Via Mannozzi GalleriaTRUCCO, Serena Vestrucci;

Fontana di Via Mannozzi :  MARY ANN & THEOPHILIUS, Lupo Borgonovo e Lisa Rampilli;

Museo della BasilicaU, Cleo Fariselli

Piazza MasaccioFALSE ALARM (I DON’T FEEL AT HOME IN THIS WORLD ANYMORE), Manuel Scano;

Casa Giovanni da San GiovanniPICCHIO VERDE, Andrea Kvas

Giardino di Casa MasaccioMEMORIA DI FUOCO, Helena Hladilova, Namsal Siedlecki;

Vicoli del centroGIULIAGIULIA, Gianni Politi

Casa Masaccio e sedi varie:  100 IO SONO ANCORA QUI, Alice Mandelli

Il progetto è sostenuto dal Comune di San Giovanni Valdarno, Provincia di Arezzo e dalla Regione Toscana ed è promosso da Casa Masaccio centro per l’arte contemporanea nell’ambito di Toscanaincontemporanea2013.