• Shahryar Nashat, The regulating line
  • Shahryar Nashat, The regulating line
  • Pinacoteca dell'Accademia Carrara_Veduta delle sale espositive. Photo_Mario Cresci
  • Studio Visit, Oscar Giaconia - photo@ Francesco Ferri, courtesy Oscar Giaconia Studio
  • Studio Visit, Oscar Giaconia - photo@ Francesco Ferri, courtesy Oscar Giaconia Studio
  • Studio Visit, Oscar Giaconia - photo@ Francesco Ferri, courtesy Oscar Giaconia Studio
  • Steve Piccolo - Mappaerrata
  • Filippo Berta, Concert of soloists, 2012, performance, Video HD 1’17’’ Video Still, Courtesy of the artist
  • Cory Arcangel - GAMeC Bergamo, carpet production
  • ALT arte contemporanea FOTO INTERNO - 1 (∏ Roberto Marossi) copia
  • MoMS - Clay Paky,Sharpy i n search of superstars
  • MoMS - ARTDATE, Bergamo
  • Lorenzo Senni
  • Ian Tweedy — The Blank Kitchen, Bergamo 2015
  • Erik Saglia - 16 maggio, Bergamo
  • La chiesa del Nuovo Ospedale PG23 di Bergamo Arienti - Mastrovito
  • La chiesa del Nuovo Ospedale PG23 di Bergamo - Stefano Arienti
  • La chiesa del Nuovo Ospedale PG23 di Bergamo
  • Davide-Bertocchi-Contemporary-Locus
  • Alis/Filliol - Baco Project Space
  • Alis/Filliol - Baco Project Space

Opening, studio visit, apertura di collezioni, live: tutti gli eventi proposti dell’associazione The Blank Contemporary Art, in occasione della manifestazione ArtDate 15-16-17 Maggio, diventano punto di partenza e pretesto per un percorso tra i luoghi d’arte e cultura di Bergamo. Quinto anno della manifestazione, uno staff di dieci entusiasti professionisti e un circuito di oltre quaranta eventi, per trasformare le tre giornate dedicate all’arte e alla cultura contemporanea sul territorio in gioco, suono, vista, ascolto, performance. Se per le edizioni precedenti di ArtDate il verbo che definiva il rapporto tra i visitatori e la loro partecipazione alla manifestazione è stato “vedere”, quest’anno The Blank propone il “sentire”: questo è play ArtDate!

Qui il programma completo della manifestazione ? ma a seguire una selezione degli appuntamenti (assolutamente) imperdibili, suggeriti da ATPdiary.

Agenda raccolta da Valentina Gervasoni

— 

VENERDI’ 15 | h. 11.00 e 11.30

Pinacoteca dell’Accademia G. Carrara | p.zza Carrara, 82/D – Bergamo /  Visite guidate + Ingresso ridotto e proiezione del video di Shahryar Nashat, The regulating line per tutte le tre giornate di ArtDate.

Dopo sei anni di restauri, il 23 aprile 2015, la Pinacoteca dell’Accademia Carrara ha finalmente riaperto le porte al pubblico. Visitare la Carrara è come compiere un viaggio all’interno della storia dell’arte italiana, e non solo: si va dagli inizi del Quattrocento alla fine dell’Ottocento senza tralasciare il Novecento con gli artisti più recenti.  Così in occasione di ArtDate, con un ingresso ridotto a 8 euro, è possibile addentrarsi sala per sala in compagnia di una guida, venerdì 15 alle ore 11 e 11.30. (Su prenotazione: booking@theblank.it ) Ma non solo: durante le tre giornate dell’arte contemporanea di Bergamo viene proposta la proiezione del video di Shahryar Nashat, The regulating line, 2005. Il video, girato al Louvre, esemplifica la fissità del contenitore museale da Nashat posta a confronto con la dimensione umana e individuale del visitatore. Il piano sequenza iniziale, in cui osserviamo un giovane atleta di spalle intento a sua volta a osservare i dipinti di Rubens illustranti scene della vita di Maria de’ Medici, risulta candidamente voyeuristico, una forma d’indulgenza nei confronti dell’attività stessa della visione. Il visitatore deve prendere atto del proprio ruolo ed è implicitamente invitato a identificarsi con il ginnasta, i cui sforzi successivi saranno pertanto “partecipati” e non semplicemente percepiti. Al tempo stesso, rovesciando la prospettiva, l’atleta da osservatore diventa oggetto di osservazione, lui stesso opera d’arte.

Shahryar Nashat,   The regulating line

Shahryar Nashat, The regulating line

VENERDI’ 15 | h. 11.00

Inaugurazione e visite guidate al MoMS (Museum of Modern Showlighting) | via Pastrengo, 3/b – Seriate (BG)

Nell’anno che l’UNESCO ha voluto dedicare alla Luce, apre a Seriate (Bergamo) il MoMS – Museo dell’illuminazione scenografica moderna. Creato da Clay Paky SpA ed ospitato all’interno dell’azienda, il MoMS è un museo molto particolare, dove la luce è raccontata non come oggetto della fisica, ma come strumento che crea emozioni. Il museo percorre la storia della luce applicata al mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento nel quale è diventata essenziale proprio per la sua capacità di suscitare emozioni. In questa accezione, nel corso degli ultimi cento anni, la luce ha accostato al suo aspetto funzionale un carattere ludico, teatrale ed evocativo, viene raccontata in questo museo è “duttile” e “dinamica” perché i suoi parametri possono essere manipolati per cambiare nel tempo e adattarsi alle esigenze di ogni tipo di spettacolo. Nel MoMS il visitatore può vedere l’evoluzione degli strumenti tecnici che i lighting designer usano per lavorare con la luce. Sono i cosiddetti “effetti luce”, sofisticati apparecchi frutto di anni di ricerca, investimenti e progressi tecnologici che Clay Paky progetta, produce e distribuisce in tutto il mondo con grande successo dal 1976. (Visite guidate su prenotazione: booking@theblank.it )

VENERDI’ 15 | h. 19.00

ILINX | vertigine gioco-pittura-suono: Studio Visit Oscar Giaconia | via Berlinguer, 15 – Villa di Serio (BG)

Il lavoro di Oscar Giaconia orbita intorno a molteplici costellazioni: i concetti di mostro, controfigura e autopsia sono solo alcune delle parole chiave che accompagnano da sempre la ricerca poliedrica dell’artista, caratterizzata anche dall’utilizzo di materiali inusuali quali teche di silicone, vulcanite, nylon, gomma di neoprene.  Ogni oggetto nello studio di Giaconia è come il frammento di un antico tavoliere di cui non si conosce origine e funzione. È un sistema di utensili fuori uso dove gli oggetti di scena sono indispensabili alla messa in scena di un circuito più ampio.   Steve Piccolo, musicista americano che inizia la sua carriera come bassista jazz nei primi anni ’70, fondando i Lounge Lizards, gruppo jazz nato dalla scena no wave di New York, creerà un’installazione sonora appositamente per l’occasione: rielaborando un progetto passato, nato durante gli anni in cui Steve Piccolo era insegnante in Accademia Carrara, grazie al coinvolgimento di alcuni studenti, tra cui lo stesso Oscar Giaconia, ha creato una composizione dalla registrazione di suoni emessi dalle industrie tessili presenti sul territorio bergamasco.   Durante lo Studio Visit ci sarà una stratificazione di suoni emessi da tre sorgenti sonore, idea che si riallaccia al lavoro anacronistico ed in qualche modo schizofrenico di Oscar Giaconia.

SABATO 16 MAGGIO | h 10.30 – 11.30  

Contemporary locus | Sound the Door: Davide Bertocchi con Federico Truzzi | Porta Sant’Alessandro, Bergamo

Con Sound the Door, azione performativa ideata dall’artista Davide Bertocchi (Modena, 1969), a cura di Paola Tognon, Porta Sant’Alessandro – storico accesso lungo le mura venete di Bergamo – si trasformerà in un gigantesco strumento musicale, “suonato” dall’interazione con il pubblico. La performance nasce da Polyphonic door, installazione sonora site specific che Bertocchi ha ideato per questo luogo, riaperto alla città in occasione di contemporary locus 7.  Per la quinta edizione di Art Date, Sabato 16 maggio, Davide Bertocchi sviluppa la dimensione interattiva dell’opera coinvolgendo il compositore e musicista Federico Truzzi in una performance sonora, interpretativa e temporalmente coinvolgente, che renderà il pubblico protagonista di un’esperienza live che connette la dimensione antica e quella attuale del luogo.

SABATO 16 | h. 11.30

BACO – Base Arte Contemporanea | A.E. ABSTRACT EXISTENCE: Erik Saglia | via Arena 9 – Bergamo

Scotch, vernici spray e resina per l’inaugurazione di A.E Abstract Existence, personale di Erik Saglia. Il gesto dell’artista torinese, seriale e meccanico, fluido ed estroso, si inserisce all’interno di uno dei luoghi più importanti e affascinanti della storia di Bergamo: nel Palazzo di Misericordia passarono infatti il pittore Lorenzo Lotto e l’intarsiatore Francesco Capoferri, gli architetti, i pittori, gli scultori, gli stuccatori che realizzarono la decorazione barocca della chiesa di S. Maria Maggiore, insieme a noti musicisti e cantanti provenienti da mezza Europa e chiamati a far parte della prestigiosa cappella musicale della Basilica. Saglia interviene su elementi già presenti nel luogo, trasformandoli attraverso la sua pratica e ridefinendo il rapporto tra spazio e spettatore, tra visione e fruizione in un ambiente pittorico saturo, ordinato geometricamente secondo la trama di quella griglia modernista tanto cara al nostro, ma allo stesso tempo leggero e nascosto.

SABATO 16 | h.15.00 – 19.00

Club Gamec – My Blueberry Night | Mostra collettiva – Residenza Casarotto di Albegno (sarà visitabile  solo per la giornata di sabato 16 maggio dalle ore 15.00 alle ore 19.00)

La mostra accoglie circa una quarantina di lavori che offrono una panoramica esaustiva sulle nuove direttive nel mondo del collezionismo contemporaneo bergamasco e italiano. Curata da Antonio Grulli, la mostra vuole essere un’occasione speciale di incontro, confronto e scambio reciproco tra i soci di sempre del Club Gamec, nuovi iscritti 2015, amici vicini  e persone che condividono la passione e l’amore per l’arte contemporanea e per la nostra città. Tra gli artisti in mostra: Carl Andre, Roberto Cuoghi, Gintaras Didziapetris, Jason Dodge, Peter Dreher, Cecil B. Evans, Tobias Kaspar, Andrea Kvas, Elad Lassry, Richard Long, David Maljkovic, Nicola Melinelli, Maria Morganti, Shirin Neshat, Richard Nonas, Diego Perrone, Gabriele Picco, Wilfredo Prieto, Dan Rees, Lili Reynaud Dewar, Michael E. Smith, Wolfang Tillmans… Collezionisti prestatori: Sergio Beretta e Mauro Micheli, Diego Bergamaschi, Luigina Bernini e Elio Carrara, Cristian Berselli, Gherardo e Allegra Biagioni, Alvise e Daniela Braga Illa, Maria Cagnoli, Giuseppe e Simonetta Casarotto, Mauro e Federica De Iorio, Massimo e Maria Adelaide De Palma, Carlo e Angiola Del Monte, Oliviero e Simona Falconi, Tiziana Fausti, Marco Ghigi, Gravity Collection, Paolo Piardi, Ermanno Tassi, Pippo e Carla Traversi.

SABATO 16 | h. 16.00 – 17.30

La mappa errata – All you need to know for now | Steve Piccolo | Punto di partenza: Basilica di Santa Maria Maggiore, Bergamo- Città Alta

La mappa errata – All You need to know for you, performance partecipativa di Steve Piccolo, è un progetto che nasce dal constatare come spesso gli elementi che usiamo per orientarci sono tutt’altro che eterni e che le mappe cercano di rappresentare una realtà che non sta mai ferma. Da qui l’idea di chiedersi e chiedere ai partecipanti di creare una mappa di presenze assolutamente transitorie, una mappa che vale solo per un percorso, per una volta e che poi diventa un’assurdità, un documento inutile se non per registrare un’esperienza personale irripetibile secondo un determinato hic et nunc. (Su prenotazione: booking@theblank.it )

SABATO 16 | h. 18. 00

The Blank & ORLANDO – identità, relazioni, possibilità. Un progetto di Laboratorio 80 | CAMP un film di Andy Warhol | Auditorium p.zza della Libertà – angolo via Norberto Duzioni, 2 – Bergamo

Continua la seconda edizione di “ORLANDO identità, relazioni, possibilità” e il suo viaggio nel mondo delle rappresentazioni delle identità di genere e degli orientamenti sessuali. Nella programmazione dei cinque giorni di cinema, danza, arte, performance e incontri, fa capolino uno special guest direttamente dal MoMA di New York: Andy Warhol.

CAMP –  Paese: Usa,  1965 –  Durata: 66′ – Andy Warhol sguinzaglia in questo film-varietà alcune “Superstar” della sua famosa Factory, che si esibiscono in canti, balli e letture offrendo le loro personalissime risposte alla domanda “che cos’è il camp?”. Una testimonianza unica, proposta in 16mm, sul mondo dell’artista e sull’estetica camp, uno dei prodotti più appassionanti della cultura queer, ovvero la sensibilità artistica che con l’ironia, la teatralità e l’esagerazione gioca con la dimensione performativa dei ruoli di genere.

Lorenzo Senni

Lorenzo Senni

SABATO 16 | h. 22.00

LORENZO SENNI | AAT Open – Air Version Live diffusion | Piazza Vecchia – Città Alta, Bergamo

Definito come uno dei musicisti più interessanti in Italia e tra i più visionari produttori elettronici dell’ultima generazione, Lorenzo Senni è compositore di musica elettronica, fondatore dell’etichetta Presto!?, e artista multidisciplinare. Dopo i successi in importanti festival come Club2Club, Unsound e Sonar, alla fine dei dieci rintocchi del campanone di Piazza Vecchia, darà inizio al Live Diffusion, AAT Open-Air Version: complice l’affinità elettiva sviluppata con Cory Arcangel, la sua esibizione sarà ai piedi della mostra personale dell’artista americano This is all so crazy, everybody seems so famous, promossa da GAMeC. La ricerca di Senni parte da un background musicale piuttosto convenzionale fatto di lezioni di chitarra e successivamente di batteria. Quest’ultima esperienza diventa fondamentale all’interno della sua formazione musicale e personale, infatti, Senni ricorda come grazie al suo insegnante di Jazz abbia veramente imparato cosa fosse la disciplina, che diventerà essenziale nel suo percorso successivo. La sua ricerca si concentra verso un approccio estremo all’estetica della trance anni Novanta, ma ampliata con effetti moirè minimalisti e arrangiamenti tantrici da dancefloor, dove ripetizione e isolamento diventano ?i ?concetti chiave.  Con le sue performance Senni coinvolge il suo pubblico in un’atmosfera di non-spazio indefinito.

DOMENICA 17 | h. 10.00-13.00

The Blank & ORLANDO – identità, relazioni, possibilità. Un progetto di Laboratorio 80 | MARIO BANANA un film di Andy Warhol | BACO – via Arena, 9 – Bergamo

Continua la seconda edizione di “ORLANDO identità, relazioni, possibilità” e il suo viaggio nel mondo delle rappresentazioni delle identità di genere e degli orientamenti sessuali. Nella programmazione dei cinque giorni di cinema, danza, arte, performance e incontri, fa capolino uno special guest direttamente dal MoMA di New York: Andy Warhol.

“MARIO BANANA”  Paese: Usa,  1964 –  Durata: 4′ – Con: Mario Montez — Mario Montez, “la madre di tutte le drag queen” secondo John Waters, è solo sullo schermo. Indossando una parrucca e dei guanti bianchi, fissa lo spettatore e cerca di sedurlo, mangiando una banana. http://www.lab80.it/rassegne/2

DOMENICA 17 | h. 13.30 – 15.30

The Blank Kitchen | A pranzo con l’artista IAN TWEEDY | POLARISlife Concept Store | p.zza della Libertà, 10 – Bergamo

Ian Tweedy, ai fornelli del concept store Polaris life in Piazza della Libertà, location esclusiva messa a disposizione per il pranzo, darà prova delle sue capacità da Chef, accompagnando gli ospiti all’interno di quel viaggio in Italia che ha caratterizzato alcuni anni della sua vita. Ian Tweedy?, che? ha già esposto a Bergamo con la personale I’ll Meet You at the Rendevous che si è tenuta alla GAMeC nel 2008?, ? torn?a in città per l’appuntamento del The Blank Kitchen. The Blank Kitchen nasce per offrire un’esperienza e una connessione diretta e informale tra l’artista, invitato a pensare e cucinare un suo personale menu, e la città, gli appassionati d’arte, gli studenti o i semplici curiosi che partecipando al pranzo hanno la possibilità di conoscere le pratiche artistiche contemporanee attraverso un elemento trasversale e unificante come quello del cibo, capace di annullare la distanza tra artista e pubblico. Durante il pranzo, l’artista presenterà la fanzine realizzata in collaborazione con lo Studio Temp di Bergamo: Chef#3 è il terzo numero del progetto di micro-editoria curato da Valentina Gervasoni per The Blank Contemporary Art che, a partire da Diego Marcon e il suo manifesto della cucina neofolk, accompagna tutti gli appuntamenti in cucina.  Per ciascun artista invitato a partecipare a The Blank Kitchen viene stampata una “rivista” amatoriale realizzata dallo stesso, invitato a metterci tutta la creatività e la ricerca artistica che lo contraddistingue ma costretto all’uso di un solo colore, a eccezione del nero. (Su prenotazione: booking@theblank.it )

Ian Tweedy | ospite a The Blank Kitchen

Ian Tweedy | ospite a The Blank Kitchen

DOMENICA 17 | h. 16.00-17.00

Visita guidata all’intervento di Stefano Arienti, Ferrario Freres e Andrea Mastrovito | Chiesa del nuovo ospedale PG23

Chi arriva dalla piazza, una volta superato il “velario” e lo stretto filtro, entra subito nella grande ed ariosa aula liturgica della Chiesa del Nuovo ospedale, luogo spirituale che insieme ai fedeli accoglie tre artisti e una mistica vocazione al contemporaneo: I Ferrario Frères hanno raccolto le scene tradizionali della via crucis in una sola unica grande narrazione sintetica che ambienta la passione nel teatro di una Bergamo rimontata come una città da pittura fiamminga. Anche le figure della narrazione sacra sono interpretate da persone conosciute nella città. Stefano Arienti, con una particolare tecnica di impressione sul cemento trasforma le pareti della chiesa in un giardino diafano e autoctono, un perimetro traforato di aperture incaricate di trasportare la luce. Nelle ore del giorno la luce naturale penetra all’interno. Andrea Mastrovito allestisce nello spazio di un’abside tripartita una potente scena di passione, un calvario splendente, attraverso una scenografia di grandi vetrate che, distanziate fra di loro, offrono un efficace senso di tridimensionalità. Su di esse Mastrovito esercita la sua abilità di disegnatore, traducendo in lingua contemporanea la riconoscibile poesia di una rappresentazione classica. (Su prenotazione: booking@theblank.it )

DOMENICA 17 | h. 18.00

BACO PROJECT SPACE | ALMOST HUMAN: ALIS/FILLIOL | via Nazario Sauro, 1 – Bergamo

Il duo artistico e (Andrea Respino, Davide Genarino) attribuisce, nella sua ricerca artistica, un ruolo primario alla componente processuale che esalta la tensione tra resistenza e accessibilità che conserva la forma. Proprio la forma, sostengono i due, “emerge alla fine di un dato momento del fare, tra le tante forme che abbiamo pensato e tra i tanti disegni che abbiamo lasciato sulla carta”. Così, nella mostra curata da Stefano Raimondi e Mauro Zanchi, per la prima volta saranno presentati al pubblico proprio i disegni preparatori e preprocessuali: inqualificabili, estranei agli stereotipi, quasi umani, almost human appunto. Lo spazio di un pezzo di carta raccoglie l’alterità dell’oggetto alieno con cui la coppia si misura.

SCARICA il PDF ? Play Artdate — Must-see in Bergamo | ATP DIARY (14-05-2015)