***
Mostra che rinfresca la memoria sul linguaggio della performance negli anni ’60 e ’70 quella ospitata nello spazio O’ di Via Pastrengo. Per intenderci, lo stesso spazio che ospita anche la serie di performance di artisti contemporanei: Igor Muroni, Nicola Ruben Montini, Giovanni Morbin, Michele Bazzana e Simone Berti. Ancora in programma: Diego Perrone e Christian Frosi, Italo Zuffi. La raccolta di fotografie documentative, mostrano uno spaccato significativo della storia della performance: dall’Abramovic a Gina Pane, a Nitsch e Muehl, Acconci, Oppenheim, De Dominicis, Lüthi, Nauman, Kounellis, Ontani ecc. Passato e presente si intrecciano, dunque, in questo interessante progetto che sfida gli artisti di oggi (alcuni dei quali non propriamente avvezzi con il linguaggio della performance) a confrontarsi con una pratica rischiosa e facilmente criticabile (vedi il mare magnum di commenti che ha scatenato l’intervento di Simone Berti).
I curatori del progetto ‘Matter of Action’: Samuele Menin, Sara Serighelli e Giorgio Maffei.