Matt Mullican, That Person and That World, 2016, Performance, The Kitchen, New York © Paula Court

Matt Mullican, That Person and That World, 2016, Performance, The Kitchen, New York © Paula Court

Sabato 26 maggio alle ore 19.00 all’Hangar Bicocca di Milano ci sarà il terzo dei vari appuntamenti che la fondazione ha organizzato con Matt Mullican per consentire al pubblico un avvicinamento maggiore al suo lavoro, nonché una maggiore comprensione delle sue tematiche di fondo. Sabato ci sarà quindi la performance in stato di ipnosi dell’artista all’interno dello spazio della sua mostra personale The Feeling of Things

Matt Mullican, in uno stato di trance indotto da un ipnotista, lascia emergere la personalità e i gesti di That Person, un’entità senza sesso né età che appare come suo alter ego all’interno di performance in stato di ipnosi. Nelle sue vesti Mullican svolge di fronte al pubblico azioni improvvisate e imprevedibili per durata e contenuto, muovendosi all’interno di un’area delimitata dove sono presenti alcuni oggetti legati alla quotidianità. La pratica dell’ipnosi è utilizzata dall’artista fin dalla fine degli anni Settanta come mezzo per indagare lo spazio psicologico e interiore e per mettere in discussione la posizione estetica ed esistenziale dell’artista.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione riservata ai Member Pirelli HangarBicocca. Sarà possibile registrarsi presso l’Info Point per l’ingresso all’evento a partire dalle ore 18. La performance è adatta a un pubblico adulto.

Matt Mullican, That Person and That World, 2016, Performance, The Kitchen, New York © Paula Court

Matt Mullican, That Person and That World, 2016, Performance, The Kitchen, New York © Paula Court