Marcello Tedesco, Megaloschemos, 2018, veduta della mostra, Galleria Arrivada, Milano

Marcello Tedesco, Megaloschemos, 2018, veduta della mostra, Galleria Arrivada, Milano

Arrivada, dopo l’esperienza in terra Svizzera, a Coira, e il progetto Homeworks nella sede di Corso Monforte a Milano, approda in via Pier Candido Decembrio 26, in uno spazio destinato a crescere, plasmarsi e modificarsi con i progetti che man mano ospiterà divenendo creatore di paesaggi animati.
La mostra di Marcello Tedesco (Bologna, 1979) si inserisce perfettamente in questo spirito d’intenti. L’artista, infatti, è intervenuto in un ambiente ancora in fase di ristrutturazione, le cui varie parti architettoniche riportano le tracce della sua storia, con un intervento site-specific sulla pavimentazione ed una serie di nuove opere concepite per l’occasione che evidenziano il rapporto tra “costruito” e “distrutto” tra le tematiche costanti nelle sue ricerche.

Se nel 1945 Arturo Martini pubblica il suo pamphlet “Scultura Lingua Morta”, nel 2018, Marcello Tedesco potrebbe pubblicare “Scultura Lingua Viva”, il suo interesse per la mineralità e la materia lo ha portato, infatti, a trovare nuove vie al linguaggio scultoreo grazie a materiali, dalla composizione inedita, che respirando e traspirando “vivono” sciogliendosi lentamente. Una trasmutazione della materia degna di un alchimista che lascerà come tracce delle opere la struttura metallica utilizzata da Tedesco per armarle in fase realizzativa e il loro “nuovo” stato liquido in vasche metalliche.
Forme che vanno a contrastare quell’immagine di eternità, perennemente, ricercata dagli scultori grazie a materiali come bronzo e marmo perché se nella Genesi (3,19) vi è la famosa frase “polvere tu sei e in polvere tornerai!” in questo caso “polvere tu sei e liquido tornerai!”

Marcello Tedesco, La lingua che scolpisce, 2018, serie di quattro video, loop, suono muto. Foto di Alessandro_ Nassiri

Marcello Tedesco, La lingua che scolpisce, 2018, serie di quattro video, loop, suono muto. Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, La forma della discontinuità (dettaglio), 2018, tondino di ferro, dimensioni dell'ambiente. Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, La forma della discontinuità (dettaglio), 2018, tondino di ferro, dimensioni dell’ambiente. Foto di Alessandro Nassiri

L’artista, in questa mostra, sembra citare il manifesto bianco di Lucio Fontana del 1946 dove l’autore parla appunto della necessità di pensare all’arte come ad una pratica dove il gesto è eterno, ma dove la materia si dissolve e se le opere della prima sala si liquefano nella seconda le sculture perdono la loro materialità divenendo immagine in movimento. Video che sottolineano l’importanza della luce nella fruizione di un’opera e in particolare in quelle scultoree.
La mostra si conclude con una scultura site-specific in cui la materia riprende consistenza, diviene tangibile, in forme sinuose di un caos “controllato” dall’artista che sembrano alludere al “Big Bang” il momento della creazione dell’Universo.
Un progetto con un grande schema al suo interno, a cui allude il titolo della mostra, un’arte vicino alla vita e alle sue insondabili contraddizioni non regolata da schemi e codici culturali che la ingabbino e la rendano necessariamente parziale.
Il primo paesaggio animato di Arrivada, un paesaggio inno alla vita e alla materia.
Il paesaggio di Marcello Tedesco.
Un ringraziamento particolare a Fabrizio Perghem per l’aiuto dato.

Marcello Tedesco — Megaloschemos
A cura di Samuele Menin, Galleria Arrivada
Via Pier Candido Decembrio, 26, Milano.
Mostra chiusa il 25 luglio

Marcello Tedesco, Le leggi del pensiero, 2018, lastre di cloruro di calcio, cm 50x60, vasca in acciaio, cm 60x70.Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Le leggi del pensiero, 2018, lastre di cloruro di calcio, cm 50×60, vasca in acciaio, cm 60×70.Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Megaloschemos, 2018, veduta della mostra, Galleria Arrivada, Milano.Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Megaloschemos, 2018, veduta della mostra, Galleria Arrivada, Milano.Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Involucro di vuoto, 2018, cartone compresso salinizzato, cristalli di sale, cm 14x94x14. Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Involucro di vuoto, 2018, cartone compresso salinizzato, cristalli di sale, cm 14x94x14. Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Colonnina di materia, 2018, cloruro di calcio, teca in cristallo, cm 7x40x7.Foto di Alessandro Nassiri

Marcello Tedesco, Colonnina di materia, 2018, cloruro di calcio, teca in cristallo, cm 7x40x7.Foto di Alessandro Nassiri