***
Tema pretestuoso per far si che, ancora una volta, Francois Pinault mostri i muscoli. Alcune opere sono eccellenti, altre sembrano solo trofei di caccia. Mostra densa ma un pò senza nè capo nè coda, se non, laccio colorito e divertente, un mostriciattolone che, sinceramente, non era un granchè! Vale il viaggio: il rilievo di Charles Ray, la case con patate di Sigmar Polke, le sculture di David Hammons, il video di Cyprien Gaillard, accoppiata Boetti-Frédéric Bruly Bouabréstanta pittura poco interessante, a parte alcune eccezione come Philippe Perrot.