YEAH YOU – THIS INSTEAD – Xing-Live Arts Week IX – 22.9.2020, Bologna – Photo Luca Ghedini – Courtesy the artists and Xing

Nell’immaginario pubblicitario l’auto familiare è rappresentata come il fulcro della socialità, oggetto indispensabile e necessario per la vacanza perfetta, il suo passaggio al neopatentato membro della famiglia il più altro gesto di fiducia. Spaziosa e confortevole, ma senza rinunciare ai comfort, l’auto familiare appare come la materializzazione dell’ottimizzazione delle attività domestiche e commerciali. A ribaltare, da dentro, l’immagine costruita e veicolata da tutte le concessionarie del mondo ci pensa YEAH YOU, formazione artistica gallese composta da Gustav Thomas ed Elvin Brandhi, rispettivamente padre e figlia.

La loro sound performance THIS INSTEAD, inizialmente annunciata per Live Arts Week IX lo scorso anno e riproposta a settembre 2020 come primo appuntamento di una serie di purtroppo non ancora proposta, fa proprio di quell’automobile un nuovo spazio performativo trasformando le sue funzioni principali (muoversi e trasportare) in elementi di un’arte portatile che nasce dal desiderio di creazione in qualsiasi condizione, luogo e tempo. Ne deriva una serie di incursioni musicali dislocate geograficamente e improvvisate a bordo di quella che loro stessi hanno ribattezzato Kh-art (Car-art). This instead, letteralmente “questo invece”, è la re-interpretazione continua dei dati materiali e immateriali che ci circondano, a partire dall’espressione social drive, intesa come “spinta sociale”, ma anche come pratica di guida condivisa e la relazione di interdipendenza che tra guidatore e guidato. 

YEAH YOU – THIS INSTEAD – Xing-Live Arts Week IX – 22.9.2020, Bologna – Photo Luca Ghedini – Courtesy the artists and Xing

L’auto familiare si trasforma così in una sorta di palcoscenico in movimento – con lui al volante e lei come passeggera – dal quale soddisfare l’impulso di creare indiscriminatamente con mini-speakers, dittafoni, campionatori, videocamera e microfono. Al pari di un nomade digitale, i due si muovono e creano ovunque si trovino e in qualsiasi momento grazie a strumenti essenziali sempre presenti nei loro viaggi. Dalla vettura esce un noise-pop lo-fi con basi distorte che fungono da piattaforma per i flussi di coscienza, furiosi, profondi o non-sense, dalla forte impronta linguistica. La tappa bolognese di YEAH YOU ha avuto come punto di partenza il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna per poi proseguire seguendo un itinerario aggiornato costantemente sulla pagina Wikipedia del live, piattaforma ideata come strumento enciclopedico utilizzata qui in modo effimero ribaltando così ancora una volta la funzione dell’esistente. 

Quotidianità familiare e performance si sovrappongono affermando così l’identificazione di arte e vita in un viaggio che lo spettatore non può fare altro che osservare, limitando la propria partecipazione all’ascolto e alla decisione di seguire – o meno – la vettura nel suo percorso.   

Xing / Live Arts Week IX 
YEAH YOU (GB) – Gustav Thomas, Elvin Brandhi
THIS INSTEAD

YEAH YOU – THIS INSTEAD – Xing-Live Arts Week IX – 22.9.2020, Bologna – Photo Luca Ghedini – Courtesy the artists and Xing