• Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 - Image credit courtesy of Arcade, London.
  • John Finneran - The Middle of the Night, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London
  • John Finneran - The Home Where I'm Found (Ocean), 2016 Image credit courtesy of Arcade, London
  • John Finneran - Sun Figure, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London
  • John Finneran - Hands, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London
  • John Finneran - Day, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London
  • Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 - Image credit courtesy of Arcade, London

Segue testo in italiano —

You dreamed of the woman between
the river and the sun and the rock
Then I thought of the mountain
and next to the mountain was the sun
and the sun was held by the woman from between the river and the sun and the rock
In the dream there were figures in the water
and when it was cool they came out to the beach
This was dreamed many times
and when you dreamed it you were peaceful

John Finneran, 2015

For his second solo exhibition at Arcade titled ‘A Figure Searching Day and Night’, John Finneran (US,1979) presents his new body of works.

ATPdiary, in collaboration with Giulia Ponzano, asked the artist some questions.

Giulia Ponzano: Your early works employed various mediums in the production of paintings, objects and assemblages with a more figurative child-like aesthetic. In the past few years, these interests evolved into a focus on paintings and your works became complicated through an emphasis on compositions: lips, eyes, noses, female figures, circles, crescents and triangles are recurrent motifs. The same iconography and symbolism remain in your works from 2016, but shapes are abstracted by degrees and simplified. Though these ambiguous forms and enigmatic compositions on the canvas seemingly reflects your thoughts – Can these new series be considered as more ‘personal’?

John Finneran: I think all the paintings are personal. They are all built out of what I’m able to feel while I’m making them. So I’d rather say that the newest works are part of a process of eliminating reference that isn’t based in an emotion. The eye is a good way to explain this because it’s the most illustrative. When I first used that symbol, a line drawing of an eye, it was very broad. I could attach a lot of emotion to it because it’s a direct way to reference a person, or a mirrored self. But it’s also a symbol for “eye.” So it has a lot of baggage about line and representation, and so many other meanings related to it. All these knowledge leads to interpretations that get in the way of what I really want which is a space for feeling. So I hope I’m getting closer, uncluttering everything.

GP: There isn’t a clear meaning in your paintings: forms are recognisable, but these can be interpreted in a variety of ways. Compositions contain more than what is visibly present, they seem like puzzles that can never be resolved. Do they give any answers/ solutions to us? Or the answer lied in the incomprehensible?

JF: If I thought there was an answer in the work it would be found in my biography, but that’s just not something I’m interested in because of how many doors it closes. I can connect some paintings to events in my life or places I’ve been and that would be an answer or a meaning but it wouldn’t have anything to do with why I made the painting. I’m more interested in the emotion and feeling in the paintings because you can share that with the viewer. The reason doesn’t matter, because it’s different for me than it is for you, what matters is the depth of it and recognising something that we share. Ultimately I don’t believe in answers, I aspire not to believe in answers.

GP: Christian and Egyptian mythology, the celestial and esoteric: who else has been your major influences? Do you have any musically as well?

I remember wondering why in my mind the simplest image of a woman is so Egyptian looking, only in profile…I’m guessing because that’s the type of image with the least other information in it. I saw those pictures early enough in my life that I don’t associate them with anything too distracting, they’re ‘pure’. I’m trying to go further back, to before the first trip to the museum and figure out what those images are. As far as music, I think it’s free jazz and doom/drone metal. I think the overwhelming amount of aural information in there cancels out my thoughts in a way that I like. But I love country music too, which contradicts the idea I just proposed. I’ll say jazz and metal at the beginning, honky tonk music for the finishing touches.

GP: Looking at ‘3 Noses, 3 Mouths’ (2012), ’Eyes’ (2016) or ‘Hands’ (2016) – you visually isolate four of the senses in light black outlines – juxtaposing multiple sensory organs: what is the meaning of this repetition?

JF: This is more cancelling. The repetition adds the impossibility of it being one specific figure.

GP: ‘Dreamer, Dreaming Day and Night’, ‘Day’, ‘A Figure Searching day and Night’… lightness and darkness, day and night are the backgrounds on which the sensory organs are lying – The moon, the sun and the stars truly mark the passage of time. What is its function/role in relation to our perception?

JF: I’m adding a kind of repetition to the whole of my body of work by using day and night as thematic and compositional anchors for the paintings. There’s definitely something to the idea that different areas of emotion seem available or more likely at different times of day and night, and that can establish the mood of a particular painting. But I think in my work repetition is there to reinforce the insignificance of those details. You can say “oh this one’s at night” and that could mean that you start interpreting from there, from “night”. But the next painting is “day” and then “night” again in the next one. Just like for us, it’s actually either day or night. I’m interested in any moment during which we recognise ourself in relation to what we’re looking at, more than just what you’re looking at.

Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 - Image credit courtesy of Arcade, London.

Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 – Image credit courtesy of Arcade, London.

Intervista con John Finneran | ARCADE, Londra

In occasione della seconda mostra personale intitolata ‘A Figure Searching Day and Night’ nella galleria londinese Arcade, John Finneran (US, 1979) presenta il suo nuovo corpus di opere.

ATPdiary, in collaborazione con Giulia Ponzano, ha posto alcune domande all’artista.

GP : I tuoi primi lavori adottavano vari media nella produzione di dipinti, oggetti e assemblages e l’estetica che li caratterizzava era infantile e più figurativa. Negli ultimi anni, questi interessi si sono focalizzati sulla pittura e i tuoi lavori sono diventati più complessi tramite composizioni astratte formate da vari frammenti che sono poi diventati motivi ricorrenti: labbra, occhi, nasi, figure femminili, cerchi, mezzelune e triangoli. Le stesse iconografia e simbologia seguono nelle tue opere del 2016, ma le forme sono più astratte e semplificate. Queste figure ambigue ed enigmatiche sembrano riflettere i territori della tua mente – in particolare quest’ultima serie, però, può essere considerata come più ‘personale’?

JF : Credo che tutti i dipinti siano personali. La materia di cui sono composti è ciò che provo mentre sto creando. Quindi, direi che i lavori più recenti rientrino in questo processo di eliminazione dei riferimenti che non si basano sulle emozioni. Provo a spiegarlo usando la figura dell’occhio: quando all’inizio ho usato questo simbolo, il suo significato era vago e nebuloso. Attribuisco a esso un grande valore emozionale perché è direttamente collegabile a una persona oppure a un riflesso del sé. Però è anche un simbolo in quanto ‘occhio’: quindi apporta un bagaglio proprio legato alla linea, alla rappresentazione e ci suggerisci vari altri significati legati ad esso. Credo che tutti questi pensieri conducano ad un allontanamento da ciò che sto cercando di raggiungere, ovvero la pittura come spazio per i sentimenti. Quindi, eliminando tutti questi ragionamenti, spero di avvicinarmi a esso.

GP : Non c’è un significato chiaro nei tuoi quadri: le forme sono riconoscibili, ma queste possono essere interpretate in diversi modi. Le tue composizioni contengono più di ciò che sia visibilmente presente, sembrano puzzle che non possono mai essere risolti. Ci forniscono una risposta o una soluzione? O la risposta risiede nella loro incomprensibilità?

JF : Se ci fosse una risposta nel mio lavoro questa potrebbe risiedere nella mia biografia; ma questo discorso è qualcosa a cui non sono interessato, in quanto limitativo. Posso collegare alcuni dipinti a eventi della mia vita o a luoghi che ho visitato; questo potrebbe essere considerato come una risposta o un significato, ma non avrebbe nulla a che vedere con il motivo per cui ho creato l’opera. Sono più interessato all’emozione e al sentimento presenti nella pittura, perché si possono condividere con lo spettatore. La ragione non ha importanza, perché è diversa per me da quanto possa esserlo per te, ciò che conta è la sua profondità e l’identificarsi in qualcosa che condividiamo. In definitiva non credo alle ‘risposte’, non aspiro a credere alle risposte.

GP: La mitologia cristiana ed egizia, il celestiale e l’esoterico: quali altre sono state le tue principali influenze? Hai anche alcune ispirazioni musicali?

JF: Mi sono sempre chiesto perché nella mia mente l’immagine più semplice di una donna somigli così tanto a quella di una Egizia, entrambe delineate di profilo… Probabilmente perché questo è il tipo di immagine che fornisce il minimo di informazioni possibili. Sono venuto a contatto con queste figure nei primi anni della mia vita, sono immagini ‘pure’ che non associo a null’altro. Sto cercando di scavare a ritroso, a un tempo antecedente alla mia prima visita al museo, e di capire il significato di queste figure.

Per quanto riguarda la musica, dico il free jazz e doom/drone metal. La straordinaria quantità di informazioni sonore annullano i miei pensieri in un modo che mi piace. Ma apprezzo anche la musica country, che contraddice l’idea che ho appena proposto. Direi jazz e metal all’inizio di un lavoro, la musica honky tonk per gli ultimi ritocchi.

GP : Osservando ‘3 Noses, 3 Mouths’ (2012), ’Eyes’ (2016) or ‘Hands’ (2016), isoli visivamente quattro dei nostri organi di senso con contorni neri leggeri, giustapponendo queste parti una vicina all’altra: qual è il significato di questa ripetizione?

JF: La ripetizione ha maggior potere di annullare, aggiunge l’impossibilità di delineare una figura specifica.

GP : ‘Dreamer, Dreaming Day and Night’, ‘Day’, ‘A Figure Searching day and Night’ … la luce e l’oscurità, il giorno e la notte sono gli sfondi su cui posizioni le tue forme e figure – La luna , il sole e le stelle presenti nei tuoi quadri scandiscono veramente il passare del tempo. Qual è la funzione / il ruolo del tempo in relazione alla nostra percezione?

JF: Usando il giorno e la notte come àncore tematiche e compositive, aggiungo una sorta di ripetizione a tutto il mio corpus di opere. Sicuramente dal giorno e dalla notte scaturiscono differenti emozioni e sono questi sentimenti a delineare l’atmosfera di un particolare dipinto. Credo, però, che nel mio lavoro il susseguirsi del giorno e della notte sia lì per rafforzare l’insignificanza di questi dettagli. Si può dire: ‘oh questo è una figura di notte’, di conseguenza si inizia a interpretare da lì, dal momento ‘notte’ . Ma nel dipinto successivo è ‘giorno’ e poi ‘notte’ di nuovo. Esattamente come si alternano per noi la luce e l’oscurità. Sono interessato a quegli istanti in cui, nell’osservare qualcos’altro, riconosciamo noi stessi, più che il concentrarsi sull’oggetto di per sè.

Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 - Image credit courtesy of Arcade, London.

Installation view A Figure Searching Day & Night, Arcade, London 2016 – Image credit courtesy of Arcade, London.

John Finneran -The Home Where I'm Found, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London

John Finneran -The Home Where I’m Found, 2016 Image credit courtesy of Arcade, London