• Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view
  • Irma Blank, Radical Writings, courtesy P420, Bologna
  • Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view
  • Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view
  • Joachim Schmid - Bild
  • Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view
  • Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view
  • Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso - Installation view

Nella suggestiva sede di Ca’ dei Ricchi trovano spazio le opere di cinque artisti che affrontano, ciascuno secondo la propria poetica, il tema del tempo. A cura di Valerio Dehò Timelines si inserisce in un filone tematico approfondito già nel corso delle esposizioni precedenti e che trova, in questa occasione, le collaborazione di Galleria P420, Bologna. Gli artisti invitati sono  Irma Blank, Hanne Darboven, Paolo Icaro, Joachim Schmid e Franco Vaccari e le loro opere sono visibili fino al 4 luglio nella sede di  TRA Treviso Ricerca Arte (Ca’ dei Ricchi Via Barberia n. 25 – 31100 Treviso).

Le opere, se pur inserite in una cornice architettonica fortemente caratterizzata, riescono a ritagliarsi uno spazio e un tempo proprio o per meglio dire, un momento. Vaccari con le Esposizioni in tempo reale, da un’importanza centrale al tempo, lo rende protagonista dell’opera e gli dona un “significato operativo”, in quest’occasione espone un’opera video, quale testimonianza di una memoria, svanita. Icaro invece, impregna le proprie opere di continuità spazio temporale, sostenendo che il risultato di un processo artistico non sia altro che “l’incancellabile traccia del nostro passaggio” e così accade nei Racconti, opere che puntellano un percorso più lungo. Per Schmid il tempo rimane sospeso, in attesa che qualcuno riconosca i volti immortalati in Bilder von der Strasse, immagini che entrano a far parte di un processo di catalogazione che ripercorre la biografia dell’artista. La registrazione dello scorrere viene effettuata anche attraverso l’annotazione costante di Darboven che, nelle serie di Schreibzeiten, fraziona il tempo, nel tentativo di darne una catalogazione precisa. La scrittura manuale, infine, viene utilizzata anche da Blank che nelle pagine del catalogo scrive:  “Scrivere è attraversare il tempo, esperire il flusso, esperire il transito, il viaggio, l’attraversamento dell’istante fra il passato e il futuro, esperire la vitalità, l’energia o la virtualità del durare.”  E così nei Radical Writings e nelle Trascrizioni, si assiste visivamente al processo di trascrizione, fisica e temporale, di cui l’opera si fa testimone.

Di forte impatto visivo e suggestione, Timelines, inserisce opere contemporanee in una sede storica di pregio, creando una perfetta integrazione. Il tempo lo ritroviamo non solo nelle opere, ma anche nel rapporto che esse instaurano con il luogo ospitante e tra di esse, in un complessità e completezza che meglio non potrebbe rendere la definizione del rapporto tra tempo e luogo. 

Federica Colle

CS Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso

Intrecci temporali –  Timelines,   TRA,   Treviso - Installation view

Intrecci temporali – Timelines, TRA, Treviso – Installation view

Irma Blank,   Radical Writings,   courtesy P420,   Bologna

Irma Blank, Radical Writings, courtesy P420, Bologna