• Reynier Leyva Novo - Exhibition view ‘El peso de la muerte' – Galleria Continua, San Gimignano, 2016 - Photo by: Ela Bialkowska
  • Reynier Leyva Novo - Exhibition view ‘El peso de la muerte' – Galleria Continua, San Gimignano, 2016 - Photo by: Ela Bialkowska
  • Reynier Leyva Novo, El peso de la muerte (serie de pesas de 1 g. a 1 Kg fundidas con latón de balas), 2016, Cast Bras, Variable dimensions, Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • Reynier Leyva Novo, El beso de Cristal (detail) 2015 - 70 calici di vetro, Dimensioni variabili, 2015 70 glass goblets Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana
  • Juan Araujo - Exhibition view 'walled-in shut' - GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, 2016
  • Juan Araujo - Exhibition view 'walled-in shut' - GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, 2016
  • Juan Araujo - Exhibition view 'walled-in shut' - GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, 2016
  • Juan Araujo - Exhibition view 'walled-in shut' - GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, 2016
  • Juan Araujo - Templo II, 2015 olio su tela, 23 x 35 cm 2015 Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ 2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ 2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ 2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ 2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ 2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska
  • Gates of Empires, 2015 carta lavorata in rilievo, inchiostro di china 2015 patterned paper relief, chinese ink Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska

Segue testo in italiano

Reynier Leyva Novo (Havana, 1983) tells ATP/Luisa Ausenda about  El peso de la Muerte. The exhibition that opened in San Gimignano on February 13, 2016, is his first solo show with  Galleria Continua.

Novo’s work is currently viewable at Galleria Continua’s new space in Havana, within the ongoing show YOU + ME = US, and at Hoffman Gallery’s exhibition Intersecciones: Habana/Portland (until March 13). Moreover, it is included in the collection of institutions such as Bronx Museum of the Arts, Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, Walker Art Center and Perez Art Museum.

ATP:   12 Guerras   (12 Wars) ,   from the series   El peso de la Muerte   (The weight of Death), is comprised of twelve different rectangles of black ink painted on one of Galleria Continua’s walls. They are formed by the same quantity of ink used in some of the documents that mostly marked modern history. Why did you select those twelve treaties?

Reynier Leyva Novo: Those treaties condense humanity’s bloodiest endeavors from the current century and the two preceding it. The ink contained in them, sometimes very short documents, equates – ideally – both with the number of deaths caused by these conflicts and the failure of the expansionist aims that generated them. These treaties settled the peace between the warring parts while imprinting their human costs. In this sense, I consider them funeral monuments in the form of text. In my opinion, it is interesting how, ultimately, everything that happened is contemplable through these little concentrates of words, and measurable by given amounts of ink.

ATP: Thus, the brass weights forming the second work entitled   El peso de la Muerte , produced by casting bullets, measure, or better yet, “weight” the horrors of war?

RLN: War, and the horrors that it causes, are essentially incalculable. The weights displayed in El peso de la Muerte embody arbitrary weight categories. Yet, they also conform to specific weights – from 1 gram to 1 kilo. Undoubtedly, it is impossible to measure the weight of History, Homeland or Death. Nonetheless, we can measure how these abstract entities manifest in reality. The weights measure the latent violence in the bullets that will never be fired. The work has a factual involvement within the world of war insofar the bullets were withdrew from circulation. This, thanks to the juridical person of Galleria Continua that purchased the arms.

The same implication characterizes a second work, the agricultural tools leaning against Galleria Continua Tower’s rocky wall. The metal used to produce them was obtained by melting weapons (AK-47s, Berettas and others) bought by Galleria Continua in Tuscany. Shaped around silicon molds, these instruments are the punctual reproduction of twenty-two agricultural tools found in the fields surrounding San Gimignano. The same material once implemented – potentially – to kill could now make land productive.

ATP: Why did you burn, in   No me guardes si me muero   (Do not conserve me if I die), the twenty-five volumes of the collection ‘Complete Works’ by the writer, strategist and politician José Martí?

LNR: I burned the collection to preserve it, rather than destroy it. The thinking of José Martí, a person known in Cuba both for organizing the war to liberate the country from Spanish Domination and for being a peerless poet and thinker, was manipulated to bolster ideologies that succeeded him, thus creating a forced historical continuity. On the one hand, fire burns and deforms, and so does instrumentalization, which may even resignificate words and ideas. On the other hand, fire purifies – in this case, the oeuvre from its posthumous manipulation. While the urn containing the ashes is their intellectual space, the ashes are the body of José Martí’s thought.

ATP: Could you talk about the connections between the three series produced by IN k   1.0? Did it have any influence on the way you conceived the exhibition?

LNR: I have been working on this group of works for just over a year. Basically, to create them, I calculate the amount of ink used in documents that I select due to their historical relevance. To this extent, I use INk 1.0, a software developed by a team of programmers that calculates the area, volume and weight of the ink contained in both handwritten and printed documents. So far, I have produced three such projects: The weight of History,  The weight of the Earth and now The weight of Death. The last two are still in progress. The first is about totalitarianism and its various manifestations throughout the Twentieth century, the second relates the territorial expansion of the United States of America in the Nineteenth century, and the third is on war, seen from a global perspective through twelve armed conflicts from recent times.

12 Wars,  The weight of Death is a project developed specifically for my exhibition at Galleria Continua San Gimignano. The greatest wars in history took place in Europe. Hence, the idea of ??developing this project in Italy, one of the countries most involved in these wars. This time, I processed with INk 1.0 the treaties of peace that put an end to twelve wars, including the Russian-Japanese War, the First and Second World War, the Spanish Civil War, the Vietnam War, Angola’s Independence War and several conflicts in the Middle East.

Reynier Leyva Novo -  Exhibition view ‘El peso de la muerte' – Galleria Continua,   San Gimignano,   2016,   Photo by: Ela Bialkowska

Reynier Leyva Novo – Exhibition view ‘El peso de la muerte’ – Galleria Continua, San Gimignano, 2016, Photo by: Ela Bialkowska

Reynier Leyva Novo (L’Avana, 1983) racconta a ATP/Luisa Ausenda de  El peso de la Muerte. La mostra, inaugurata a San Gimignano il 13 febbraio 2016, è la sua prima personale con  Galleria Continua. Attualmente opere di Novo sono esposte a L’Avana nel nuovo spazio di Galleria Continua, inaugurato a novembre 2015, e alla mostra di Hoffman Gallery Intersecciones: Habana/Portland (fino al 13 marzo). Inoltre il suo lavoro si trova in istituzioni quali Bronx Museum of the Arts, Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, Walker Art Center e Perez Art Museum.

ATP: In   12 Guerras   della serie   El peso de la Muerte   sono stampati sulla parete dodici diversi rettangoli di inchiostro nero, formati dalla stessa quantità di inchiostro usata in alcuni dei documenti più rilevanti della storia moderna. Perché hai scelto questi dodici trattati?

Reynier Leyva Novo: Quei trattati condensano le maggiori colpe dell’uomo di questo secolo e i due passati. L’inchiostro in essi contenuto, documenti a volte molto brevi, equivale tanto al numero delle morti causate da questi conflitti quanto al fallimento delle mire espansionistiche che li hanno generati. Questi trattati, proclamando la pace tra le parti in causa, attestano allo stesso tempo i decessi che hanno subito. Io li considero monumenti funerari sotto forma di testi. Ritengo interessante contemplare tutto ciò che è accaduto attraverso questi piccoli concentrati di parole, i rettangoli di inchiostro. Da qui il software con il quale li ottengo, INk 1.0, misura molto più della quantità di inchiostro contenuta nei trattati.

ATP: In questo senso i pesi in ottone parte della seconda opera intitolata   El peso de la Muerte , realizzata fondendo proiettili, misurano, o meglio, “pesano” gli orrori della guerra?

RLN: La guerra e gli orrori che provoca sono essenzialmente incalcolabili. Questi pesi giocano con categorie di peso soggettive, ovvero scelte arbitrariamente, pur avendo un peso specifico, che va da un grammo a un chilo. È impossibile misurare il peso della storia, della patria o della morte. Eppure siamo in grado di misurare la forma di queste entità astratte, una volta manifestatatesi nella realtà. I pesi misurano la violenza latente nei proiettili non sparati. Questo lavoro s’inserisce nel mondo della guerra in quanto i proiettili, fusi per formare i pesi, sono stati rimossi dalla circolazione grazie alla persona giuridica che li ha comprati, quella di Galleria Continua. La medesima implicazione caratterizza una seconda opera, gli attrezzi agricoli in mostra nella Torre della Galleria. Per ottenere il metallo della vanga, del rastrello e degli altri venti attrezzi appoggiati contro la parete rocciosa della Torre sono state fuse armi da fuoco (AK-47, Beretta e altre), comprate da Galleria Continua in Toscana. Questi strumenti sono stati prodotti grazie a calchi in silicone di attrezzi agricoli trovati nei campi intorno a San Gimignano. Lo stesso materiale che avrebbe potuto uccidere oggi potrebbe servire per coltivare la terra.

ATP: Perché hai bruciato i venticinque tomi della collezione ‘Opere Complete’ dello scrittore, stratega e politico José Martí?

RLN: Il fuoco dal quale ho ricavato le ceneri di No me guardes si me muero (Non mi conservare se muoio, lett.) mira a preservare più che distruggere la collezione. Il pensiero di José Martí, un personaggio conosciuto a Cuba tanto per aver organizzato la guerra per liberare il paese dal dominio spagnolo quanto come poeta e pensatore senza eguali, è stato manipolato per sostenere ideologie venute dopo di lui, creando così una continuità storica forzata. Il fuoco, da una parte brucia e deforma, come fa la strumentalizzazione, che arriva a storpiare parole e idee. Dall’altra, sterilizza e, in questo caso, purifica la collezione dalla sua postuma manipolazione. Mentre l’urna è lo spazio intellettuale delle ceneri, le ceneri sono il corpo del pensiero di José Martí.

ATP: Quali sono i collegamenti fra le tre serie prodotte da IN k   1.0, il software di tua invenzione? IN k   1.0 ha influenzato il modo in cui ha concepito la mostra?

RLN: Lavoro processando i documenti storici più influenti del mondo da poco più di un anno. INk 1.0 è un software sviluppato da un gruppo di programmatori che calcola l’area, il volume e il peso dell’inchiostro in documenti scritti a mano o stampati. Finora ho utilizzato INk1.0 in tre progetti: El peso de la Historia, El peso de la Tierra e, ora,  El peso de la muerte. Le ultimi due serie non sono ancora terminate. Il primo riguarda il totalitarismo e le sue varie applicazioni nel ventesimo secolo, il secondo l’espansione territoriale degli Stati Uniti d’America nel diciannovesimo secolo e il terzo la guerra, vista attraverso dodici dei conflitti armati più sanguinari degli ultimi tempi.

12 Guerras della serie El peso de la Muerte è un progetto sviluppato specificamente per la mia personale a Galleria Continua San Gimignano. In Europa hanno avuto luogo le più grandi guerre della storia. Da qui l’idea di presentare questo progetto in Italia, uno degli stati più coinvolti in questi conflitti. Questa volta con INk 1.0 ho processato i trattati di pace che mettono fine a dodici guerre, tra cui la guerra russo-giapponese, la Prima e la Seconda guerra mondiale, la guerra civile spagnola, la guerra del Vietnam, la guerra d’indipendenza dell’Angola e alcuni conflitti in Medio Oriente.

Reynier Leyva Novo,   El beso de Cristal (detail) 2015 - 70 calici di vetro,   Dimensioni variabili,   2015 70 glass goblets Courtesy: GALLERIA CONTINUA,   San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana

Reynier Leyva Novo, El beso de Cristal (detail) 2015 – 70 calici di vetro, Dimensioni variabili, 2015 70 glass goblets Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana

13/02/2016 – 01/05/2016
Galleria Continua – San Gimignano

In contemporanea con la  mostra di  Reynier Leyva Novo,  El peso de la muerte, la Galleria Continua, ospita nei suoi spazi a San Gimignano le personali di  Juan Araujo, ‘Walled–in Shut’ e  di  Qiu Zhijie “Racing against time”.

Per introdurre il nuovo ciclo di lavori presentati in  Walled–in Shut, Juan Araujo fa riferimento ad un viaggio di Mark Rothko in Italia nel 1959 che coincise con un momento particolarmente delicato per l’artista statunitense. Ricevuta l’importante commissione per il Seagram Building, Rothko era da un anno immerso in profonde riflessioni che lo indussero a cercare riscontri alle proprie idee in opere del passato. “Le famiglie Rothko e Fischer sbarcarono a Napoli e visitarono Pompei. Secondo il racconto di Fischer, Rothko scoprì “un profondo legame” tra il suo lavoro in corso d’opera al Seagram’s Building e le antiche pitture murali della Villa dei Misteri. Poi la famiglia Rothko visitò Roma, Firenze e Venezia. A Firenze, Rothko si recò presso la Biblioteca Laurenziana, progettata da Michelangelo, così come aveva fatto in occasione di una precedente visita nel 1950. In una successiva intervista con Fischer, Rothko ammise che la sensazione di spazio creata dal vestibolo laurenziano era stata per lui fonte d’ispirazione per le opere del Seagram Building. “Questa sala crea esattamente l’impressione che volevo”, affermò Rothko. “I visitatori hanno la sensazione di essere imprigionati in una stanza con porte e finestre murate (Walled-in Shut)”. Juan Araujo (Estratto dal comunicato stampa)

Juan Araujo - Villa de los Misterios I,   2015,   olio su tela,   37 x 50 cm - Courtesy: GALLERIA CONTINUA,   San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska

Juan Araujo – Villa de los Misterios I, 2015, olio su tela, 37 x 50 cm – Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska

Racing against Time, il progetto che Qiu Zhijie concepisce per le ampie sale del piano terra della galleria, si sviluppa prendendo la forma di un sito archeologico: “è come uno scavo paleontologico e una macchina del tempo dell’umanità. Guardando indietro nel tempo al regno dei dinosauri, al regno degli uccelli, al regno dei mammiferi, tutta la storia dell’evoluzione si basa sulla sopravvivenza del più forte. Il tema di questa mostra è la lotta dei poteri e la guerra tra imperi. L’argomento trattato è la dicotomia di queste due logiche”, chiosa Qiu Zhijie. In mostra Evolution, un ciclo di ‘paesaggi’ nella tipica cifra stilistica di Qiu Zhijie, realizzati con una tecnica secolare cinese di tamponamento con spugne: “è una tecnica tradizionale avanzatissima”, spiega l’artista, “solitamente utilizzata per trasportare sulla carta iscrizioni e motivi grafici rappresentati sui vasi antichi. Tutti gli studi sulle iscrizioni cinesi tradizionali su pietra, giada, bronzo ecc. si basano su questa tecnica. La differenza principale tra tamponamento e un calco è che il primo ha la capacità di trasformare il tridimensionale in bidimensionale, in pratica di trasformare il mondo in testi”. Questi rilievi di carta, alcuni cosparsi di fossili e frammenti di manufatti, sono un mondo che affiora in superficie grazie alla sensibilità archeologica di Qiu Zhijie. (Estratto dal comunicato stampa)

QIU ZHIJIE,   Exhibition view Racing against time’ GALLERIA CONTINUA,   San Gimignano,   2016 - Courtesy: GALLERIA CONTINUA,   San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska

QIU ZHIJIE, Exhibition view Racing against time’ GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, 2016 – Courtesy: GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska