Ibrida Festival presenta “Scolpire il Tempo”: inizia Carlos Casas con Cemetery

Perfettamente in-etichettabile per la sua forma ibrida, Cemetery è un film sulla memoria, sul colonialismo, sulla scoperta, sulla perdita di innocenza, sul collasso della civiltà, sulla scomparsa di tutti i santuari e dei territori inesplorati.
30 Novembre 2021
Carlos Casas – Ph Ya Ting Kee – Courtesy the artist

Dopo un’edizione autunnale nata dallo slittamento delle tradizionali date primaverili, Ibrida Festival torna con una rassegna invernale dal titolo Scolpire il tempo che dal 2018 amplia la programmazione dell’evento forlivese a cura di Davide Mastrangelo e Francesca Leoni dedicato alla video arte e alle arti intermediali. 

Ad aprire la programmazione di quest’anno giovedì 2 dicembre la proiezione di Cemetery, viaggio cinematografico e sensoriale nel mitico cimitero degli elefanti, nel quale l’artista Carlos Casas mescola documentario naturalistico, cinema vintage e sperimentale. Un progetto cinematografico con il quale Casas prosegue il suo percorso di esplorazione delle finis terrae dopo la trilogia dedicata ai paesaggi estremi di Patagonia, Lago d’Aral e Siberia, ma anche quello del suo approccio al linguaggio video in cui il cinema documentario si sposa con la video arte. In Cemetery Casas si avventura – letteralmente – tra le fitte e misteriose boscaglie dello Sri Lanka per raccontare l’ultimo viaggio di un pachiderma prossimo alla morte e del mahout, custode del cimitero degli elefanti. Sullo schermo appare così un road film sugli elefanti lungo il quale lo spettatore è guidato dal monologo di una voce over, dai suoni della giungla e da quelli dell’elefante. Il risultato è un racconto poetico per immagini di quello che, secondo la leggenda della cultura africana, è il luogo dove gli elefanti più anziani si dirigono istintivamente quando raggiungono una certa età per morire lontani dal branco. Un mito diffuso a cavallo tra Ottocento e Novecento nell’epoca della grande esplorazione europea del continente africano e che portava con sé l’immagine di un Eldorado dell’avorio che in molti hanno tentato di scovare, spesso fallendo altre volte non facendo mai ritorno. 

Su questo luogo e il suo immaginario, Casas costruisce un film sinfonico, diviso in tre parti, nel quale convergono miti e archetipi della letteratura e del cinema popolari di una volta, ma anche sperimentazione artistica e filosofia. Ciascuna delle tre parti deve essere considerata autonoma, visivamente differente, parte di un singolo film, ma ispirata o costruita a partire da fonti di ispirazione toltalmente differenti: dai classici film di avventura dal Re Leone a Tarzan l’uomo scimmia, al cinema sperimentale di Snow e Gondry fino al cinema di paesaggio. Ne deriva una complessità – intesa non come difficoltà, ma come molteplicità di forma – non solo di narrazione, ma anche di estetica. 

Nato da un processo di ricerca lungo dieci anni, dal 2009 al 2019, Cemetery mette in discussione non solo la nostra idea di natura e il significato del mito, ma anche la capacità del cinema di commuoverci, di influenzarci e di plasmarci. 
A documentarne il processo di ricerca fin dalle prime indagini, è l’omonimo volume edito da Humboldt nel quale vengono raccolti appunti e materiali che raccontano un viaggio tra archivi e documenti per costruire un film nel quale le tradizioni Hindu e Buddiste si mescolano per parlare di morte, reincarnazione, immortalità.
Perfettamente in-etichettabile per la sua forma ibrida, Cemetery è un film sulla memoria, sul colonialismo, sulla scoperta, sulla perdita di innocenza, sul collasso della civiltà, sulla scomparsa di tutti i santuari e dei territori inesplorati. È un’ode all’ignoto e a tutto quello che ancora c’è da scoprire tra le nostre vite, un luogo ancora celato nel quale arrivare per reincarnarsi e migrare al prossimo stato. 

Casas sarà protagonista il giorno successivo alla proiezione, venerdì 3 dicembre dalle 17.00 alle 19.30 per una masterclass aperta al pubblico.

Carlos Casas, Cemetery (still) – courtesy of the artist
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites