Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Trofeo è un’opera selezionata da una serie scultorea composta da otto elementi che sono stati realizzati ‘fondendo’ una ceramica d’arredo vintage con finitura iridescente (tipica di un immaginario decorativo kitsch e costante nella serie) all’interno di un volume geometrico composto da gesso, cemento e resina.
Questa fusione determina la nascita e l’idea di una scultura in cui l’oggetto ceramico perde i contorni e la propria funzione, creando un nuovo soggetto in cui la porzione della ceramica, cela la figurazione e si deforma nell’astrazione, prodotta dalla materia che lo ingloba.
In una sorta di naturale continuazione, la nuova scultura trova eco nella riproduzione fotografica in scala 1:1 e attraverso i cromatismi dello sfondo, così come nella presenza di elementi aggiunti che ne suggeriscono una nuova visione.

La prima scultura di questa serie, TrioNphe, nasceva proprio per essere esposta non nella sua realtà fisica, bensì attraverso la sua immagine, comparendo nel 2013 come cover di una rivista. Così facendo, ho dato forma alla mia volontà di realizzare una scultura domestica che, infatti, grazie alla sua stessa riproduzione, abita gli ambienti di chi possiede il giornale. Da qui il titolo (trascrizione volutamente errata della parola francese “triomphe”) che rievoca i ‘trionfi da tavola’ usati come abbellimento nelle cerimonie. Una natura morta, quindi, che prosegue in molte delle mie ultime produzioni.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

 

L’interesse a mostrare la relazione tra l’opera e la sua riproduzione coincide in Trofeo nel commissionare l’estensione fotografica della scultura a Delfino Sisto Legnani, a cui ho richiesto un personale sguardo. Il tema dell’innesto, nella sua rielaborazione, si incarna in una sovrapposizione di piani e materiali, come fossero quinte di un paesaggio metafisico.
Tutte le altre immagini di Trofeo qui riportate le ho scattate in studio con il mio cellulare.

Tra tutta la mia produzione, ho scelto quest’opera perché, insieme ad altre due, non è stata ancora esposta e trova così un’amplificazione e un approfondimento nel progetto di questa rubrica online che isola un pezzo per ricostruire, nella sua descrizione, la poetica dell’artista. Questo contribuito, inoltre, anticipa il progetto a cui sto lavorando, HE LOST CONTROL, in cui si innesca un processo più complesso per cui una nuova scultura, entrando in relazione con l’operare di altri, perderà la sua centralità e anche l’unicità dell’autore.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2017, scultura in gesso e ceramica vintage, 25 x 30 x 110 cm.

Giovanni De Francesco, TrioNphe #4, 2012, scultura in gesso e ceramica vintage, 33x23x15 cm + Still life (foto di Paolo Benvenuto)

Giovanni De Francesco, Trofeo, 2012, scultura in gesso e ceramica vintage, 20x7x25 cm + Still life Foto Delfino Sisto Legnani

I (never) explain è una rubrica a cura di Irene Sofia Comi