• Gillian Wearing, Self Portrait as My Mother Jean Gregory, 2003 Stampa in bianco e nero incorniciata 150 x 131 cm © Gillian Wearing Courtesy Maureen Paley, Londra
  • Thomas Bayrle, Verdun-Kreuzmadonna, 1988 Collage su tavola di legno 222 x 170 cm Foto Jens Ziehe Courtesy l’artista; Galerie Barbara Weiss, Berlino
  • Anna Maria Maiolino Por um Fio (serie fotopoemação), dalla serie Photo-poem-action, 1976 Fotografia in bianco e nero 52 × 79 cm Collezione Finzi, Bologna Courtesy Galleria Raffaella Cortese, Milano
  • Ketty La Rocca, Vergine, 1964-1965 Collage su carta 30 x 45 cm Estate Ketty La Rocca by Michelangelo Vasta
  • Hannah Höch, Der Vater, 1920 Collage 34 x 27,5 cm Galerie Berinson, Berlino
  • Catherine Opie, Self portrait / Nursing, 2004 C-print 101,6 x 81,3 cm Collezione privata Courtesy Studio Guenzani, Milano
  • Gertrude Käsebier, Adoration, 1897 Stampa fotografica 32 x 24 cm The Library of Congress, Washington DC
  • Pipilotti Rist, Homo Sapiens Sapiens, 2005 Still da video Audio video installazione, dimensioni variabili, musica di Anders Guggisberg & Pipilotti Rist Courtesy l’artista; Hauser & Wirth
  • Cindy Sherman, Untitled #223, 1990 Chromogenic print 147,3 x 106,7 cm

Seconda parte del racconto di Massimiliano Gioni in merito alla mostra “La Grande Madre” che inaugura domani martedì 25 settembre 2015 a Palazzo Reale. Promossa da Comune di Milano e ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi, sarà visitabile fino al 15 Novembre 2015. Attraverso le opere di oltre centotrenta artiste e artisti internazionali allestite nel piano nobile di Palazzo Reale,  La Grande Madre analizza l’iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte e nella cultura visiva del Novecento, dalle avanguardie fino ai nostri giorni, delineando una storia del potere delle donne raccontata attraverso le lotte di genere, le politiche sessuali e gli scontri tra tradizione ed emancipazione.

Prima parte del racconto di Massimiliano Gioni

Scarica il PDF completo  LA GRANDE MADRE raccontata da Massimiliano Gioni

Nella mostra “La Grande Madre” ci sono alcuni nuclei fondamentali. Uno è dedicato alle avanguardie storiche, che riguarda il Futurismo, il Dadaismo e il Surrealismo: tre esempi, o casi celebri, di avanguardie storiche, formate da artisti e intellettuali che hanno ispirato generazioni non solo per le loro idee rivoluzionarie in fatto di estetica, ma anche per le loro visioni e scelte sia politiche che esistenziali. Quindi gruppi che hanno immaginato nuove società e sistemi sociali. (…)

In questa mostra abbiamo cercato di ricostruire le posizioni di queste tre avanguardie storiche rispetto alla donna e alla maternità. Penso ad esempio a Marinetti che nel Manifesto Futurista proclama il disprezzo della donna, ma da lì a qualche anno immagina una società futura in cui ci sia il libero amore e sostiene che  gli uomini devono pagare una tassa per i figli nati dal libero amore; verranno educati dallo stato in asili di massa, lasciando così libere le donne dal peso e dalle incombenze della maternità. Da una parte ci sono queste visioni dall’apocalittico al libertinaggio più sfrenato, dall’altra c’è un aspetto che spero emerga forte. Ci sono tante figure femminili meno celebri come Benedetta, Regina, Rosa Rosà, Giannina Censi, Marisa Mori e tante altre, che sono figure fondamentali nella storia dell’arte del futurismo ma anche e soprattutto per le loro posizioni rispetto alla donna e alla sessualità.  Altri esempi: potrei citare il manifesto della lussuria di Valentine de Saint Point o Nina Loi, artista che frequenta sia il gruppo dei Futuristi prima e in seguito i Dadaisti a New York, e che in seguito scrive un manifesto sul femminismo, che si rivela una sorta di risposta alle provocazioni di Marinetti. In questo manifesto la Loi immagina che, per porre fine alla dipendenza dalla donna, bisognerebbe procedere alla rimozione della verginità in modo sistematico. In modo che non sia più un valore, ma uno strumento di emancipazione. (…)

Nel nucleo in mostra dedicato alle avanguardie storiche troviamo tante figure femminili che emergono sia come bravissime artiste che come donne che hanno vissuto sulla loro pelle tali idee politiche e prese di posizione in fatto di identità sessuale. Ci sono tante storie di donne che hanno dovuto abbandonare la famiglia per diventare artiste, storie come quella di Hannah Höch – fidanzata di Raoul Hausmann – che ha creduto nel libero amore ma si è legata ad un uomo che non ha mai lasciato la moglie, anzi, ha continuato a metterla incinta perché si rifiutava di utilizzare i metodi anticoncezionali… di storie di questo tipo ce ne sono tantissime. Per certi versi la mostra è una sorta di grande album di famiglia (magari disfunzionale), dove ci sono tante di queste storie che raccontano come negli anni ’20, ’30 e ’40… accedere al mondo dell’arte per gli uomini era molto più facile rispetto alla donne, e comportava molti meno sacrifici. (…)

Il secondo nucleo tematico che si percorre attraverso tutta la mostra è quello dell’archetipo delle “grande madre”. Un concetto ovviamente da utilizzare con le pinze. Cos’è l’archetipo? Secondo Jung è un’immagine così primordiale, così profonda che vive nell’inconscio collettivo e che ritorna con delle forme universali in tante culture e momenti storici diversi. In merito a questo, anche lo stesso titolo della mostra l’ho preso da un libro di Erich Neumann che si intitola, appunto, “La Grande Madre”. Questo testo si presenta come una vasta indagine iconografica di immagini di donne madri possenti… aspetto che, per molti versi, ricorre in tutta la mostra a Palazzo Reale, in quanto tema che ha affascinato e affascina gli artisti.

Alice Neel,   Nancy and the twins,   1971 Olio su tela 101 x 153,  4 cm © Estate of Alice Neel

Alice Neel, Nancy and the twins, 1971 Olio su tela 101 x 153, 4 cm © Estate of Alice Neel

Nelle nostre ricerche più volte siamo giunti alla considerazione che, per molti versi, la storia dell’arte inizia con la rappresentazione di donne madri, basti pensare alla Venere di Willendorf, che per fattezze è sicuramente un esempio di donna madre. Se si guarda ai primi dipinti rupestri di solito ritraggono animali a eccezione di presenze umane che sono per lo più donne. (…) Questi e tanti altri temi, sulle origine dell’iconografia della “grande madre”, ritornano nell’opera di tanti artisti, sia uomini che donne. Esempio eccellente è l’archivio di Olga Fro?be–Kapteyn che ha raccolto centinaia di immagini provenienti da tutto il mondo che ritraggono madri possenti, ma lo si ritrova anche nelle opere di Ana Mendieta, di Louise Bourgeois … ritorna molto prima anche nelle opere di artiste surrealiste. Se c’è un passato più o meno mitico di matriarcato fatto di donne potenti, allora quel passato può essere ricostruito, può essere riconquistato e così molte artiste degli anni ’60 si rimpossessano, anche visivamente, della figura della donna madre e della donna guerriera.

Il terzo snodo importante presente in mostra è quello dedicato al femminismo più canonico (dagli anni ’60 e ’70) e di come questo movimento complesso ed eterogeneo vada poi a sfociare in una condizione di genere o in un modo di vivere il genere che non è necessariamente biologico ma è più semplicemente costrutto culturale. Si tocca poi il femminismo degli anni ’90, in cui l’immagine della donna diventa più ‘ragazza arrabbiata’ o comunque prende avvio l’immaginario di una donna che non esclude una cerca carica di seduzione o femminilità. Questi e molti altri sono aspetti che si intrecciano nel lavori di molte artisti degli anni novanta e di oggi. All’interno di questi grandi nuclei ci sono poi molti altri aspetti; abbiamo molta documentazione inedita, dai poster di varie campagne sull’aborto, o comunque di rivolte e contestazioni femminili, e di tante altre associazioni degli anni ’70. Abbiamo cercato dunque di raccogliere non solo la produzione artistica in relazione al tema, ma anche molti altri aspetti del mondo femminile in molte e diverse sfaccettature.

Il focus è soprattutto arte, ma ci sono molti aspetti di cultura visiva che diventano parti complementari nel percorso espositivo. Il mio obbiettivo è quello di raccontare una storia più grande. Ad esempio, quando si approfondisce il Dadaismo in relazione al tema della mostra, si scopre che quello che sta succedendo a New York tra Duchamp e i Dadaisti è parallelo alle marce delle Suffragette o alla prima critica di assistenza del controllo delle nascite. Solitamente si pensa che la storia dell’arte sia una storia molto chiusa su se stessa, in realtà, nell’approfondire un determinato tema si scopre come sia un materiale estremamente fluido ed eterogeneo, permeabile. (…)

La mostra parte – e questo è un aspetto fondamentale – dalla maternità come il ‘luogo’ nel quale si incarnano in maniera più esplicita le trasformazioni della nostra concezioni di desiderio, sessualità, di genere… e della nostra percezione del corpo nel corso del ‘900. Questo è il tema fondamentale della mostra: come cambiano idee di genere, come cambia la nostra esperienza del corpo nel corso del secolo scorso. Ovviamente è un tema gigante, analizzato attraverso figure individuali piuttosto che una sorta di storia onnicomprensiva. (…)

Ad un certo punto, Harald Szeemann, dopo aver fatto la mostra “Le macchine Celibi” nel ’75, progetta di fare una mostra che si intitola “La Mamma”, che voleva realizzata alla Biennale di Venezia (progetto che non è mai stato realizzato). Una mostra su donne che non diventavano mamme e che non erano artiste, cioè che la loro creatività veniva espressa in altri modi che non fossero strettamente artistici. Dunque c’è anche questa grande mostra mai realizzata – forse perché troppo vasta – di cui esistono documenti e appunti …e che raccontiamo in catalogo. Nella “Grande madre” compiamo un tributo a questo progetto. Una mostra dentro alla mostra.

Dorothy Iannone,   Suck my breast I am your most beautiful mother,   1970-1971 Collage,   colore acrilico su tela 190 x 150 cm Collezione privata,   Milano

Dorothy Iannone, Suck my breast I am your most beautiful mother, 1970-1971 Collage, colore acrilico su tela 190 x 150 cm Collezione privata, Milano

Sherrie Levine,   Body Mask,   2007 Calco in bronzo 57,  2 x 24,  1 x 14,  6 cm Foto Zeno Zotti Collezione privata

Sherrie Levine, Body Mask, 2007 Calco in bronzo 57, 2 x 24, 1 x 14, 6 cm Foto Zeno Zotti Collezione privata

Marlene Dumas,   Pregnant Image,   1988-1990  Olio su tela 180 x 90 cm Collezione Connie e Jack Tilton  Courtesy l’artista; David Zwirner,   New York/Londra

Marlene Dumas, Pregnant Image, 1988-1990 Olio su tela 180 x 90 cm Collezione Connie e Jack Tilton Courtesy l’artista; David Zwirner, New York/Londra

LA GRANDE MADRE a cura di Massimiliano Gioni

Palazzo Reale, Milano — 26 agosto – 15 novembre 2015

Una mostra promossa da Comune di Milano | Cultura – Ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi

insieme a Palazzo Reale in occasione di ExpoinCittà 2015

Artisti in mostra:

Magdalena Abakanowicz, Carla Accardi, Pawe? Althamer, Ida Applebroog, Diane Arbus,  Associazione delle Madri di Plaza de Mayo, Roland Barthes, Thomas Bayrle, Hans Bellmer,  Benedetta, Lynda Benglis, Umberto Boccioni, Oscar Bony, Louise Bourgeois, Constantin Brancusi, André Breton, Louise Joy Brown, Claude Cahun, Leonora Carrington, Maurizio Cattelan, Giannina Censi, Judy Chicago, Larry Clark,  Controllo delle nascite, Salvador Dalí, Gino De Dominicis, Niki de Saint Phalle, Valentine de Saint-Point, Vittorio De Sica, Rineke Dijkstra, Nathalie Djurberg, Marcel Duchamp, Suzanne Duchamp, Marlene Dumas, Keith Edmier, Nicole Eisenman, Maria “Nusch” Éluard, Max Ernst,  Fascismo, Federico Fellini,  Femminismo, Leonor Fini, Lucio Fontana, Sigmund Freud, Katharina Fritsch, Olga Fröbe-Kapteyn, Robert Gober, Alice Guy-Blaché, David Hammons, Rachel Harrison, Emmy Hennings, Camille Henrot, Eva Hesse, Alfred Hitchcock, Hannah Höch, Valentine Hugo, Dorothy Iannone,  Joan Jonas, Birgit Jürgenssen, Franz Kafka, Frida Kahlo, Gertrude Käsebier, Mary Kelly, Ragnar Kjartansson, Konrad Klapheck, Käthe Kollwitz, Jeff Koons, Barbara Kruger, Alfred Kubin, Emma Kunz, Yayoi Kusama, Ketty La Rocca, Dorothea Lange, Maria Lassnig, Sherrie Levine, Mina Loy, Lee Lozano, Sarah Lucas, Dora Maar, Anna Maria Maiolino, Alina Marazzi Hoepli, Filippo Tommaso Marinetti, Ana Mendieta, Marisa Merz, Annette Messager, Lee Miller, Marisa Mori, Matt Mullican, Edvard Munch, Alice Neel, Lennart Nilsson, Nicholas Nixon, Violette Nozières, Lorraine O’Grady, Roman Ondák, Yoko Ono, Catherine Opie, Meret Oppenheim, Pier Paolo Pasolini, Valentine Penrose, Francis Picabia,  Pillola anticoncezionale, Carol Rama, Man Ray,  Regina,  La Révolution Surréaliste, Pipilotti Rist, Enif Robert, Rosa Rosà, Martha Rosler, Suzanne Santoro, Carolee Schneemann, Jean-Frédéric Schnyder, Thomas Schütte, Cindy Sherman, Kiki Smith, Nancy Spero,  Sturtevant,  Suffragette, Alina Szapocznikow, Sophie Taeuber-Arp, Dorothea Tanning,  Toyen, Rosemarie Trockel, Andra Ursuta,  VALIE EXPORT, Remedios Varo, Elsa von Freytag-Loringhoven, Kara Walker, Nari Ward, Andy Warhol, Gillian Wearing, Mary Wigman, Hannah Wilke, Cathy Wilkes, Virginia Woolf, R?žena Zátková, Unica Zürn

tagged in Alfred Hitchcock, Alfred Kubin, Alice Guy-Blaché, Alice Neel, Alina Marazzi Hoepli, Alina Szapocznikow, Ana Mendieta, Andra Ursuta, Andre Breton, Andy Warhol, Anna Maria Maiolino, Annette Messager, Art * Texts * Pics, Associazione delle Madri di Plaza de Mayo, ATPdiary, Barbara Kruger, Benedetta, Birgit Jurgenssen, Camille Henrot, Carla Accardi, Carol Rama, Carolee Schneemann, Catherine Opie, Cathy Wilkes, Cindy Sherman, Claude Cahun, Constantin Brancusi, Controllo delle nascite, David Hammons, Diane Arbus, Dora Maar, Dorothea Lange, Dorothea Tanning, Dorothy Iannone, Edvard Munch, Elena Bordignon, Elsa von Freytag-Loringhoven, Emma Kunz, Emmy Hennings, Enif Robert, Eva Hesse, Expo, Fascismo, Federico Fellini, Femminismo, Filippo Tommaso Marinetti, Fondazione Nicola Trussardi, Francis Picabia, Franz Kafka, Frida Kahlo, Gertrude Käsebier, Giannina Censi, Gillian Wearing, Gino De Dominicis, Hannah Höch, Hannah Wilke, Hans Bellmer, Harald Szeemann, Ida Applebroog, Jean-Frédéric Schnyder, Jeff Koons, Joan Jonas, Judy Chicago, Kara Walker, Katharina Fritsch, Käthe Kollwitz, Keith Edmier, Ketty La Rocca, Kiki Smith, Konrad Klapheck, La Grande Madre, La Révolution Surréaliste, Larry Clark, Lee Lozano, Lee Miller, Lennart Nilsson, Leonor Fini, Leonora Carrington, Lorraine O’Grady, Louise Bourgeois, Louise Joy Brown, Lucio Fontana, Lynda Benglis, Magdalena Abakanowicz, Man Ray, Marcel Duchamp, Maria Lassnig, Maria “Nusch” Éluard, Marisa Merz, Marisa Mori, Marlene Dumas, Martha Rosler, Mary Kelly, Mary Wigman, Massimiliano Gioni, Matt Mullican, Maurizio Cattelan, Max Ernst, Meret Oppenheim, Mina Loy, Nancy Spero, Nari Ward, Nathalie Djurberg, Nicholas Nixon, Nicole Eisenman, Niki de Saint Phalle, Olga Fröbe-Kapteyn, Oscar Bony, Palazzo Reale, Pawel Althamer, Pier Paolo Pasolini, Pillola anticoncezionale, Pipilotti Rist, Rachel Harrison, Ragnar Kjartansson, Regina, Remedios Varo, Rineke Dijkstra, Robert Gober, Roland Barthes, Roman Ondàk, Rosa Rosà, Rosemarie Trockel, Růžena Zátková, Salvador Dalì, Sarah Lucas, Sherrie Levine, Sigmund Freud, Sophie Taeuber-Arp, Sturtevant, Suffragette, Suzanne Duchamp, Suzanne Santoro, Thomas Bayrle, Thomas Schütte, Toyen, Umberto Boccioni, Unica Zürn, Valentine De Saint-Point, Valentine Hugo, Valentine Penrose, VALIE EXPORT, Violette Nozières, Virginia Woolf, Vittorio De Sica, Yayoi Kusama, Yoko Ono