“Take Me (I’m Yours)”, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

“Take Me (I’m Yours)”, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Domenica 14 gennaio 2018 dale 11.00 alle 20.00, in occasione della chiusura della mostra Take Me (I’m Yours), l’HangarBicocca ospita una giornata di conversazioni, musica e performance. Contando sulla presenza di Hans Ulrich Obrist, la giornata ‘speciale’ è contrassegnata da un titolo semplice ed esplicativo: Generosity/Generosità.
L’appuntamento si presenta come la fase conclusiva del Public Program della mostra “Take Me (I’m Yours)”: coinvolge oltre venti ospiti tra cui artisti, architetti, curatori, teorici e designer a prendere parte a una conversazione accompagnata da momenti di performance, momenti musicali e reading. Tema della giornata è la generosità, centrale nella concezione della mostra, che ha tra i suoi testi ispiratori il libro di Lewis Hyde “Il dono”: una riflessione sul ruolo dell’opera d’arte e della sua circolazione nel mantenere vivo il valore della generosità nella società contemporanea.

La generosità può essere una chiave per leggere, ancora oggi, la relazione tra differenti generazioni di artisti, o ancora tra artisti e pubblico? La trasmissione del sapere, sia all’interno di forme istituzionalizzate come le scuole e le accademie sia attraverso relazioni informali come il sostegno e lo scambio, è ancora una modalità possibile nell’arte? Nella società dello sharing e del free, ha ancora senso parlare di generosità? Qual è il ruolo degli spazi espositivi e delle mostre nel facilitare la circolazione dell’arte?

 Gilbert & George, Dispersion, 1991-2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Gilbert & George, White Cube, London and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Gilbert & George, Dispersion, 1991-2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Gilbert & George, White Cube, London and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Le conversazioni cercheranno di rispondere a queste e altre domande, prendendo inoltre spunto dalla continuità tra gli artisti presenti in “Take Me (I’m Yours)” e la figura di Lucio Fontana – la cui mostra “Ambienti/Environments” è presente contemporaneamente negli spazi di Pirelli HangarBicocca – che ha rappresentato un punto di partenza per una generazione di artisti più giovani.

Ricordiamo i curatori della mostra, Christian Boltanski, Chiara Parisi, Roberta Tenconi, e gli artisti partecipanti: Giovanni  Anceschi, Stefano Boeri, Andrew Durbin, Nathalie Du Pasquier, Alberto Garutti, Adelita Husni-Bey, Imre Lodbrog et sa Petite Amie (Sébastien Régnier and Barbara Browning), Ugo La Pietra, Corrado Levi, Maurizio Nannucci con Simone Conforti, Otobong Nkanga, Francesca Pasini, Gianni Pettena, Cesare Pietroiusti, Asad Raza, Adama Sanneh, Franco Vaccari, Grazia Varisco, Lea Vergine, Nanda Vigo, Francesco Vezzoli.

ore 11 – 22 | Progetti speciali

ore 11 – 22 Ruth BerahaPensiero Stupendo (Autoritratto), 2017, traccia audio binaurale
ore 11 – 22 Maurizio NannucciNo Object is Innocent 2020; ZonaRadio / Keeping Time, programma radio di audio works d’artista
ore 11 – 15 Koo Jeong AGravissimousss PMOMD, 2015/2017, passeggiata nel quartiere Bicocca insieme a un cane e al suo proprietario
ore 12 – 13 Ugo La Pietra con Lucio La PietraLa riappropriazione della città: i propri itinerari, 1975/2018, performance
ore 14 Adelita Husni-Bey, restituzione degli alunni che hanno partecipato alla produzione del Palco dell’Estinzione (prototipo), 2017
ore 14 – 20 Patrizio Di MassimoSelf-Portrait as a Model (Take Me, I am Yours), 2017, performance
ore 15 – 17 Otobong NkangaGlimmer: Unfold, 2015/2018, performance
ore 16 Cesare PietroiustiAttribuzione permanente di idee ad estranei, 2018, performance
ore 18 Imre Lodbrog et sa Petite Amie (Barbara Browning and Sébastien Régnier), performance
ore 19 Maurizio Nannucci con Simone Conforti…there is another way of looking at things, 2017, traccia audio

Nel corso della giornata: estrazione del vincitore della cena con Douglas Gordon (Take Me (I’m Yours), 2017) e assaggio dello scheletro di marzapane di Daniel Spoerri (Eat Art Happening, 2004-2017).

Public Program a cura di Giovanna Amadasi

Carsten Höller, Zukunft (Future), 1990/2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Carsten Höller and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Carsten Höller, Zukunft (Future), 1990/2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Carsten Höller and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Daniel Spoerri, Eat Art Happening, 2004–2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Daniel Spoerri and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio

Daniel Spoerri, Eat Art Happening, 2004–2017, installation view at Pirelli HangarBicocca, Milan, 2017. Courtesy Daniel Spoerri and Pirelli HangarBicocca, Milan. Photo: Agostino Osio