Ettore Spalletti, Salle des fetes. Milano, a+m bookstore, 1998 Cm 17x12. Rilegato 1000 ex. Prima edizione

Ettore Spalletti, Salle des fetes. Milano, a+m bookstore, 1998 Cm 17×12. Rilegato 1000 ex. Prima edizione

In concomitanza con Artissima 2017, nasce a Torino una nuova fiera, dedicata al libro d’artista e d’arte contemporanea. Si tratta di FLAT – fiera libro arte Torino – che si svolgerà a Palazzo Cisterna dal 3 al 5 novembre 2017. La fiera è ideata e organizzata da Chiara Caroppo, Beatrice Merz e Mario Petriccione, che hanno voluto dare sin da subito una dimensione globale al progetto, in modo da “promuovere il meglio della produzione internazionale di cataloghi di mostre, monografie, saggi, libri d’artista, edizioni rare, out of print e magazines e presentare una rassegna di qualità che veda la partecipazione di grandi editori, piccole realtà indipendenti, bookmakers, artisti, collezionisti e bibliofili”. La fiera ospiterà 40 Espositori provenienti da 12 Paesi e ha in programma un public program con 25 relatori internazionali.
Oltre a questo, ci saranno due esposizioni a cura di Elena Volpato, storica dell’arte, conservatore e curatore della GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino. Una è una monografica su Ettore Sottsass. Le pagine a Palazzo Birago e l’altra è la collettiva Lettura per voci e silenzio a Palazzo Cisterna, sede della prima edizione della fiera.

Il programma di conferenze, talk, conversazioni, workshop, letture, proiezioni, performance musicali e presentazioni di libri è invece curato da Francesca Valentini, ricercatrice e curatrice indipendente. Ci saranno 25 relatori internazionali tra artisti, designer, curatori, professionisti ed esperti del mondo dell’arte e dell’editoria artistica. Il tutto si svolgerà a Palazzo Cisterna nel corso dei 3 giorni della fiera, con Francesco Arena, David Bernstein, Luca Bertolo, Irma Boom, Collective Çukurcuma (Naz Cuguoglu and Mine Kaplangi), Nicoletta Boschiero, Liliana Dematteis, Heather Ewing, Eleonora Farina, Richard Flood, Davide Fornari, Petrit Halilaj, Wilfried Huet, Andrea Marini, Maria Morganti, Giuliana Prucca, Benedikt Reichenbach, Guy Schraenen, Max Schumann, David Senior, Elisa Sighicelli, Ken Soehner, Francesco Spampinato, Elena Volpato.

Irma Blank - UR-BUCH ovvero ROMANZO BLU Ed. Archivio Nuova Scrittura, Milan, IT 1997Ar+st book 100 signed and numbered copies 17x12x1,4 cm

Irma Blank – UR-BUCH ovvero ROMANZO BLU Ed. Archivio Nuova Scrittura, Milan, IT 1997Ar+st book 100 signed and numbered copies 17x12x1,4 cm

In occasione della fiera è stato istituito anche il Premio FLAT – Fondazione Arte CRT, assegnato ad un progetto editoriale proposto dagli espositori, che verrà realizzato per l’edizione successiva. Oltre a questo, il Fondo Giorgio Maffei, dedicato al grande bibliofilo e collezionista di libri rari sulle arti del ‘900, che raccoglierà presso la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino le acquisizioni della Fondazione Arte CRT nell’ambito della fiera.

Il comitato scientifico è formato da Liliana Dematteis, curatrice di libri d’artista e collezionista; Richard Flood, Director of Special Projects and Curator At Large, New Museum, New York; David Senior, Head of Library and Archives, SFMOMA, San Francisco; Ken Soehner, Chief Librarian, Watson Library, The Metropolitan Museum of Art, New York e l’artista Lawrence Weiner, che con generosità ed entusiasmo ha realizzato il logo della fiera.

ATPdiary ha posto alcune domande agli organizzatori della fiera.

ATP: È il primo anno di questa fiera italiana, ma ad ampiezza internazionale, sull’editoria d’arte. Quali sono le ragioni che vi hanno portato a investire su questo progetto? E gli obiettivi?

FLAT: Il progetto è nato osservando la crescita e il successo di eventi come le Art Book Fair di New York e Los Angeles, di Londra, Parigi e Berlino, testimoni della vitalità di un ambito di ricerca che negli ultimi anni ha registrato anche in Italia un interesse sempre più forte da parte di artisti, collezionisti, studiosi, appassionati. Pensiamo che FLAT possa essere l’elemento che completa e arricchisce il sistema di Istituzioni, musei e gallerie che fa di Torino un laboratorio dell’arte contemporanea.

ATP: Secondo quali criteri il comitato scientifico ha selezionato gli espositori?  

FLAT: La prima edizione di FLAT ha riscosso un grande interesse, soprattutto tra gli editori internazionali. Fra le candidature ricevute dall’Italia e dall’estero, il comitato scientifico ha selezionato 40 espositori, sulla base della qualità e dell’originalità delle loro proposte editoriali, cercando di diversificare l’offerta e dare spazio non solo a grandi realtà ma anche a quelle meno conosciute e indipendenti.

ATP: “Sarà destinato alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino il Fondo Giorgio Maffei, dedicato al grande bibliofilo e collezionista torinese di libri rari sulle arti del ‘900 scomparso lo scorso anno, che raccoglierà le acquisizioni della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT nell’ambito di FLAT – fiera libro arte Torino”. Ci raccontate qualcosa relativamente a questo aspetto? 

FLAT: Siamo molto grati alla Fondazione Arte Moderna e Contemporanea CRT per aver scelto di sostenere FLAT attraverso una campagna di acquisizioni, che valorizza il lavoro di ricerca degli editori, dando la possibilità alle loro proposte di entrare in una collezione prestigiosa come quella della GAM.
Inoltre, la Fondazione sosterrà anche il Premio FLAT – Fondazione Arte CRT, cha sarà assegnato ad uno dei progetti editoriali che gli espositori sono stati invitati a proporre. Il comitato scientifico di FLAT, composto di personalità del mondo dell’editoria e di quello dell’arte contemporanea internazionale individuerà il progetto vincitore da realizzare nel 2018.

ATP: In occasione di FLAT, dal 3 al 5 novembre presenterete le due mostre Ettore Sottsass. Le pagine e l’esposizione collettiva Lettura per voci e silenzio curate da Elena Volpato. Di cosa si tratta e quali sono le ragioni per cui avete deciso di organizzare queste esposizioni?

FLAT: Per noi è fondamentale che l’anima commerciale di FLAT sia affiancata e sostenuta da un programma di approfondimenti in forma di mostre e di incontri, con lo scopo di nutrire il dibattito sull’editoria d’arte e d’artista, facendo emergere la rilevanza del libro come veicolo dell’arte e delle idee di cui essa è portatrice.
Due le mostre a cura di Elena Volpato. Il focus monografico Ettore Sottsass. Le pagine, ospitato a Palazzo Birago, è stato pensato in occasione del centenario della nascita di uno degli artisti che più si è espresso attraverso i libri e le riviste, reinventando la forma, i significati e la funzione della pagina.
A Palazzo Cisterna, l’esposizione collettiva Lettura per voci e silenzio — dedicata alla liturgia del leggere, inteso come spazio interiore e, insieme, come luogo pubblico e come atto di condivisione — presenterà opere di artisti tra i quali John Baldessari, Martha Rosler, Irma Blank, Giulio Paolini, Maria Morganti, Francesco Arena, Luca Bertolo, Alessandra Spranzi.

ATP: Per quanto riguarda il programma culturale che si avrà durante la fiera, cosa potremo vedere e a cosa potremo assistere?

FLAT Public Program, a cura di Francesca Valentini, comprende una serie di conferenze, talk, conversazioni, workshop, letture, proiezioni e presentazioni di libri. 25 relatori internazionali tra artisti, designer, curatori, professionisti ed esperti del mondo dell’arte e dell’editoria artistica si incontrano a Torino per fare il punto sulla rilevanza del libro come oggetto, mezzo e strumento per l’arte, la sua distribuzione e diffusione. Agli incontri, che si svolgono a Palazzo Cisterna nel corso dei 3 giorni della fiera, parteciperanno Francesco Arena, David Bernstein, Luca Bertolo, Irma Boom, Collective Çukurcuma (Naz Cuguoglu and Mine Kaplangi), Nicoletta Boschiero, Liliana Dematteis, Heather Ewing, Eleonora Farina, Richard Flood, Davide Fornari, Petrit Halilaj, Wilfried Huet, Andrea Marini, Maria Morganti, Giuliana Prucca, Benedikt Reichenbach, Guy Schraenen, Max Schumann, David Senior, Elisa Sighicelli, Ken Soehner, Francesco Spampinato, Elena Volpato.

Ettore Sottsass - Room East 128. Chronicle No 3 - Collezione Giorgio Maffei

Ettore Sottsass – Room East 128. Chronicle No 3 – Collezione Giorgio Maffei

Espositori –
20th Century Art Archives (Cambridge); a+mbookstore edizioni (Milano); ALBERTO TALLONE EDITORE SAS (Alpignano); ARENGARIO STUDIO BIBLIOGRAFICO (Gussago); ARTPHILEIN EDITIONS (Lugano); AVARIE (Parigi); CENTRO DI (Firenze); COLLI publishing platform + Viandustriae publishing (Roma); Contemporary Editions, The Museum of Modern Art, New York (New York); Corraini Edizioni (Mantova); Danilo Montanari Editore (Ravenna); Edicola 518 (Perugia); Edition Patrick Frey (Zurigo); GAGARIN (Anversa); Giorgio Maffei (Torino); Gli Ori (Firenze); Hammann von Mier Verlag (Munich); Hesse Press (Los Angeles); hopefulmonster editore (Torino); Kunstverein Publishing (Milano, Amsterdam, Toronto); LIBRERIA EL ASTILLERO (Barcellona); Lugemik (Tallin); MER. Paper Kunsthalle (Gent); Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía (Madrid); NERO (Roma); OOLP (Torino); Printed Matter, Inc. (New York); PUNCH (Bucarest); Raumplan (Torino); Ridinghouse (Londra); Rorhof (Bolzano); SKINNERBOOX (Jesi); Skira Editore spa (Milano); Sternberg Press (Berlino); STILL Magazine (Berlino, New York); Studio Montespecchio (Montespecchio); Three Star Books / onestar press (Parigi); Triangle Books (Bruxelles); Witty Kiwi (Torino); Yale University Press (Londra, New Heaven).

Ettore Sottsass - Erotik design 1 - Collezione Giorgio Maffei_preview

Ettore Sottsass – Erotik design 1 – Collezione Giorgio Maffei_preview

Maria Morganti - Leporello 30 strati n5 (dettaglio), Venezia, 2008 27 x 1320 cm - stampa serigrafica su carta - Foto di Francesco Allegretto_Courtesy artista

Maria Morganti – Leporello 30 strati n5 (dettaglio), Venezia, 2008 27 x 1320 cm – stampa serigrafica su carta – Foto di Francesco Allegretto_Courtesy artista

Logo di LAWRENCE WEINER

Logo di LAWRENCE WEINER