Pensa se suonasse una sirena ad un certo punto. Un sibilo assordante tra le 21:30 e le 22:00 di mercoledì prossimo. Tutta Milano con le braccia alzate e con il sorriso tra le labbra: “Tana!” urla qualcuno, i più, invece, “Liberi tutti”. Non sarà esattamente così (sarebbe bello però!), ma per molti versi mi auguro che l’atmosfera del ‘liberi tutti’ ci coinvolga per alcune ore. Niente stress, niente tensioni, bando alle invidie (insidie), cacciata degli impegni. Non si parla di lavoro: ciò che viene messo al bando, si spera, è proprio l’ ‘impegno’, in qualsiasi ambito e di qualsiasi entità.

Non poteva trovare nome più azzeccato il ‘piccolo festival’ di arte dal vivo organizzato dalla Fondazione Trussardi nei prossimi giorni. Chiusi i battenti del miart, spenti i faretti dei corridoi – mi auguro gremiti – della fiera, tutti a berci una birra al Teatro Arsenale (via Cesare Correnti 11, Milano), magari assistendo alle tante performance che si susseguiranno dal 3 al 6 aprile 2013.

Tutte le sere, dalle 22:00 alle 24:00, performance concerti, intermezzi e pièce teatrali.

Si inizia Mercoledì 3 aprile con i Gelitin. Il gruppo di artisti viennesi presentano Ritratto Analitico, una performance a sorpresa per gli spettatori che interverranno e saranno chiamati a interagire con gli artisti. Scopo: creare un dialogo, attraverso la pratica del disegno, tra il pubblico e i performer, mostrando le capacità fisiche, le qualità analitiche e l’umorismo necessari per sopravvivere alla vita di tutti i giorni.

Gelitin,   untitled,   drawing,   2003 © Gelitin

Gelitin, untitled, drawing, 2003 © Gelitin

Giovedì 4 aprile va in scena Darren Bader con Le Quattro Stagioni, Trois Gnossiennes, Triple DJ, tre ‘incursioni musicali’ tra la performance, il concerto e la scultura, con il supporto in scena di musicisti e dj quali elementi centrali delle azioni. Sperando che non sia un’oltraggioso omaggio alle Quattro Stagioni di Vivaldi e le Gnossiennes di Satie!

Darren Bader presents E-Party at MoMA PS1,   2012 Photo: Loren Wohl

Darren Bader presents E-Party at MoMA PS1, 2012 Photo: Loren Wohl

Venerdì 5 aprile è la volta dell’artista israeliana Keren Cytter, che metterà in scena Show Real Drama: una performance dal taglio più teatrale basata sulla vita di due dei suoi attori, Susie Meyer e Fabian Stumm, che sul palco rappresentano se stessi tra realtà e finzione. Temi: l’amore, il desiderio, la perdita e l’imprevedibilità della comunicazione umana.

Keren Cytter Show Real Drama Photo: Sal Kroonenberg Courtesy the artist; Galleria Raffaella Cortese,   Milano

Keren Cytter Show Real Drama Photo: Sal Kroonenberg Courtesy the artist; Galleria Raffaella Cortese, Milano

Ultima serata, sabato 6 aprile. Chiudono la rassegna The Pentothal Analyses (un ballet de cour), progetto inedito del berlinese Thomas Zipp, che nelle sue performance lavora coinvolgendo il pubblico in rappresentazioni che mescolano vero e falso, rievocazioni e ricostruzioni di eventi che sembrano accaduti nel passato, ma dove si perde il confine tra realtà e immaginazione in un drammatico dialogo tra costumi, musica, maschere e cibo.

Thomas Zipp The World´s most complete Congress of RITATIN Treatments,   2011 installation view Kunstraum Innsbruck courtesy the artist and kaufmann repetto,   gallery

Thomas Zipp The World´s most complete Congress of RITATIN Treatments, 2011 installation view Kunstraum Innsbruck courtesy the artist and kaufmann repetto, gallery

Buon divertimento! ?