Alessandro Vizzini,   Post Islanda (Catabasi con Giardino Giallo). installation view. Operativa Arte Contemporanea,   Roma,   2014

Alessandro Vizzini, Post Islanda (Catabasi con Giardino Giallo). installation view. Operativa Arte Contemporanea, Roma, 2014

Post Islanda (Catabasi con Giardino Giallo) è il titolo della mostra personale di Alessandro Vizzini inaugurata alla galleria Operativa Arte Contemporanea. E con l’aggettivo personale, non s’intende solo la tipologia di evento, ma il contenuto stesso del progetto, fortemente intimo e introspettivo. A tradirne l’orientamento non è tanto e non solo la riflessione ex post sull’esperienza islandese come artista e come individuo alla Nes Artist Residency di Skagaströnd, ma il topos delle catàbasi che introduce una considerazione più generale, di matrice romantica, sulla natura dell’uomo sospesa tra la nascita come ascesa al mondo, e la morte come discesa agli Inferi. Il motivo dell’ ascesa/discesa è palesato nella struttura piramidale di Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita (2014) e ritorna nella composizione di listelli di marmo bianco di Secondo leggi e ipotesi della fisica, tre giorni di sonno (2014). Seppure emerga un timido tentativo di relazionarsi alle specificità architettoniche dello spazio citando l’assonanza formale con la materia e le sfumature cromatiche dello zoccolo e dei capitelli della galleria, l’attenzione principale di Vizzini è alla rielaborazione interiore di un’esperienza attraverso la sintesi estrema e la riduzione delle forme a schemi, scheletri.

Le opere elaborate post Islanda rivelano un generale interesse tanto per la forma e la corporeità quanto per la loro interiorità: le composizioni razionaliste disposte in maniera maniacalmente controllata negli spazi della galleria, combinano materiali naturali e artificiali che vanno dal legno e dallo zolfo alla schiuma di poliuretano, dal marmo allo styrofoam e al ferro zincato. Tutte le strutture sembrano voler suggerire un approccio analitico volto a classificare le forme del mondo, a spiegarne attraverso la sintesi estrema una realtà intrinseca più complessa. È in questo approccio che anziché un richiamo all’esoterismo più volte associato alla ricerca formale di Vizzini, s’intravede una maggiore affinità con il metodo matematico. In topologia infatti, la deformazione continua di una tazza da tè in un toro, ossia comunemente una ciambella, è l’artificio che meglio spiega come la matematica sia in grado di classificare le forme della realtà in cui viviamo e le sue strutture più complesse. Quella di Alessandro Vizzini – con un percorso accademico che ha poco a che vedere con le scienze matematiche – è perciò una particolare sensibilità visiva capace di cogliere gli elementi distintivi di ciò che è presente in natura e ricondurre anche le forme più complesse a luoghi o spazi geometrici più semplici, giocando con proporzioni, sintesi e riduzioni.

Carmen Stolfi

Alessandro Vizzini,   Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita,   2014. acrilico e gesso su mdf,   legno,   sale,   zolfo,   marmo,   styrofoam,   ferro zincato,   schiuma di poliuretano,   fotocopia,   119x150x250 cm

Alessandro Vizzini, Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita, 2014. acrilico e gesso su mdf, legno, sale, zolfo, marmo, styrofoam, ferro zincato, schiuma di poliuretano, fotocopia, 119x150x250 cm

Alessandro Vizzini,   Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita,   2014. acrilico e gesso su mdf,   legno,   sale,   zolfo,   marmo,   styrofoam,   ferro zincato,   schiuma di poliuretano,   fotocopia,   119x150x 250 cm

Alessandro Vizzini, Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita, 2014. acrilico e gesso su mdf, legno, sale, zolfo, marmo, styrofoam, ferro zincato, schiuma di poliuretano, fotocopia, 119x150x 250 cm

Alessandro Vizzini,   Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita,   2014. acrilico e gesso su mdf,   legno,   sale,   zolfo,   marmo,   styrofoam,   ferro zincato,   schiuma di poliuretano,   fotocopia,   119x150x 250 cm. detail

Alessandro Vizzini, Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita, 2014. acrilico e gesso su mdf, legno, sale, zolfo, marmo, styrofoam, ferro zincato, schiuma di poliuretano, fotocopia, 119x150x 250 cm. detail

Alessandro Vizzini,   Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita,   2014. acrilico e gesso su mdf,   legno,   sale,   zolfo,   marmo,   styrofoam,   ferro zincato,   schiuma di poliuretano,   fotocopia,   119x150x 250 cm. detail

Alessandro Vizzini, Allo spirito si aggiunge la psiche e la scultura con materia finita, 2014. acrilico e gesso su mdf, legno, sale, zolfo, marmo, styrofoam, ferro zincato, schiuma di poliuretano, fotocopia, 119x150x 250 cm. detail