Namsal Siedlecki,   Group Show,   Museo Apparente,   Napoli 2014 - Installation view

Namsal Siedlecki, Group Show, Museo Apparente, Napoli 2014 – Installation view

Ha inaugurato Sabato 1 Marzo “Group Show”, mostra personale di Namsal Siedlecki (U.S.A., 1986) presso il Museo Apparente di Napoli.

ATPdiary – in collaborazione con Matteo Mottin – ha fatto qualche domanda all’artista.

ATP:  Da dove nasce l’idea di questa mostra?

Namsal Siedleck: Qualche anno fa vidi, in un museo di storia naturale, un quadro dipinto negli anni ’50’ da uno scimpanzé di nome Congo, che all’epoca riscontrò un notevole successo arrivando ad essere collezionato da Picasso e Miro. L’idea di quadri dipinti da animali mi affascinava. Lentamente ho iniziato a collezionarli, arrivando a possedere tele dipinte da svariati animali. É diverso tempo che ragionavo ad un lavoro da presentare assieme alla mia collezione, un group show.

ATP: Come sei riuscito a procurarti questi dipinti?

N.S.: Ogni animale ha un sito dove è possibile acquistare delle loro opere. In alcuni casi li ho comprati, in altri ho contattato i padroni chiedendogli se fossero stati interessati a donarmi dei lavori a patto che venissero inclusi in una mostra in Italia.

The painting Pig

Jungle Friends Primate Sanctuary

Pockets Warhol

Metro the Painting Racehorse

ATP: Puoi parlarmi degli artisti che partecipano a questo “Group Show”?

N.S.: Per quest’occasione ho affiancato a delle mie sculture due chine su carta di Pablo Pig-casso (maiale, sul suo sito potete scaricarvi il Pork-folio), un acrilico su tela di Pockets Warhol (scimmia) e infine un olio su tela di Billy (cane).

ATP: C’è una relazione tra i lavori realizzati dagli animali e le sculture che presenti in mostra?

N.S.: E’ come se l’animale dipingendo si evolvesse, sviluppando delle capacità pittoriche innate, indotte dall’uomo ma comunque imprevedibili. Mi interessa capire le dinamiche in cui l’animale imita l’uomo e di quando invece è l’uomo a ritornare ad essere animale. Le sculture di argilla, materia primaria per eccellenza, evidenziando il rapporto ancestrale tra la terra e l’uomo. Farlo regredire, riportandolo attraverso un esperienza fisiologica alle proprie origini. Addentando la materia l’uomo plasma, nutrendosi delle proprie radici.

Altro aspetto che lega le sculture ai quadri è la capacità dell’argilla di mutare cromaticamente, è come se si adattasse al contesto, mimetizzandosi lentamente come un animale. L’argilla muta nel colore fino a giungere alla tonalità del cemento su cui è poggiata.

La mostra è visitabile fino al 2 Aprile.

http://www.museoapparente.eu/

http://namsalsiedlecki.blogspot.it/

Namsal Siedlecki,   Group Show,   Museo Apparente,   Napoli 2014 - Installation view

Namsal Siedlecki, Group Show, Museo Apparente, Napoli 2014 – Installation view

Namsal Siedlecki,   Group Show,   Museo Apparente,   Napoli 2014 - detail

Namsal Siedlecki, Group Show, Museo Apparente, Napoli 2014 – detail

Namsal Siedlecki,   Group Show,   Museo Apparente,   Napoli 2014 - Installation view

Namsal Siedlecki, Group Show, Museo Apparente, Napoli 2014 – Installation view