Alcune domande all’artista Grayson Revoir (1983, San Francisco), in occasione della sua personale alla Galleria Thomas Brambilla (Bergamo). Dal 19 gennaio al 31 marzo 2013.  Opening: Sabato 19 Gennaio 2013

ATP: Mi racconti perché i tuoi artisti di riferimento sono Edvard Munch e Günther Uecker?

Grayson Revoir: In vertà non ho mai pensato a quei due artisti come riferimento. Forse ti ha tratto in inganno il fatto che sono stati citati da Thomas nel comunicato stampa. Io non ho mai pensato a loro in relazione al mio lavoro.

ATP: Nelle tue opere sembra che tu aggredisca la materiale che utilizzi. Perché hai un approccio così violento con i materiali?

GR: Non penso che l’arte sia da trattare come un ‘sacco da box’. Non affronto il lavoro in modo aggressivo e la mia intenzione non si è mai sviluppata attraverso la violenza. Se do questa impressione è in conseguenza ai materiale che utilizzo per lavorare. Il legno è molto ‘testardo’ e non c’è niente di interessante in esso fino a che non è forzato e trasformato, tanto da assumere dei nuovi significati. Anche se sembra che vi sia una lotta in questa trasformazione, non avviene mai un attacco.

ATP: Che filo concettuale hai seguito per la tua mostra alla galleria Thomas Brambilla?

GR: In generale, le mie idee sono sempre delle ‘perversioni’ di quello che immagino dovrebbero essere le percezioni collettive della gente. Come nell’opera ‘That is a table, it has four legs and is meant to eat your food on ’. Sto tentando di estendere le nostra capacità di fare delle associazioni  tra oggetti e immagini, attraverso una sorta di ‘alchimia’.

ATP: Spesso lasci che gli agenti atmosferici mutino le tue opere. Perché questa scelta di lasciare la materia al caso?

GR: Molto mie opere tentano di trasformare il legno e l’ ‘hardware’ in pittura. L’azione della pioggia sui chiodi, fa si che si formi della ruggine che va a macchiare il legno. Devo anche dire che è difficile per me fidarmi di un oggetto intatto. Senza contare che non voglio che lo spettatore, guardando le mie opere, pensi a come gli oggetti sono stati fatti, disegnati e prodotti. Dovrebbe sempre essere ovvio come le cose si sono unite. Modificandosi, gli oggetti ereditano un certo carattere. Soprattutto in Italia (nazione dal grande patrimonio storico artistico .ndb) , si possono vedere questi trasformazioni nei muri, sui portoni,   nelle recinzioni o in interi edifici. Dopo molti anni, loro mostrano i segni degli agenti atmosferici e del tempo, assumendo una nuova bellezza e e un nuovo significato. Mi rendo conto che puo’ sembrare ‘brutale’ fare la stessa cosa ad un’opera d’arte. Lasciare le opere all’esterno, per me significa per molti versi sfruttare   il fatto che nemmeno le opere sono resistenti alla natura. Non voglio mai preoccuparmi troppo nel trattare le mie opere… con guanti bianchi ecc. Voglio essere in grado di avvitarle e appenderle direttamente sul muro . Per molti versi… crocifiggerle.

ATP: Tanto è aleatoria l’azione della pioggia e del vento, quanto sembra studiata la tua mano che sceglie di inserire chiodi e bulloni nel legno. Che legame c’è tra queste due azioni?

GR: Ogni cosa che faccio è una decisione. L’azione aleatoria è sicuramente riferita al mondo naturale. Per quanto riguarda  la mia azione, invece, ogni chiodo è inserito nel legno seguendo delle regole, molto simili a quelle per fare un dipinto. Seguo queste regole sapendo che la pioggia farà il resto per completare l’opera.

Grayson Revoir, Untitled, 2012, screws and nails on wooden panel, 165 x 200 x 8 cm

ATP: Can you tell me why yours reference artists are Edvard Munch e Günther Uecker?

Grayson Revoir: I’ve never thought of either of two artists as references. They are references Thomas made for the press release. I’ve never thought about them before in relation to my artwork.

ATP: It appears that in your work you are conducting an attack against the materials used: why such a violent approach? 

GR: Art is never a punching bag. I never approach the work in an aggressive way and my intentions never come from a place of violence. It’s a consequence of the material I sometimes choose to work with. The wood is very stubborn and nothing is interesting about it until It’s effected or transformed, taking on new meaning.  Although there is often a fight, it’s never an attack.

ATP:  Which ideas have you followed for your solo exhibition at Thomas Brambilla gallery?

GR: In general my ideas are always perversions of what I imagine to be peoples collective perceptions. As in that is a table, it has four legs and is meant to eat your food on.. I am attempting to extend the possibility of our associations to these objects and images, through alchemy.

ATP: You often let the weather’s action changes your work. Why this choice?

GR: Those pieces convert wood and hardware into painting, The rain activates the conversion by washing over the rust in the hardware making it stain the wood. Also, just In general, It’s hard for me to trust a pristine object.  I never want the viewer to have think about how an artwork was made, designed, or produced.  It should always be obvious how something came together.  Through this change the objects inherit a certain character. You see this especially in Italy with walls, doors, fences, or entire buildings. Over many years they show the effects of weather and time, taking on new beauty and new meaning.  But It’s very brutal to do something like that to an artwork. To leave it outside is to exploit the fact that not even art works are impervious to nature. I never want to worry about the handling of the art work.. the white gloves etc. I want to be able to screw it directly into the wall to hang it. Crucify it.

ATP: If on one side we observe your work transformed by the aleatory action of the rain and the wind, on the other we imagine your hands to be very accurate in the act of drive in nails in the wood. Is there a connection between this two actions?

GR: Everything is a decision. If it appears aleatory it’s referencing such a moment from the natural or fabricated world. The nails are put in the wood under a set of rules much like making paintings. I follow those rules knowing the rain will do what it does to complete it.

***

Born in 1983 in San Francisco, California, Grayson Revoir lives and works in New York. There are two artists of reference for Grayson Revoir: Edvard Munch and Günther Uecker.
For the second one, the reference is obvious. Just look at the works of Grayson which are tables, ladders and wooden panels pierced by a multitude of screws, nails, bolts, then left out in the rain, and so full of spots and streaks of rust.
For the first one, instead, the reference is the treatment inflicted to the works by Revoir, just as Munch used to do. After destroying a ladder or a table rather than a wooden panel, Grayson leaves them on the roof of his home in Bushwick waiting for rain.
Revoir gives no concessions to aesthetics. He does not allow anything to gratify the senses. He simply destroys the work with a brutal necessity to guide him, a primitive instinct. A performance of physical violence. A rape. A rape necessary to dialogue with history of art. With the holes by Fontana or the “fire paintings” by Yves Klein rather than, although with all the proper distances, with the dripping of Jackson Pollock.