Christian Jankowski  Magic Numbers,   2013  still  DVD,   Digitalbetacam  courtesy Friedrich Petzel Gallery,   Lisson Gallery e l'artista

Christian Jankowski Magic Numbers, 2013 still DVD, Digitalbetacam courtesy Friedrich Petzel Gallery, Lisson Gallery e l’artista

La magia del denaro di trasformare i nostri sogni in realtà. Comprare, avere, possedere, vedere, toccare tutto. Soldi sonanti o fruscianti, averne le tasche piene, nuotarci dentro. Verdoni che hanno l’intrinseco valor di far comparire e scomparire le cose. E’ affascinante il loro potere, è magico il loro valore e la loro capacità. Soldi ma anche preziosità, rarità, valore aggiunto, attribuito o presunto. E’ affascinate e misterioso e, aggiungiamo, ha anche del taumaturgico, quanto tempo, energia, pensieri, intelletto investiamo su come fare, disfare e moltiplicare i soldi.

Questi e molti altri gli argomenti che solleva il bel video che ho visto ieri alla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, di Christian Jankowski ‘Magic Numbers’ (a cura di Maura Pozzati e Gianfranco Maraniello). La mostra – parte del più ampio progetto che inizia da MAMbo con ‘La Grande Magia. Opere scelte dalla Collezione UniCredit’ e si sviluppa in molte tappe in città – mette in scena tre situazioni che legano la magia (nel senso più popolare del termine: potere di trasformare le cose, farle scomparire o apparire, prevederle con ‘trucchi’ o ‘numeri’ di prestigio) all’arte contemporanea e al mondo della finanza.

Il percorso inizia con l’accostamento di tre opere che coinvolgono operatori del magico e dell’arte, in cui gli esseri umani vengono tramutati in animali: My Life as a Dove (1996), Director Poodle (video e foto del 1998), Flock (2002). Con “My Life as a Dove“, Jankowski annuncia di essere stato trasformato da un mago in una colomba. Gli spettatori lo osservano, lo nutrono, immortalano l’artista in questa sua nuova ‘veste’ per tre settimane, fino al suo ritorno ad umane sembianze. In ‘Director poodle’, a essere trasformato è il direttore della Kunstverein Hamburg. L’artista ha chiesto quale animale volesse diventare e il direttore ha scelto di trasformarsi in un barboncino bianco. ‘Flock’, invece, coinvolge 12 visitatori di una mostra durante la quale vengono trasformati dall’assistente del famoso David Coopefield in pecore.

Entriamo nell’immaginario più vistosamente popolare con il video Telemistica, prodotto per la Biennale di Venezia del 1999, curata da Harald Szeemann, che ha segnato il successo di Christian Jankowski a livello internazionale. Per la realizzazione di questo video Jankowski ha telefonato ad alcuni cartomanti televisivi locali chiedendo loro di leggere le carte e fornire una previsione sull’esito del suo nuovo lavoro all’esposizione in Laguna. Le registrazioni di questa sorta di profezie autoavveranti (il successo era stato previsto e si è in seguito verificato) sono diventate l’opera d’arte stessa.

Ultima tappa della mostra, il video ‘Magic Numbers’, dove appunto, l’artista entra nel vivo della relazione tra logiche finanziarie, potere del denaro e magia. Con quest’opera indaga ciò che la magia può mutuare dall’economia e viceversa, il senso del valore del denaro nella vita e nel mondo dell’arte, la differenza tra realtà e illusione..ecc.

L’indagine è compiuta immergendosi nella realtà della Fondazione del Monte, coinvolgendo il presidente, il financial advisor, il consigliere di amministrazione con delega alla cultura (la stessa curatrice Maura Pozzati), l’executive manager ecc. con altrettanti maghi professionisti. I vari membri della Fondazione sono stati ripresi nel loro ufficio mentre compivano esercizi da prestigiatori come mutare carta straccia in denaro, far scomparire, bruciare o forare banconote; compiere, quindi le tipiche azioni di abili prestigiatori. In sottofondo alle immagini si potevano ascoltare i vari punti di vista che ognuno ha espresso in merito alle relazioni, analogie e alle logiche che a loro parere esistono tra i meccanismi che vigono nella finanza e quelli appartenenti al concetto di magia.

Visitabile fino al 16 febbraio 2014.

Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (via delle Donzelle 2)

Christian Jankowski  Magic Numbers,   2013  still  DVD,   Digitalbetacam  courtesy Friedrich Petzel Gallery,   Lisson Gallery e l'artista

Christian Jankowski Magic Numbers, 2013 still DVD, Digitalbetacam courtesy Friedrich Petzel Gallery, Lisson Gallery e l’artista

Christian Jankowski  Magic Numbers,   2013  - Fondazione del Monte,   Bollogna

Christian Jankowski Magic Numbers, 2013 – Fondazione del Monte, Bollogna

Christian Jankowski,   My life as a dove,   1996 still DVD,   Digitalbetacam 5:41 min Ed 10,   II Courtesy Helga Maria Klosterfelde Edition e l'artista - Magic Number

Christian Jankowski, My life as a dove, 1996 still DVD, Digitalbetacam 5:41 min Ed 10, II Courtesy Helga Maria Klosterfelde Edition e l’artista – Magic Number