Choisi - one at a time,   Lugano. Foto di Elide Brunati

Choisi – one at a time, Lugano. Foto di Elide Brunati

(Scroll down for the English text)

Inaugura domani sabato 30 novembre a Lugano Choisi – one at time ( via F. Pelli, 13): un nuovo spazio non profit che ospita mostre ed eventi d’arte contemporanea con particolare attenzione per la carta e le sue declinazioni.

Lo spazio espositivo è inserito nella libreria di  Artphilein Editions unicamente dedicata al libro d’artista contemporaneo, all’editoria indipendente, al self-publishing, alle edizioni limitate, ai multipli e ai libri di fotografia. Un’accurata selezione di riviste d’arte internazionali sarà in consultazione nell’angolo di lettura all’interno dello spazio, dove i visitatori potranno inoltre partecipare al bookcrossing,  Libri in Movimento, con lo scambio di un proprio libro.

Tutte le mostre di Choisi – one at a time saranno caratterizzate dalla presentazione di una sola opera alla volta,  one at a time, corredata da approfondimenti e da una ricercata documentazione.

ATPdiary ha posto alcune domande a Giulia Brivio e Elide Brunati per conoscere meglio il progetto Choisi. Un paio di domande anche a Larissa Galler, curatrice della prima mostra ospitata nello spazio, ‘Futura’.

ATP: Sono sempre molto contenta quando nasce uno spazio no-profit. Solitamente l’esigenza di aprirlo è motivata da una forte passione per l’arte. È anche il caso di ‘Choisi – one at time’?

Giulia Brivio/Elide Brunati: L’associazione culturale Choisi – one at a time nasce proprio dalla passione di due collezionisti privati per l’arte contemporanea e per il libro d’artista. Già fondatori di Artphilein Foundation (www.artphilein.org), Caterina e Gianfranco De Pietri desiderano creare uno spazio vivo e coinvolgente che proponga una selezione di opere una alla volta (one at a time) per poter approfondire il processo creativo degli artisti e lasciare a disposizione del fruitore una serie di materiale che lo contestualizzi. Un punto di vista diverso da quello che può essere trovato in una galleria o in un museo.

ATP: Lo spazio espositivo Choisi – one at time è inserito nella libreria Artphilein Editions. Che nesso intercorre tra le due identità?
G.B./E.B.: Choisi – one at a time nasce dalla volontà di creare un luogo d’incontro, di dibattito, di confronto sull’arte contemporanea, dando la possibilità di “guardarsi intorno” e scoprire cos’è oggi il libro d’artista e quali svariate forme può assumere l’editoria d’arte. La libreria Artphilein Editions accoglie il pubblico in un spazio in cui non solo ci si ferma a guardare un’opera ma si visiona un’ampia selezione di libri d’artista, si scoprono curiose edizioni limitate, ci si accomoda nell’angolo di lettura per sfogliare nuovi magazine internazionali e si può scambiare un proprio libro con uno di quelli messi a disposizione della libreria.
Le due identità sono quindi strettamente connesse e legate dalla volontà di creare uno spazio vivo e un punto d’incontro in una città, Lugano, che sta crescendo velocemente dal punto di vista dell’offerta culturale per le arti visive contemporanee.

ATP: Per quanto riguarda la libreria, Artphilein Editions si caratterizza per una taglio editoriale particolare. Me lo raccontate? Perché questo tipo di scelta?
G.B./E.B.: Artphilein Editions ha scelto di proporre unicamente libri d’artista ed edizioni limitate per poter far incontrare a un pubblico allargato un’opera accessibile. Infatti la vasta selezione di libri in catalogo è caratterizzata, oltre che dalla qualità nei contenuti e dalla bellezza della forma, da un prezzo compreso tra i 5 e i 150 franchi (5 – 120 euro).
Desideriamo che il visitatore instauri un rapporto personale e soggettivo con il libro che sceglie. Il libro deve essere toccato, sfogliato, vissuto e non solo letto o guardato. La proposta è quella di libri d’artista non solo per bibliofili ma per tutti. Un modo per ampliare la conoscenza di questa forma d’arte anche al di fuori degli specialisti di settore.
Per citare solo alcuni dei primi editori che saranno disponibili in libreria ci saranno Dienacht Publishing (www.dienacht-magazine.com), Redfoxpress (www.redfoxpress.com), e artisti self-publisher come Pauline Lamont-Fisher (www.burntbarn.co.uk), Kathryn Desforges (www.kathryndesforges.co.uk)… ogni mese la selezione cambierà e sarà ampliata.
Artphilein Editions propone inoltre libri di fotografia e multipli.

ATP: Mi date una definizione di cos’è per voi il libro d’artista?

G.B./E.B.: Non è una domanda semplice. Il libro d’artista non ha una definizioni univoca. Negli anni quest’arte ci ha proposto varie facce e ancora oggi il libro d’artista ci regala molte novità. Sicuramente il libro d’artista non è una documentazione sull’arte dell’artista in questione, è arte in sé stessa. È un’opera che mantiene le caratteristiche fondamentali del libro ma che inserisce in esso altri elementi: immagini, collage, intagli ecc… La posizione del fruitore è attiva: egli decide in assoluta autonomia quando, quanto, dove, come rapportarsi al libro d’artista, non ci sono imposizioni, solo un invito a sollevare la copertina e sfogliare le pagine.

ATP: Lo spazio sarà inaugurato con una mostra dedicata a un libro d’artista, il titolo è ‘Futura’. Abbiamo chiesto a Larissa Galler, la curatrice della mostra,  di raccontarci questo progetto. 

Larissa Galler: Il progetto nasce contestualmente all’apertura dello spazio Choisi – one at a time e della libreria Artphilein Editions, realtà entrambe legate alla passione per il libro d’artista. Questo tipo di opere sono presenti in un fondo importante della collezione di Artphilein Foundation e di qui la decisione di sceglierle per la prima esposizione. In particolare il libro di Antonio Alcaraz ed Emilio Sdun, Die Kunst der Typographie (2010), rende omaggio a una delle figure più importanti della grafica e della tipografia del Novecento: Paul Renner, creatore del carattere Futura. Il libro di Alcaraz e Sdun nasce dal workshop tenuto dai due artisti presso l’Hessisches Museum di Darmstadt, museo dedicato alla stampa d’autore e all’arte tipografica ed è, appunto, una reinterpretazione dell’omonimo saggio di Paul Renner scritto nel 1939 e pubblicato l’anno seguente.  Quindi non solo il valore artistico intrinseco, ma anche il tema dell’opera in mostra sintetizzano l’interesse per il libro e la scrittura, elementi che caratterizzano profondamente Artphilein Foundation”.

ATP: Progetti futuri?

Larissa Galler: Dal mese di gennaio organizzeremo delle “colazioni con l’artista”, dei “focus” dedicati a tematiche specifiche, sempre inerenti alla carta stampata e all’editoria d’arte. Due volte all’anno sarà ospitata una mostra curata da Artphilein Foundation, con la presentazione di una sola opera. Altre istituzioni saranno invitate a presentare i propri progetti e sicuramente ci sarà un coinvolgimento delle realtà presenti sul territorio per progetti comuni. Inoltre Artphilein Editions, libreria e casa editrice specializzata, realizzerà due libri d’artista all’anno. Insomma… Choisi – one at a time ha tanti progetti in mente per il futuro!

'Die Kunst der Typographie',   2010,   di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun

‘Die Kunst der Typographie’, 2010, di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun

Saturday 30 November  Choisi – one at a time opens a new non profit space in Lugano that hosts contemporary art exhibitions and events, placing special attention on works created with and on paper, in all its forms.

The exhibition space is located inside the  Artphilein Editions bookstore, a shop dedicated to contemporary artist’s books, independent publishers, self-publishing, limited editions, multiples and photographic books.

A carefully selected assortment of international art magazines will be available in the reading corner, where visitors may also participate in book-crossing, in our Libri in Movimento section, by exchanging one of their own books.

All of the exhibitions held at Choisi – one at a time will be characterised by presentations of one artwork at a time, and will be accompanied by research, analysis and documentation. The idea to present single works is motivated by our desire to focus on the artistic process that guides artists in the creation of their works, and to involve and incline the public toward contemporary art and artist’s books.

For its first exhibition Choisi – one at a time will host the Artphilein Foundation, presenting one of the works from its collection and thus beginning a collaboration that will continue over time.

Futura, curated by Larissa Galler, will exhibit the artist’s book Die Kunst der Typographie by Emilio Sdun and Antonio Alcaraz, published in 2010, a reinterpretation of the eponymous volume by Paul Renner that was written in 1939 and published the following year; it is an homage to a master of the graphic design of the twentieth-century, to the designer the Futura font, in addition to others, which is still up-to-date and widely in use today. The book originated from a workshop held by the two artists at the Hessisches Museum in Darmstadt, Germany, an institution dedicated to the art printing and the typographic arts.

The exhibition will be accompanied by music that is a result of the collaboration between the Jazzy Jams Association in Lugano and the ensemble Jazz in Bess, which created a jazz improvisation inspired by Alcaraz and Sdun’s work, recorded at Stepasound studios.

In occasion of the exhibition Artphilein Editions SA will publish the catalogue Futura, which includes texts by Susanne Lang, Angela Madesani and Sergio Polano.

Choisi - one at a time,   Lugano. Foto di Elide Brunati

Choisi – one at a time, Lugano. Foto di Elide Brunati

'Die Kunst der Typographie',   1939-40,   di Paul Renner

‘Die Kunst der Typographie’, 1939-40, di Paul Renner

'Die Kunst der Typographie',   2010,   di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun

‘Die Kunst der Typographie’, 2010, di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun

'Die Kunst der Typographie',   2010,   di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun

‘Die Kunst der Typographie’, 2010, di Antonio Alcaraz e Emilio Sdun