E-ELT,   installation view,   courtesy Cripta 747

E-ELT, installation view, courtesy Cripta 747, Foto: Alice Guarini

Sospesa tra un sentire “alieno” ed un’atmosfera privata, intima, E-ELT, prima mostra della nuova stagione espositiva di Cripta 747, è incentrata sullo studio e sull’osservazione dello spazio, sia questo inteso come “luogo” vissuto, immaginato o forse solamente elucubrato.

La mostra da una parte si allontana dalla realtà, proponendo dipinti di pianeti realizzati da Renato Leotta e Yari Malaspina su fogli lucidi con una tecnica leggera, che ricorda molto quella utilizzata per i souvenir sui lungo mare, dall’altra la include presentando i lavori assieme allo studio in cui sono stati creati. Il lavoro ed il luogo di lavoro sono messi sullo stesso livello, e in questo modo la costellazione di micro-realtà che hanno contribuito all’atto creativo diventa anch’essa un lavoro: il salottino in cui ci si riposa e si prende il caffè, i progetti non realizzati o in fase di realizzazione, il magazzino, i lavori di amici artisti che fanno parte della collezione di Cripta 747.

(Testo di Matteo Mottin)

Fino al 25 Ottobre.

E-ELT,   installation view,   courtesy Cripta 747

E-ELT, installation view, courtesy Cripta 747, Foto: Alice Guarini

E-ELT,   installation view,   courtesy Cripta 747

E-ELT, installation view, courtesy Cripta 747, Foto: Alice Guarini