Diego Perrone, frame video Piedi - RAVE 2015 - courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi – RAVE 2015 – courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

26 ossa, 32 muscoli e tendini, 107 legamenti e, secondo i saperi orientali, 72 mila terminazione nervose nonché la mappa riflessa di ogni organo, ghiandola e parte del corpo. Sono macchine complesse, strutture perfette, a volte è quasi un peccato nasconderli. Sono i piedi, topos che, probabilmente, ha affascinato anche Diego Perrone, che li cita nel titolo di un suo ultimo progetto.

Sabato 25 febbraio – ore 18.30, Studio Tommaseo, Trieste, via del Monte 2/1 – Trieste Contemporanea e RAVE East Village Artist Residency presentano l’opera video “Piedi” realizzata da Diego Perrone per l’edizione RAVE 2015. Dopo un’introduzione di Isabella Pers (RAVE – East Village Artist Residency) sul lavoro svolto da Perrone in residenza, questa speciale prima visione vede la partecipazione di quattro giovani storiche dell’arte e curatrici: Eva Basso, Virginia Dordei, Valeria Lello e Martina Peruch, che commenteranno con l’artista i quattro video proiettati nella serata.

Le proiezioni si aprono con tre opere video realizzate in diversi momenti del percorso artistico di Perrone: Vicino a Torino muore un cane vecchio (2003, animazione digitale in 3D, 5’ 20’); I Verdi Giorni (2000, cartone animato, 2’ 30’’); Senza titolo (1994, video, 15’,).

 L’opera video “Piedi” (2016, 6’22”) è stata realizzata da Perrone durante la residenza d’artista RAVE 2015. La processualità, intesa come progressione di momenti conseguenti ed evoluzione naturale di forme, è aspetto centrale del progetto video Piedi.
Il mondo animale è presente, ma non protagonista, dell’esperienza che l’artista ha compiuto in questa occasione.
“Un gruppo di bambini è andato nel prato a conoscere dei nuovi ospiti: Vincent e Pedro, un asino e una capra da poco salvati dal mattatoio. Dopo aver incontrato i due animali non umani e aver giocato con loro, i bambini hanno dato vita a delle azioni che richiedono collaborazione reciproca e l’assunzione da parte del singolo di un ruolo momentaneo necessario all’altro. Inoltre l’uso della camera digitale da parte dei bambini, al posto di comuni matite, dà luogo ad immagini inaspettate ed alla riflessione su quale sia il ruolo dell’età in relazione alla consapevolezza di essere artista e l’accettazione del sistema.” (da CS)

CS Diego Perrone a Videospritz_RAVE_Trieste Contemporanea

RAVE è un progetto realizzato in collaborazione con Trieste Contemporanea, Gallinae in Fabula, OIPA-Organizzazione Internazionale Protezione Animali, Musiz Foundation, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con il supporto di Altevie Technologies. Main partner: Vulcano unità di produzione contemporanea.

Diego Perrone, frame video Piedi - RAVE 2015 - courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi – RAVE 2015 – courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi - RAVE 2015 - courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi – RAVE 2015 – courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi - RAVE 2015 - courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong

Diego Perrone, frame video Piedi – RAVE 2015 – courtesy di Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong