Borse di studio e residenze: i vincitori della Quadriennale di Roma

Sono state assegnate le prime due borse di studio post-dottorato di 12 mesi: una ad Alessandra Franetovich per una ricerca originale sull’arte italiana del XXI secolo, una a Vincenzo Estremo per una ricognizione sull’arte digitale in Italia. I risultati delle ricerche condotte nell’ambito delle due borse di studio saranno raccolti in due volumi. È stato affidato l’incarico di curatrice in residenza under 30 a Gaia Bobò
2 Agosto 2022

Sono stati resi noti i nomi dei vincitori delle borse di studio e della residenza legata al nuovo percorso della Quadriennale di Roma. Nell’ambito della programmazione 2022-2024 sotto la direzione artistica di Gian Maria Tosatti, queste assegnazioni sono il risultato dei primi esiti delle sue nuove linee di intervento per il sostegno alla ricerca sull’arte italiana del XXI secolo e al percorso di aggiornamento professionale di giovani curatori, tutte disciplinate da procedure di selezione pubblica.

Sono state assegnate le prime due borse di studio post-dottorato di 12 mesi: una ad Alessandra Franetovich per una ricerca originale sull’arte italiana del XXI secolo, una a Vincenzo Estremo per una ricognizione sull’arte digitale in Italia. I risultati delle ricerche condotte nell’ambito delle due borse di studio saranno raccolti in due volumi.

È stato affidato l’incarico di curatrice in residenza under 30 a Gaia Bobò, che per un anno sarà coinvolta nella programmazione della Quadriennale, collaborando soprattutto alla realizzazione dei suoi progetti espositivi, del suo programma pubblico e dell’annuario Arte italiana a 365°.

La borsa di studio “Panorama dell’arte italiana del XXI secolo” è incentrata sulle principali personalità artistiche in Italia dal 2000 a oggi, sugli elementi di connessione tra le ricerche di artisti e curatori, sugli orizzonti teorici e sui risultati pratici, sulle relazioni tra l’arte italiana e l’arte internazionale, sulla cronologia delle mostre e degli eventi principali.

La ricerca di Alessandra Franetovich, dal titolo Tra la periferia e il centro: l’arte italiana alla svolta della Global Art History, si incentrerà sulla definizione delle aree geografiche e degli artisti a esse afferenti. Attraverso una serie di interviste ai protagonisti delle zone individuate e a ricerche di archivio presso le più importanti istituzioni culturali, Franetovich intende delineare stili, generi e correnti principali dell’arte italiana contemporanea, cominciando da Torino – suo luogo di residenza – per poi spostarsi in Toscana, Liguria, Bologna, Modena, Milano, Venezia e nordest Italia, Roma e concludendo al Sud, passando da Napoli, Palermo, Puglia e Sardegna.

La borsa di studio “Ricognizione sull’arte digitale italiana” è incentrata sul mondo delle arti digitali in Italia, sulle prospettive degli ultimi trend artistici (intelligenza artificiale, realtà virtuale, NFT, ecc.). Vincenzo Estremo ha proposto un’indagine sulla definizione teorico-concettuale di Cyberproletariat la “Neoplebe, Classe Creativa, Élite e di Immagine digitale e lavoro digitale. Dopo una prima fase di ricerca in archivio e curatoriale, la sua analisi si articolerà in una Call for artist sui media contemporanei e in due restituzioni pubbliche.

Focus sul programma per curatori in residenza

Il programma per curatori in residenza è una nuova linea di intervento della Quadriennale, che vuole potenziare la sua azione a sostegno del perfezionamento della formazione e dell’aggiornamento professionale di giovani curatori.
A seguito di selezione pubblica, il Cda della Fondazione ha affidato l’incarico di curatrice in residenza per dodici mesi (luglio 2022 – giugno 2023) a Gaia Bobò (Noto, 1995), curatrice indipendente con base a Roma, che si è formata presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, l’Hochschule für bildende Künste di Amburgo e l’Università IULM. 
Alla curatrice è offerta una rete di relazioni in un contesto propenso a favorire il confronto con artisti, critici, storici dell’arte, istituzioni, collezionisti; l’opportunità di partecipare attivamente alla vita della Fondazione e di interagire con il suo team, collaborando a tutte le iniziative in corso di preparazione.

Gaia Bobò – Photo credits Marta Scotti
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites