Alexander Whitley Dance Company. Digital Body. Image by Robin Ashurst

Jean Cameron, direttrice creativa di UK/ITALY Season 2020 – programma di eventi artistici e culturali del British Council – definisce così il progetto, in un “momento storico di riflessione da parte degli artisti e del pubblico, intimo ed autentico”. Nell’autunno 2020, performance, esposizioni, proiezioni, conferenze e tavole rotonde animeranno lo spazio digitale e fisico e rifletteranno, in maniera creativa, sul nostro presente.
Il titolo scelto, Being Present, si inserisce appieno nell’attuale dibattito sulla fruizione dell’arte e della cultura: alla chiusura degli spazi fisici si sono aperte le porte degli spazi virtuali, rendendo la partecipazione attiva nella distanza fisica. Chiunque può infatti collegarsi da ogni angolo del globo a qualsiasi evento online: difficilmente tuttavia potrà capitarci per caso e questo spinge ad una riflessione sulla comunicazione, sulla promozione degli eventi e sulla necessità di “rompere le regole e rinnovare le tradizioni”. La direttrice del British Council Italia, Rachel Launay, con questo spirito inaugura il programma: resilienza, creatività e relazione sono le parole chiave che contraddistinguono una “season diversa e inedita”.

Nel programma, l’arte contemporanea è presente in maniera multimediale, attraverso mostre, performance, screening e interventi di danza e musica sperimentale.

Where / Dove è il titolo della prima personale italiana dedicata all’artista Willie Doherty, presso la palazzina dei giardini di Fondazione Modena Arti Visive. La mostra, curata da Daniele De Luigi e Anne Stewart e co-prodotta da FMAV e dall’Ulster Museum di Belfast, sarà visibile dal 7 novembre 2020 al 31 gennaio 2021. La personale spazia tra fotografie e video, narrando lo sviluppo della carriera dell’artista e approfondendo un tema caro a Doherty, il confine. Figlio di una famiglia nordirlandese, ha vissuto in prima persona le contraddizioni sociali, politiche e culturali dei luoghi di confine. Attraverso il paesaggio, l’artista ne indaga i paradossi, con uno sguardo non soltanto europeo ma globale – si ricorda ad esempio il viaggio al confine tra USA e Messico – in un momento storico contrassegnato da migrazioni, pandemie e instabilità di ogni sorta.

Dal 2 al 4 ottobre 2020, nella cornice di RomaEuropa Festival 2020 (REF), verrà presentato il nuovo film digitale di Alexander Whitley Dance Company. Il lavoro fa parte del trittico Chaotic Body, in cui caos, movimento e tecnologia 3D si fondono in un connubio tra natura e artificio, uomo e macchina. Il film, nato nel corso del periodo di lockdown, di chiusura dei teatri e delle sale prove e di distanziamento sociale, trasforma le sequenze coreografiche e il movimento corporeo, catturato con una tuta di Motion Capture, in danza digitale.
«Volevo esplorare come la danza potesse esistere in una forma puramente digitale, testare i limiti della rappresentazione del movimento umano e utilizzare questa situazione di isolamento come un’opportunità». Alexander Whitley

Il 10 ottobre, in occasione del terzo anniversario di OGR Torino, verranno presentati una serie di lavori immersivi e di performance, pensati per il progetto “Continuum”. In collaborazione con Tramway – spazio indipendente di Glasgow – OGR Torino ha co-curato un programma di performance, opere d’arte digitali e musica sperimentale: per superare i limiti della distanza fisica tra le due città, gli interventi verranno trasmessi simultaneamente in live sui social e su Tramway TV.

OGR Tech. Credits Giorgio Perottino – Getty Images for OGR Torino

Tra gli appuntamenti salienti della UK/IT Season 2020:

  • 17 settembre – 15 novembre 2020: Opere complete: Table Top Shakespeare: At Home

Nell’ambito della 35° edizione di Romaeuropa Festival, il pluripremiato gruppo di performance di Sheffield, Forced Entertainment si esibirà in versioni innovative e intense di tutti gli spettacoli di Shakespeare, direttamente dalle proprie abitazioni.

  • 30 settembre: ‘Next Generation Italy: The World Remote’ presentazione report

Il 30 settembre il British Council lancerà il suo report ‘Next Generation Italy’, volto a porre la prossima generazione di leader italiani al centro delle relazioni bilaterali tra Regno Unito e Italia. Il report esamina le condizioni che si pongono oggi a favore dei giovani italiani per supportarli nel diventare cittadini creativi, soddisfatti e attivi. Una tavola rotonda sarà dedicata ad approfondirne le evidenze principali.

  • 2 – 4 ottobre 2020: Alexander Whitley Dance Company – Chaotic Body

La première di un nuovo film di danza della Sadler’s Wells Associate Artist Alexander Whitley’s Dance Company, ispirato alla teoria del caos e ai motivi geometrici della natura. Il film sarà trasmesso in streaming online dopo un dibattito con Whitley stesso e con il pubblico.

  • 7 novembre 2020 – 31 gennaio 2021 (Italia); 5 marzo – 6 giugno 2021 (Northern Ireland): Willie Doherty. WHERE / DOVE

Una grande mostra sull’opera dell’artista nordirlandese e candidato al Turner Prize, Willie Doherty, realizzata in collaborazione con la Fondazione Modena Arti Visive e l’Ulster Museum di Belfast. Concentrandosi sul tema dei confini, la mostra offre una panoramica della carriera di Doherty nel campo della fotografia e dei time-based media. La mostra proseguirà a Belfast nella primavera 2021.

  • 10 e 17 novembre: Scene for Survival: National Theatre of Scotland con la Triennale di Milano

Una nuova stagione di opere d’arte digitali commissionate dalla BBC per il programma “Culture in Quarantine”. In collaborazione con il rinomato Triennale Design Museum di Milano, il National Theatre of Scotland presenterà i momenti salienti della serie al pubblico italiano. Due eventi online presenteranno una selezione di brevi brani di autori teatrali scozzesi, seguiti da una sessione di domande e risposte con il National Theatre of Scotland.

  • Saloni della Cultura virtuali

La UK/IT Season 2020 riunirà anche tre Saloni della Cultura virtuali che, in risposta alla pandemia, tratteranno del ruolo fondamentale dei creativi indipendenti (in collaborazione con ArtLab. Territori, Cultura, Innovazione), del ruolo dei festival e le città e dei nuovi approcci business alla cultura. Gli stakeholder di entrambi i Paesi sosterranno un’ambizione condivisa, quella di porre la cultura al centro delle città società resilienti, compresa l’implementazione di risposte efficaci alle crisi e la creazione di forti infrastrutture socio-economiche per le industrie creative. 

Questi saloni sono correlati alla Conferenza di Pontignano, uno degli eventi annuali più importanti nel rapporto tra Regno Unito e Italia. Dal 1° al 3 ottobre, i delegati parteciperanno a workshop volti a gettare le basi per un futuro prospero, sicuro e sostenibile, sulla base della comune determinazione di entrambe le nazioni a lavorare insieme per un cambiamento in positivo. Organizzata dal British Council in collaborazione con l’Ambasciata britannica in Italia e l’Università di Siena.

Altri eventi nel programma UK/IT 2020 sono: una ‘British Music Night’ al Linecheck Festival durante la Milano Music Week); per celebrare il rapporto di gemellaggio tra Glasgow e Torino, Tramway (Glasgow) e OGR (Torino) collaboreranno in un’ambiziosa partnership e scambio digitale attraverso le piattaforme di presentazione fisica e virtuale di Tramway e OGR Torino presentate il 10 ottobre nell’ambito di ‘Continuum’ – una serie di eventi immersivi di un giorno programmati per celebrare il terzo anniversario di OGR Torino. Un evento infine di quattro giorni a Roma dedicato a tutto ciò che riguarda la letteratura. Nell’ambito del programma LETTERATURE per il Festival “Insieme – lettori, autori, editori” Jennifer Nansubuga Makumbi (scrittrice ugandese ma di Manchester di adozione) sarà una delle relatrici principali allo Stadio Palatino nella serata di chiusura del Festival, il 4 ottobre. A Nansubuga Makumbi viene chiesto di riflettere sulla parola “Potere” all’interno di un panel dal titolo “Politica come visione”. L’evento si svolge durante il Black History Month.    .

Willie Doherty, Ancient Ground, 2016. Credits the artist