• Stephen Cornford
  • Seiji Morimoto
  • Gàbor Làzàr
  • Gàbor Làzàr

Testo di Gaia Martino

Auditiva: Thirding-as-othering e? un progetto a cura di Frequente, neonata organizzazione culturale fondata a Milano con l’obiettivo di approfondire e condividere la ricerca sul suono e la cultura auditiva. Il centro di ricerca indipendente e? il risultato dell’incontro tra gli artisti Enrico Malatesta e Nicola Ratti e la curatrice Gaia Martino che, assieme ad Attila Faravelli e con la collaborazione di Standards Studios e O’, hanno deciso di proporre sul territorio un’attivita? interamente dedicata ai linguaggi delle arti sonore.

Mai come in questi anni si sente l’interesse rivolto al contenuto sonoro da ambiti diversi dell’arte contemporanea: le proposte culturali a Milano legate al suono sono infatti sempre piu? ampie e diversificate, capaci di convogliare risultati straordinari e proporre esperienze capaci di coinvolgere un pubblico curioso e in crescita. Tuttavia, al dinamismo organizzativo non sempre corrisponde un’attenzione approfondita al contesto di riferimento, e spesso, inevitabilmente, si finisce col “sentire con gli occhi”, ovvero assimilare le esperienze sonore attraverso gli strumenti cognitivi visivi che connotano la nostra cultura quotidiana.

Va da se? che questa conseguenza non si concilia affatto con l’essenza stessa del mezzo: l’arte sonora infatti e? in primo luogo un esercizio per il fruitore. L’opera si realizza pragmaticamente nella percezione dell’ascolto e presuppone dunque la presenza attiva dell’ascoltatore: siamo chiamati a convivere con un linguaggio artistico, il sonoro, che per sua natura e? relazionale.

Diventa fondamentale allora dare la possibilita? al pubblico di fare propri degli strumenti di orientamento utili a questo esercizio di presenza, in modo da assicurare solidarieta? agli eventi sonori e fondare la premessa per una buona riuscita della qualita? dell’ascolto.  Non sottovalutare questo aspetto, proporre contenuti interessanti e contribuire alla diffusione della cultura auditiva in modo che certi strumenti percettivi diventino familiari e utili a intensificare, oltre che la ricezione dell’arte anche il modo in cui recepiamo le informazioni della realta?, e? lo scopo a lungo termine di Frequente.

Per iniziare, e? stato scelto un progetto site specific fortemente voluto da Bice Bugatti Club come progetto speciale per il 57° Premio Internazionale di Pittura Bugatti Segantini; con questo invito l’associazione culturale novese dimostra il suo profondo desiderio di indagare e sostenere i linguaggi innovativi dell’arte contemporanea accanto alla tradizione di uno storico premio di pittura internazionale. In questa occasione, Frequente ha deciso di proporre un progetto che riflette sull’interrelazione dei soggetti protagonisti dell’arte sonora: opera, fruitore e ambiente. Prendendo l’ispirazione dal geografo Edward Soja, Auditiva: Thirding-as-othering incoraggia il pubblico a pensare la “trialettica”, ovvero la possibilita? che esistano tre forze indipendenti e al tempo stesso interconnesse, non contrapposte e solidali, che stanno in equilibrio dinamico e che infrangono le definizioni e i ruoli, esattamente come accade a opera sonora, ascoltatore e spazio specifico. Auditiva: Thirding-as-othering, in questo senso e? un invito al disordine, dichiara la necessita? di accogliere il movimento continuo come motore portante del significato e rispecchia esattamente l’intento di approfondire il linguaggio dell’arte sonora.

Auditiva concretamente si articola in un triplice intervento che coinvolge tre artisti estremamente diversi. Le installazioni compongono un percorso sonoro negli spazi esterni ed interni di Villa Brivio a Nova Milanese e saranno aperte al pubblico dal 15 Giugno al 6 Luglio, giornata di chiusura dell’evento.
Il 15 Giugno inaugurano due interventi di altrettanti autori che indagano il legame corpo-suono- spazio in termini differenti. Il primo, Seiji Morimoto, propone elementi sonori sottili, risultato di piccoli meccanismi analogici semplicemente costruiti che egli stesso realizza e colloca direttamente, in relazione continua con il contesto ambientale che accoglie il suo lavoro. Stephen Cornford, parallelamente, presenta Migration: un gruppo di dittafoni modificati dall’artista sono sistemati per restituire la reminiscenza di una massa di uccelli o insetti in migrazione. Memore dell’appropriazione del temine “migrazione” come processo di trasmissione dati, l’opera riflette il movimento globale del consumo dei dispositivi elettronici e il loro rapido passaggio dall’essere prodotto all’essere rifiuto, dentro cicli di vita sempre piu? accelerati tra generazioni nella tecnologia. L’intervento, come si puo? immaginare, comprende in se? l’elemento visivo inteso come un aspetto del sonoro: questa chiave di lettura e? una proposta ulteriore per l’esperienza percettiva del pubblico, oltre ad essere la specificita? propria della ricerca stessa dell’autore. Infine, a completare Auditiva, il 6 Luglio alle ore 21 sara? l’installazione-performance di Ga?bor La?za?r A Trap for your Attention, presente per una sera soltanto nella piazza della corte a Villa Brivio. La performance del giovane artista ungherese, che da poco ha realizzato la sua personale presso l’Haus der elektronischen Ku?nste di Basilea ed e? presentato per la prima volta in Italia, conclude e apre allo stesso tempo il progetto: un intervento temporaneo, con luci al led e suoni elettronici, agisce nelle misure grandi, nei riverberi e nell’aspettativa della durata limitata di un’esecuzione dal vivo, andando a rivelare il volume di quel vuoto architettonico capace, insieme al pubblico abitante, di essere portatore di un’effettiva liberta? d’azione.

AUDITIVA THIRDING-AS-OTHERING a cura di Frequente

Progetto speciale Bice Bugatti per 57° Premio Internazionale Bugatti Segantini

15 .06 > 6.07 2016
15.06 dalle 18.30 > installazioni sonore di STEPHEN CORNFORD e SEIJI MORIMOTO

6.07 alle 21 > live performance di GA?BOR LA?ZA?R

Seiji Morimoto

Seiji Morimoto