ATPdiary invited some curators to point out three international artworks that summarize – or are meaningful of – three historical periods. 

1 from the past, even very distant.

1 from the present, focusing on the contemporary moment.

1 from the future, with a strong perspective, in a nutshell, towards what’s next. 

Maria Alicata 

Past —

Albercht Durer,  Rinoceronte, litografia 1515

Nel 1515 L’Europa era in un momento di grande espansione che avrebbe portato ad esplorazioni, mappature e alla conquista del mondo, resa possibile grazie anche alle nuove tecnologie, tra queste la stampa che ha permesso di registrare e diffondere la conoscenza. Come l’immagine del rinoceronte, arrivato nello stesso anno a Lisbona dalla lontana India.

Albert Durer,   Rhino,   1515

Albert Durer, Rhino, 1515

Present — 

Pierre Huyghe,  Untitled,  2012

Il luogo è circoscritto. Elementi di differenti epoche della storia giacciono l’uno accanto all’altro senza ordine cronologico o segni di provenienza.

C’è un adattamento fisico di elementi di finzione e fattuali o di cose già esistenti. Nel compost di Karlsaue Park, artefatti, elementi inanimati, organismi viventi, piante, animali esseri umani, batteri, sono abbandonati a se stessi, senza cultura, indipendenti l’uno dall’altro. L’insieme delle operazioni che accadono tra loro non hanno uno script.

C’è antagonismo, associazione, ospitalità e ostilità, corruzione, separazione e degenerazione senza incontro. Ci sono circostanze e variazioni che permettono l’emergere di complessità. Ci sono ritmo, automatismo e casualità, trasformazioni invisibili e continue, movimenti e processi, ma senza coreografia, sonorità e risonanze, ma non polifonia. C’è ripetizione, reazione chimica, riproduzione, formazione, vitalità, ma l’esistenza di un sistema è incerta…..

E’ senza fine, incessante.

Pierre Huyghe

Pierre Huyghe,   Untitled,   2012

Pierre Huyghe, Untitled, 2012

Future —

Jacopo Miliani, Fax ans Ropes,  2014 – on going

Il lavoro viene inviato via fax dall’artista direttamente nel luogo dell’esposizione e sta a chi riceve il fax comporre arbitrariamente la traiettoria della corda. Se da una parte si perde l’idea di autorialità tramite l’invio a distanza e la riproducibilità, il lavoro crea un legame con l’idea di scelta dell’individuo e del pubblico, attraverso la trasmissione e la partecipazione.

Jacopo Miliani,   Fax ans Ropes,   2014 – on going

Jacopo Miliani, Fax ans Ropes, 2014 – on going