Another Water – Roni Horn
Another Water – Roni Horn

Another Water di Roni Horn

Prima edizione  2000
Seconda edizione 2011
Pubblicato da  Steidl Publishers

«Cosa sai dell’acqua? Solo che è ovunque in modo diverso». Roni Horn

Another Water  è un libro d’artista che esplora la superficie del fiume Tamigi attraverso una serie di fotografie scattate  dall’artista nell’arco di un anno.  In questo affascinante e cupo libro le immagini che ritraggono le acque del fiume sono scure e mosse da onde limacciose. Il colore e la consistenza della superficie dell’acqua varia da fotografia in fotografia:  i colori vanno dal nero al blu e dal verde scuro al giallo kaki. Ogni pagina contiene delle note autografe, riflessioni  sugli stati d’animo, citazioni e estratti dai  verbali di polizia che registrano le morti  suicide per annegamento. 

L’acqua in questo libro si fa metafora di una dimensione della vita  fluida, immersiva e in costante mutamento. 
L’acqua elemento centrale nella ricerca dell’artista è letta  come componente del tempo di indiscutibile bellezza e da cui dipende la vita.

Another Water è un’ode alla sostanza dell’acqua, alla vita e alla morte, dove diviene centrale il motivo esistenziale, infatti la stessa Horn dichiara: «Non puoi parlare di acqua senza parlare di te stesso ».

Le opere di Horn che si concentrano sulle trame dell’acqua sono guidate in parte dal fascino che l’artista subisce osservando la mutevolezza del fiume Tamigi: 

The Thames has this incredible moodiness, and that’s what the camera picks up. [I]t has these vertical changes and it moves very quickly. It’s actually a very dangerous river and you sense that just by looking at it … [E]very photograph is wildly different – even though you could be photographing the same thing from one minute to the next. It’s almost got the complexity of a portrait.  »   ( Roni Horn)

Le bugie del giovane Danilo Montanari, Giuseppe De Mattia
Le bugie del giovane Danilo Montanari,Giuseppe De Mattia.

Le bugie del giovane Danilo Montanari di Giuseppe De Mattia

Edizione limitata di 100 esemplari numerati e firmati, 2020
Libro + cassetta audio
Pubblicato da Danilo Montanari Editore, Ravenna

Un’autobiografia semi fantastica, la trascrizione di registrazioni che raccontano il vero e anche il falso. Non si sa cosa salvare, le bugie dell’editore Danilo Montanari sono tante. Come tanti sono i suoi incontri: con Sol Le Witt, con Mario Diacono (di cui troviamo in chiusura una lettera-email), con Boetti, Kounellis e Mattiacci. Ogni breve racconto e capitolo ha un disegno-scena associato. Si tratta di una selezione dell’artista Giuseppe De Mattia, indiscutibile oratore di queste storie e ormai, dopo dieci anni, grande amico di Montanari.
Gli originali della serie pennarelli annacquati è presente nel primo esemplare di questa edizione in 100 copie. Ogni volume è inoltre accompagnato da una audiocassetta che mantiene il suo valore intatto soltanto se non scartata. Pertanto è possibile ascoltare e scaricare i racconti telefonici trascritti nel libro con un codice personale presente all’interno di ogni edizione.
Il libro ricalca una storia narrata all’interno di un capitolo dedicato a Giulio Paolini in cui si presenta l’opera Museo da viaggio. È una collezione tascabile di artisti più che di opere, una pubblicazione che racconta una fetta di storia dell’arte contemporanea da una prospettiva più intima. Dove a volte il fascino compiace la nascita della bugia, dove dall’ammirazione dei nostri eroi a volte facciamo uscire aneddoti nuovi.

Will Happiness find me, Peter Fischli e David Weiss.

Will Happiness find me di Peter Fischli e David Weiss

Prima edizione 2003  
Pubblicato da Alberta Press, Londra.

Will happiness find me?   è un libro  d’artista retrospettivo,  che testimonia i  25 anni di collaborazione tra Peter Fischli e David Weiss. Al suo interno vengono riportate questioni fondamentali, ma apparentemente banali, che l’esistenza ci pone.

Questo piccolo libro nero e oscuro, fatto di  scritte a mano di colore bianco contiene un innumerevole corpus di domande senza alcuna  risposta. Sono dubbi notturni  e  questioni semiserie come ad esempio:  “Sono forse il sacco a pelo della mia anima?” o  domande retoriche come: “É il mio essere pieno di serenità?” o “Sono condannato a vagare per la valle di lacrime come un clown?”.

Questo libro  curioso, disarmante e carico di humor nero e allo stesso tempo molto  divertente e può essere considerato come un lascito essenziale della poetica del duo di artisti svizzeri.

Fiabette, Diego Gualandris.

Fiabette di Diego Gualandris

Prima edizione 2018
Pubblicato da  Altalena, Milano.

Fiabette di Diego Gualandris è un libro di storie dedicate alla sorella minore. Illustrato con disegni di Alice Fiorelli, il libro naviga verso mondi magici toccati da un sapore grottesco. Incontriamo per esempio una storia sul niente, anzi la storia del signor Niente che non aveva mai nulla da fare, non soffriva caldo o freddo e non sapeva mai a cosa pensare. Sono storie per lestofanti, storie che ricalcano l’autore e i suoi quadri. In questo libro ci sono anche esseri violenti non soltanto esseri incantati. C’è anche Antonelloboy un albero che morì d’infarto dopo aver visto un cane doppio in ogni dove. Sono avventure semi-comiche in cui affiora il male e il bene e molto ardore. Nel 2019 il libro è stata la prima pubblicazione di Altalena, un’entità nomade che promuove le pratiche artistiche lente.