Lo sguardo di Giuseppe De Mattia è spesso diretto a un’analisi di situazioni impreviste e al riuso di oggetti di scarto che assumono diverse configurazioni passando per l’uso della fotografia, del disegno e della pittura.
Nel 2015 Giuseppe fonda Libri Tasso, progetto dedicato ai libri d’artista.

Per visionare l’archivio delle pubblicazioni ☞ ATPreplica

10 lanci di fascia elastica
Dimensioni: 17.0 x 24.0 cm
ed. 200 copie firmate e numerate + 5 con disegno originale
Ed. Corraini

“10 lanci di fascia elastica” è un libro d’artista realizzato con Corraini Edizioni. Collaboravo già con la galleria Maurizio Corraini a Mantova e capitò l’occasione di far vedere una nuova produzione di disegni su diversi supporti: da carte vecchie e sporche a carte vetrate colorate. I disegni rappresentavano forme astratte di uno o più elastici che, dopo essere stati lanciati in aria, al ritorno su una superficie, disegnavano qualcosa. L’ultima forma presa diventava “modella” per il mio disegno.
Lanciare un elastico in aria o puntarlo, chiudendo un occhio per affinare la mira, contro un inconsapevole amico è uno di quei divertimenti infantili a cui non si riesce a resistere nemmeno da grandi. La cosa più bella però è scovare poi l’elastico proiettato verso l’aria e ritrovarlo in una forma tutta sua, autonoma. Non c’è, apparentemente, nessun principio che ne regoli la forma. 
Nel gruppo dei nuovi lavori c’era anche una cartellina auto-costruita in cartone grigio, tenuta assieme da un elastico, in cui c’erano dieci disegni più piccoli di disegni eseguiti riprendendo altrettante forme prese da un elastico. A questo punto, i Corraini, prima Marzia e Maurizio e successivamente Pietro con il suo studio grafico, decisero di tenere questa forma anche nel libro che avremmo fatto assieme.
I disegni originali sono stati fatti con inchiostri stilografico blu e nel retro di ogni disegno c’è una frase che ripete quasi sempre in questa forma: “Ho lanciato un elastico e quando è caduto sul pavimento ha disegnato un…” per dieci volte una cosa diversa ovviamente.
L’elastico stesso che chiude la cartellina è inteso come invito a ripetere l’esercizio infinite volte.
La collaborazione con Corraini presta il fianco ad un libro d’artista adatto a un pubblico senza limiti di età, ispirandosi alla tradizione munariana.
Si decise di inaugurare una mostra di tutta la serie di disegni di elastici, Carte di balistica elastica, presso la Galleria Corraini di Mantova e il libro, presentato in quell’occasione, raccoglie dieci disegni: un campionario di forme casuali, generate dal caso e liberamente interpretate dall’artista, accompagnato da due testi critici di Claudio Musso e Vasco Forconi. 10 lanci di fascia elastica è stato pubblicato in tiratura limitata di 200 copie numerate e firmate.

Allo stesso tempo
Dimensioni: 37 x 45 x 6,5 cm
ed. 9 copie firmate e numerate (ciascuna con 9 disegni originali)
Libri Tasso

“Allo stesso tempo” è l’ultimo multiplo d’artista che ho realizzato con Libri Tasso prima dell’entrata, nel progetto editoriale, di Eleonora Ondolati e Carlo Favero. 

È una scatola di cartone avana, formato 30x45cm, che contiene nove disegni a china su carta in cotone, un libro che riporta ottantuno maquettes preparatorie dei disegni finali e i testi letti durante la performance per celebrare il 39° anniversario della Strage di Ustica, un testo di Lorenzo Balbi, direttore del Museo MAMbo di Bologna (co-committente del progetto). La scatola contiene anche un vinile su cui è stata incisa la registrazione della performance audio.

Il multiplo è in tiratura di nove copie. I disegni contenuti sono tutti differenti tra di loro, eseguiti a china. Il possessore della scatola quindi entra in possesso di due multipli (il volume delle maquettes e il disco) e di nove pezzi unici originali. Ogni scatola è quindi la parcellizzazione del lavoro totale realizzato per una committenza pubblica del Museo MAMbo e dell’Associazione delle Vittime della Strage di Ustica.
Ho immaginato quest’opera come forma di mostra da viaggio che costringerà, qualora in futuro si volesse esporre il lavoro nella totalità, l’intercettazione e l’unione delle nove copie.

La performance, che questo oggetto rappresenta, è stata eseguita il 27 giugno del 2019 davanti al Museo per la Memoria di Ustica, sono stati proiettati gli 81 disegni in sequenza accompagnati dalla lettura di altrettanti messaggi audio che rispondevano alla domanda “A cosa pensavi a fine giugno del 1980”? eseguita da Emidio Clementi e Francesca Bono e sonorizzata da Stefano Pilia.
I messaggi audio provenivano da persone nate prima del 1970 (che quindi avevano almeno dieci anni nel 1980, anno della strage) sparsi su tutto il territorio nazionale.
Libri Tasso è un progetto editoriale di autoproduzione di libri d’artista che ho avviato nel 2014, finora ho editato sedici libri in edizione limitata. Da quest’anno, con l’ingresso nel progetto di Eleonora Ondolati e Carlo Favero, si aprono le porte anche a lavori di altri autori. Il primo libro di questa nuova collaborazione è “Supertrama” di Luca Coclite.
Libri Tasso (sintetizzato L.T) è nato grazie alla frequentazione assidua di due persone in particolare. La prima è Danilo Montanari, editore ravennate specializzato in libri d’artista, che mi ha fatto conoscere il suo lavoro da vicino oltre a quello di Alvaro Becattini, illuminato grafico ed editore che, con il marchio Exit Edizioni, ha firmato tra i più bei libri d’artista del nostro paese.
L’altra e Jan Van der Donk, gestore dello studio bibliografico Studio Montespecchio che approda a Montespecchio (Modena), dopo aver chiuso la sua galleria nei primi anni del Duemila a New York City.
Importante combustibile per i miei libri d’artista è stata la vicinanza e collaborazione con altri studi bibliografici sul territorio nazionale e in particolar modo la Libreria Martincigh di Cristina Martincigh a Udine e l’Arengario di Paolo e Bruno Tonini di Gussago.

He Just Scrounges
Dimensioni: 31 x 21 cm
ed. 7 copie numerate e firmate
Libri Tasso

“He Just Scrounges” è un libro d’artista prodotto in sette copie. Il libro è basato su una sotto traccia che fa riferimento all’utilizzo di materiale altrui, con altre funzioni, ottenuto senza alcun merito, “scroccato”!
Il supporto stesso è il catalogo di uno dei primi centri commerciali della provincia di Bologna, la MOP.
Sono state prelevate sette copie del catalogo cartaceo, su ciascuna copia è stata cancellata la copertina con cementite bianca e riportato il titolo con china a pennello.
All’interno c’è un piccolo testo, incollato nelle pagine centrali, che fa da didascalia alle venti fotografie (stampe lambda 15×22,5 cm) incollate sulle pagine del catalogo. Gli scatti fotografici, eseguiti da mia moglie nell’estate del 2017, mi rappresentano mentre stacco grandi cartelli pubblicitari lungo una strada provinciale in Abruzzo. Questi verranno successivamente messi in piano e imbiancati con cementite per diventare nuovi supporti pronti ad essere riutilizzati.
Questo piccolo volume è stato realizzato intenzionalmente senza un progetto grafico preciso e rispettando più che altro un metodo che si attua per realizzare la maquette di un libro.
Ottenere “fogli bianchi” approfittando di manifesti è diventato il sistema per produrre una mostra a New York, curata da Vasco Forconi, a settembre dello stesso anno.
Per questa mostra, Disrupted Drawings, mi ero imposto un budget non superiore a 100$ e quindi, “scroccare” materiale recuperato dalle strade, imbiancato con un unico barattolo da mezzo chilo di cementite, mi ha permesso di avere grosse superfici di lavoro senza spese.
Il libro d’artista “He Just Scrounges” è parte della produzione Libri Tasso.

Coca Cola, 2015 – Casa a Mare
Dimensioni: 20 x 30 cm 
ed. 100 numerate
Skinnerboox

“Coca Cola, 2015 – Casa a mare” è un libro d’artista pubblicato da Skinnerboox e progettato graficamente da Milo Montelli.
Questo piccolo libro è la registrazione di una performance del collettivo Casa a mare di cui sono fondatore assieme all’artista Luca Coclite e al curatore Claudio Musso.
La performance, nella galleria Nowhere di Orio Vergani, a Milano, costituiva un rito comune delle estati del sud Italia in cui si produce la salsa di pomodoro fatta in casa. Questo atto vernacolare dura giornate intere riproponendo varie ritualità. In quell’occasione si decise di allestire l’attrezzatura per la preparazione della passata di pomodoro all’interno della piccola galleria milanese reiterando un rito aggregativo a cadenza annuale. Il fornellone da campo riscaldava una grande caldaia di alluminio in cui ribolliva il succo del pomodoro che era stato bollito e successivamente ripassato per eliminare la pelle. Questo atto durava diverse ore e gli spettatori potevano assistere e partecipare generando una comunità. In fine, una volta raffreddata, si travasava la passata in bottiglie di piccolo formato, monouso, della Coca Cola.
Il libro è una sequenza fotografica, ottenuta raccogliendo le immagini che i partecipanti facevano la sera della performance, delle varie fasi di preparazione della salsa.
Alla pubblicazione si accompagna anche una stampa firmata e numerata di una bottiglia di Coca Cola degli anni ’60, piena di salsa e non di bevanda gassata. Questa immagine vuole essere un déjà-vu che richiama a un immaginario di molti.Questa stessa immagine è stata successivamente utilizzata dal gruppo musicale Canzoniere Grecanico Salentino per la copertina del disco “Canzoniere”.

Il collettivo Casa a Mare è tuttora attivo.

LINK EDITORI E LIBRAI CITATI:

danilomontanari.com
studiomontespecchio.it
libreriamartincigh.com
arengario.it/