Haider Ali NAQVI - Behind the scene, 2017

Haider Ali NAQVI – Behind the scene, 2017

Nasce con l’intento benefico di sostenere l’organizzazione pakistana che promuove l’istruzione femminile di qualità in Pakistan: The Citizens Foundation. La mostra Art for Education: Artisti Contemporanei dal Pakistan – ospitata dal 17 ottobre al 26 novembre al Museo Diocesano Carlo Maria Martini, a cura dell’artista e critica Salima Hashmi e dalla critica e curatrice Rosa Maria Falvo – raccoglie le opere di 60 artisti pakistani tra nomi affermati e conosciuti a livello internazionale e artisti emergenti.

Come è evidente dal titolo, il focus della mostra è l’istruzione, aspetto che si radica fortemente in quella che è la mission della The Citizens Foundation. Istruzione e creazione artistica riflettono il sostrato culturale del Pakistan e sono da sempre strettamente connessi. Molti degli stessi artisti presenti in mostra infatti, sono o sono stati docenti, diventando dei veri e propri mentor per i loro studenti anche al di fuori delle aule universitarie, a dimostrazione che l’arte può riflettere esigenze e critiche della società e farsene portavoce.

Durante il corso della mostra ci saranno due appuntamenti ospitati al Museo Diocesano, in cui le curatrici terranno degli approfondimenti sulla mostra: uno in occasione dell’opening il 17 ottobre alle ore 18.30 e riguarda l’arte contemporanea pakistana; l’altro incontro, il 20 novembre alle 18.30, farà un focus su “Le donne del Pakistan: contesto, espressioni, trasformazioni” con le esperte Elisa Giunchi (Università degli Studi di Milano) e Anna Vanzan (Università degli Studi di Milano e di Pavia).

Rashid Rana, War Within VI_2016.17

Rashid Rana, War Within VI_2016.17

Quest’ultimo tema è decisamente importante per capire molte delle opere in mostra, visto che la maggior parte degli artisti sono donne. Le ragione vanno ricercate nella tradizione e nella storia pakistana: nell’antichità l’artigianato era un’attività praticata a casa prevalentemente dalle donne, e persino in tempi recenti per una donna era molto più facile frequentare la scuola d’arte piuttosto che l’università.

La curatrice Salima Hashmi ha affermato: “It’s odd that the worse things are, the better art becomes” (È strano come più le cose peggiorino, migliore diventi l’arte). L’arte pakistana ha a che fare strettamente con la liberta artistica e individuale e con la possibilità di esprimersi pur in condizioni non sempre favorevoli al libero pensiero. E un’arte sussurrata e raffinata, fortemente simbolica ed evocativa che rispecchia e sottintende le incoerenze della società attuale. Allo stesso tempo è rivoluzionaria perché sa parlare sottovoce ma in maniera potente, proiettandosi oltre i propri confini, conservando idealismo, passione e celebrando le tradizioni della sua terra.

Per maggiori informazioni  CS_mostra Art for Education

Naiza Khan, Concrete Folly III, 2017

Naiza Khan, Concrete Folly III, 2017

Imran Qureshi, The magical spells of the dark and countless aeons, 2017

Imran Qureshi, The magical spells of the dark and countless aeons, 2017

Asif KHAN, Film Still 13, 2014

Asif KHAN, Film Still 13, 2014