Artissima 2019 | Installation view Sokyo | Kimiyo Mishima | © Perottino-Piva-Bottallo : Artissima 2019

Back to the Future, giunta alla sua decima edizione, è la sezione di Artissima dedicata alla riscoperta dei pionieri dell’arte contemporanea a cura di Lorenzo Giusti, direttore della GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Cristiano Raimondi, curatore indipendente e direttore artistico della Società delle Api, e Nicolas Trembley, curatore indipendente, critico d’arte e curatore della SYZ Collection di Ginevra.
La sezione quest’anno si focalizza sul periodo 1960–1999 e presenta opere realizzate in quegli anni da artisti fondamentali, il cui lavoro però spesso non è conosciuto al grande pubblico.

In occasione di Artissima una giuria internazionale composta da Marcella Beccaria, Iwona Blazwick, Cjristine Macel e Lisa Parola ha assegnato all’artista Kimiyo Mishima (Giappone, 1932)! – rappresentata dalla galleria Sokyo di Kyoto – il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future:

“E’ un grande onore per noi quest’anno consegnare il premio di Back to the Future all’artista Kimiyo Mishima. Il premio è stato assegnato all’artista come segno di riconoscimento, un artista conosciuto nel nostro paese ma non sufficientemente in Europa. La sua pratica artistica unisce la saggezza dell’effimero e l’attenzione politica nei confronti della fragilità all’elemento diaristico della propria vita quotidiana.
Mishima, in modo pionieristico, dalla fine degli anni 70 ha assorbito dati, cultura pop e informazioni all’interno di esperimenti che hanno incluso anche invenzioni di nuove tecniche come quella della stampa e della serigrafia su ceramica”.

Artissima 2019 | Installation view Sokyo | Kimiyo Mishima | © Perottino-Piva-Bottallo : Artissima 2019
Sono stati resi noti i premi per la sezione DISEGNI - Premio Premio Refresh Irinox – e Back to the Future, Premio Sardi
Artissima 2019 | Installation view Sokyo | Kimiyo Mishima | © Perottino-Piva-Bottallo : Artissima 2019

Il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future è nato nel 2014 dalla partnership con la Fondazione Sardi per l’Arte, istituzione privata torinese voluta da Pinuccia Sardi a sostegno dell’arte moderna e contemporanea.

Artissima 2019 | Installation view ABRA | Sheroanawe Hakihiiwe | © Perottino-Piva-Bottallo / Artissima 2019

Vince la terza edizione del Premio Refresh Irinox dedicato alla sezione DISEGNI, Sheroanawe Hakihiwe, presentato dalla galleria venezuelana ABRA. Il premio è stato assegnato da una giuria internazionale composta da Simon Castets, direttore Swiss Institute di New York, Krist Gruijthuijsen, direttore del KW Berlin Institute of Contemporary Art di Berlino e Ole G. Slyngstadli direttore di Oslo Biennale ha scelto

Disegni, alla sua terza edizione, è la sezione della fiera dedicata a tutte le forme del disegno contemporaneo e intende valorizzare una pratica artistica “in grado di catturare l’immediatezza processuale e di pensiero del gesto creativo, vivendo in uno spazio sospeso tra idea e opera finita”
Curata per il terzo anno da João Mourão e Luís Silva, direttori della Kunsthalle Lissabon di Lisbona, persegue l’obiettivo di mostrare le ricerche più innovative attraverso i lavori di 21 artisti, rappresentati da 21 gallerie (11 straniere, 10 italiane).

Oltre a questo riconoscimento, dal 2018 è previsto un premio acquisizione da parte di Irinox, che seleziona un’opera tra gli stand partecipanti alla sezione. Quest’anno Irinox ha scelto il lavoro dell’artista Christiane Löhr:  “Christiane Löhr lavora nella galleria Tucci Russo di Torino che collabora con Artissima ormai da ventisei anni e siamo molto felici di questo” aggiunge Ilaria Bonacossa.

Artissima 2019 | Installation view ABRA | Sheroanawe Hakihiiwe | © Perottino-Piva-Bottallo / Artissima 2019