• Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists - Installation view
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists - Installation view
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists
  • Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists - Installation view

17 novembre 1974, notte.
Bosque Estatal De Rio Abajo, 15km a sud di Arecibo, Porto Rico.

C’è un uomo delle stelle che sta aspettando in cielo,
Vorrebbe venire a incontrarci,
Ma pensa che ci potrebbe sbalordire.
In una notte di gran silenzio, più quieta del solito, un uomo delle stelle scese giù senza far rumore, né luce né clamore. Con delicati passi, muovendo sul pelo dell’erba per non sgualcirla, si inoltrò nella vicina foresta.
“Mi hai chiamato tu poco fa?” disse l’uomo delle stelle al primo essere vivente che vide.
“No” rispose un pappagallo, “Ero qui in silenzio, fino a quando sei arrivato tu: mi chiamano Amazona Vittata, e non parlo molto. Non più. Tu chi sei?”.
“Sono un uomo delle stelle, e ho ricevuto un messaggio; veniva da qui. Non capita spesso di ricevere messaggi nello spazio, così sono venuto di persona. Ma tu perché non parli quasi più?”.
“C’era un tempo in cui noi pappagalli imparavamo tante parole. E l’Uomo, padrone della Terra, ci chiedeva soltanto di ripeterle per mero diletto: non comunicava realmente con noi, perché non ci riteneva intelligenti. Col tempo smise anche di curarsi dei pappagalli per seguire futili interessi, da cui noi trovammo riparo in questa foresta: perciò ora preferiamo restare in disparte, evitando di attirare ancora l’attenzione. Poco distante da qui l’Uomo ha costruito un grande orecchio per ascoltare tutto l’universo: e da quello strumento è partito anche il messaggio”.
“Capisco” disse l’uomo delle stelle, “Allora siederò per un po’ qui con te ad ascoltare il silenzio”.
Passò qualche ora e due rimasero immersi nella quiete. Poco prima del levar del sole il pappagallo riprese la conversazione: “Uomo delle stelle hai sentito?”.
“Certo” rispose lui, “Il vostro prudente ascoltare vi protegge. Sento solo il brusio della foresta, molto simile al canto delle stelle che vagano nello spazio infinito dalla notte dei tempi”.
“Allora, se un giorno vorrai rispondere a quel messaggio, ricorda questo nostro silenzio”.
Il pappagallo e l’uomo delle stelle rimasero ancora qualche momento in ascolto. Poi, dopo aver salutato con lo sguardo, l’uomo delle stelle se ne andò, leggero come il vento, così come era arrivato, lassù da dove era venuto. Senza fare rumore.
Era un indistinto jive cosmico.

[Fin qui un dialogo fantastico, tra un pappagallo e un uomo delle stelle, liberamente ispirato a The Great Silence, la nuova mostra di Quartz Studio; fa ora seguito il racconto della videoinstallazione]

Quartz Studio propone Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla con la videoinstallazione The Great Silence in una versione realizzata a un solo canale, rispetto a quella a tre canali presentata al Philadelphia Museum of Art nel 2014.
I due artisti raccontano nella galleria torinese il legame sonoro che intercorre tra la foresta del Rio Abajo in Porto Rico e l’intero universo: la chiave di volta è rappresentata dal grande Radiotelescopio di Arecibo, costruito proprio al limitare della zona verde. La proiezione, supportata da un testo prodotto in collaborazione con Ted Chiang, mostra allo spettatore un pappagallo che narra allegoricamente di come veda l’Uomo sforzarsi di comunicare con il cosmo: un Uomo che non riesce però nemmeno a sentire né il richiamo di contatto degli uccelli né alcuno degli esseri viventi a cui gradualmente sta sottraendo il pianeta, tra cui se stesso.
Il silenzio della foresta viene così associato al quello dell’universo, suggerendo un’altra risposta al paradosso degli anni ’50 enunciato dal fisico italiano Enrico Fermi “Where is everybody?”. Al messaggio di Arecibo, partito il 16 novembre 1974, risponde perciò il cauto pappagallo tramite l’alternativa di un silenzio condiviso (anche da eventuali altre specie aliene).
La mostra presso Quartz Studio è aperta dal 04 novembre 2016 al 07 gennaio 2017.

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 still frame, courtesy of the artists

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 – still frame, courtesy of the artists

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 – still frame, courtesy of the artists

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 - still frame, courtesy of the artists

Allora & Calzadilla, The Great Silence, 2016 – still frame, courtesy of the artists